Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sacerdote argentino in Mozambico racconta le atrocità dell'Isis: “Quando uccidono, cercano prima i cattolici”

Sacerdote argentino in Mozambico racconta le atrocità dell'Isis: “Quando uccidono, cercano prima i cattolici”

Padre Juan Gabriel Arias si prende cura di una donna della sua missione a Magundzi, nel sud del Paese

Nel nord del Mozambico è in corso una catastrofe sociale e umanitaria. Aspetto di L'organizzazione terroristica Stato Islamico in Mozambico Nella provincia di Cabo Delgado ciò è già avvenuto 5mila morti e 700mila sfollati Dall’inizio del terrore nel 2017, secondo le Nazioni Unite.

Sono passati 24 anni da quando lo spirito di un prete cattolico argentino ha toccato quel paese Padre Juan Gabriel Arias. Nel 2000 arrivò per la prima volta in quel Paese africano, che conta una popolazione di 27 milioni di abitanti, di cui il 35% cattolici e il 30% musulmani, anche se sono la maggioranza nel nord. All'inizio fece viaggi sporadici. E Dal 2015 è presente stabilmente nella Missione di San Benedicto de Magundzi, Dista 240 chilometri dalla capitale Maputo e 35 chilometri dalla città di Zai Zai, capoluogo della provincia di Gaza.

Una delle prime cose che fece fu dipingere la sua parrocchia di blu e bianco, alla quale portò anche un'immagine della Vergine di Logan. Con spirito imprenditoriale, iniziò a cambiare la realtà della sua comunità: costruì case fisiche e pozzi d'acqua, e costruì un ospedale per la maternità. Il suo ultimo atto è stato quello di entrare in contatto con un'azienda argentina, The Future Co., che, in una zona rurale isolata dal mondo, ha sviluppato un progetto che prevedeva la fornitura di acqua, elettricità, connettività, tecnologia, sport, scuole e un ospedale per un intera comunità. Comunità. Come spiega: “È il primo pezzo che hanno realizzato per essere esposto gratuitamente. E poi venderanno il progetto a governi, ONG e istituzioni…” Non solo: esiste anche da un po' Manda i giovani della sua setta a studiare all'Università Cattolica Argentina. Anche se ultimamente è diventato molto caro: ogni visto costa mille dollari. Copre le 44 parrocchie della missione, la più lontana delle quali è a 90 chilometri Un camion bianco ottenuto grazie ad una donazione di Papa Francesco. Là lo chiamano, nella lingua Shangan, “Mofundis Joao” o “Mofundis shtsongu” che significa “padre del popolo”.

READ  Il Viagra non è per divertimento, è la cura | Il presidente Bolsonaro ha giustificato un massiccio acquisto di questo farmaco per i militari

Tutto ciò che hai costruito passo dopo passo potrebbe essere minacciato in breve tempo. Sebbene la provincia in cui si trova Arias si trovi nel sud, A circa 2.000 chilometri dal cuore del conflitto, Dice che c'è “tristezza e paura” per ciò che potrebbe accadere in futuro. Mentre si stava riprendendo da un intervento chirurgico alla schiena tre settimane fa a causa di un'infezione, ha detto a Infobae che la situazione nel nord del paese “È molto peggio di quello che dice l'ONU.”

Diocesi distrutta dallo Stato Islamico del Mozambico a Mocimboa da Praia, nella provincia di Cabo Delgado (ACN)

“Tutto ciò è iniziato in modo molto forte nel 2017. Poi il governo del Ruanda e di altri paesi vicini al Mozambico sono intervenuti e hanno fatto un passo indietro. Ma ora la situazione è tornata”, dice. Il sacerdote argentino racconta che Cabo Delgado, la zona dove attualmente è attiva l'organizzazione terroristica, “È la zona più ricca del Paese. Ha gas, metalli preziosi, diamanti e petrolio. La Total (a capitale francese) opera lì in un giacimento di gas, che secondo loro è il terzo più grande del mondo.

Il problema che affliggono il resto dei Mozambicani è la scarsa informazione che ricevono sugli attacchi. “Il governo minimizza, come ha fatto all’inizio. “Non è grave adesso, non è un grosso problema”, dicono. Ma le notizie in arrivo sono terribili. Appaiono raramente nelle notizie locali, ma si diffondono ovunque su Internet. Se qualcosa del genere accadesse in Argentina, sarebbe sullo schermo 24 ore al giorno. Ad esempio, ho un giovane della parrocchia che combatte lì con l'esercito, ma hanno difficoltà, perché le loro forze armate sono poco equipaggiate, con una preparazione minima. Inoltre, le forze ruandesi si sono ritirate, così come quelle della Comunità per lo sviluppo dell’Africa australe (SADC), una confederazione di paesi dell’Africa sub-sahariana, in particolare del Sudafrica, che è in gran parte inattiva. A metà febbraio, per esempio. 25 soldati sono stati uccisi in un attacco dell'Isis nella città di Mokogo. I combattimenti si sono intensificati dopo la morte del leader locale dell’Isis, Bonomade Machudi Omar, nel 2023.

Sfollati mozambicani fuggono dalla provincia di Cabo Delgado a causa degli attacchi dell'ISIS (EPA/TIAGO PETINGA)

Riguardo al nemico che devono affrontare, il sacerdote sottolinea che “non sono musulmani comuni e con loro abbiamo una meravigliosa convivenza”. Nemmeno loro li riconoscono. Noi siamo Fondamentalisti islamici Chi proveniva da altri paesi, alcuni dicono dalla Tanzania. Dato che la situazione economica qui è pessima, assumono anche giovani locali come soldati o rapiscono le persone.

READ  La figlia di Brigitte Macron racconta com'era vivere con la madre innamorata di un ragazzo di 15 anni, il futuro presidente della Francia

Quando arrivano in una città, spiega Arias, “fanno cose terribili. Quando entrano in una città per uccidere, cercano prima i cristiani. Sono andati subito dove si trovava la parrocchia cattolica e hanno distrutto il tempio, le case dei preti, tutto. Molti sacerdoti se ne sono andati, tra l'altro, su richiesta del vescovo, per non smascherare la gente. Perché dove risiede il prete la gente non si muove. I sacerdoti stranieri che rimangono in quella provincia devono firmare una lettera al vescovo, affermando che rimangono liberi di volontà e che lo fanno Non accettano il pagamento del riscatto se vengono rapiti. Perché qualche anno fa è successo che una suora italiana è stata rapita e la Chiesa ha pagato un riscatto. Il risultato è stato che hanno accusato la chiesa di sostenere i terroristi C'è stata un'uccisione di suore. È una situazione complicata, vivono in villaggi dove non c'è sicurezza o altro…” secondo Arias: Tutte le chiese nella provincia di Cabo Delgado sono state distrutte.

Secondo lui lo Stato islamico in Mozambico (inizialmente chiamato Chabad) non ha ancora dichiarato un obiettivo chiaro, anche se alcuni post parlano di eliminare i cristiani in modo che vi vivano solo musulmani. Per Arias “ci sono delle teorie. La cosa principale è quella Cercano di creare una grande nazione islamica con il Mozambico e i paesi vicini Con eserciti deboli. Le poche volte in cui pubblicavano video dicevano che avrebbero affrontato gli eretici. Si prevede anche che dietro Potrebbe esserci traffico di droga Ecco perché presero il controllo delle isole e controllarono il passaggio delle navi”.

READ  Irlanda: si dimette il primo ministro Leo Varadkar | Dopo il fallimento del referendum sul ruolo delle donne e della famiglia

Le Nazioni Unite stanno attualmente compiendo sforzi per alleviare le condizioni degli sfollati che si affollano nei governatorati vicini, come ad esempio: Secondo le Nazioni Unite, Avranno bisogno di 400 milioni di dollari Per aiutare gli sfollati in Mozambico, hanno ricevuto impegni solo per il 5% di quel numero, ha ammesso Robert Piper, consigliere speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per gli sfollati interni. Arias vede la situazione con un certo scetticismo: “È impossibile sfamare 700.000 persone contemporaneamente”.