Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questo è il cibo che gli Inca usavano per curare la febbre a Tahuantinsuyu

Questo è il cibo che gli Inca usavano per curare la febbre a Tahuantinsuyu

La febbre, antica nemica dell'umanità, trova il suo avversario nelle proprietà antipiretiche delle piante medicinali peruviane. (Caral)

Nelle terre peruviane, abbiamo molte tradizioni ancestrali fin dai tempi del Tahuantinsuyo, e la medicina tradizionale è rimasta un fattore importante nell’assistenza sanitaria di base. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, più di L'80% della popolazione mondiale Ricorrono abitualmente alla medicina tradizionale, poiché le piante medicinali sono una risorsa essenziale per soddisfare varie esigenze di salute.

Le statistiche indicano che una grande percentuale della popolazione utilizza trattamenti tradizionali a base di estratti vegetali o dei loro principi attivi. Le malattie più comuni trattate con queste pratiche È la febbre Processi infiammatori, contusioni, problemi gastrointestinali e altri.

Febbre, che è caratterizzata da un aumento della temperatura corporea oltre 37°CÈ un indicatore per l'organismo di possibili cambiamenti, generalmente associati a infezioni o alla presenza di virus. Da tempo immemorabile l’umanità ha fatto ricorso ai rimedi naturali e le piante medicinali sono state la principale fonte di trattamento Febbre e altre malattie.

Dai guaritori Inca ai giorni nostri, le foglie di coca hanno svolto un ruolo cruciale nella medicina tradizionale delle nazioni andine e amazzoniche, agendo come antidolorifico per lo stomaco, antidiarroico e carminativo.

Nel contesto peruviano, sia i popoli andini che quelli amazzonici hanno ereditato e preservato la conoscenza delle proprietà curative di diverse piante. Costa, montagne e foresteCon la sua diversità geografica, ospita una vasta gamma di specie vegetali con proprietà medicinali. Questo repertorio è un prezioso tesoro della medicina tradizionale, ogni regione contribuisce con la propria collezione di piante benefiche.

Il Perù si distingue come uno dei paesi con la maggiore diversità di piante al mondo, con circa 100.000 piedi quadrati 25mila specie unicheDi questi, 1.400 hanno proprietà medicinali. Tra questi, 823 possiedono proprietà antipiretiche, essendo preziosi alleati nella cura della febbre. La scienza sta poco a poco svelando i segreti curativi di queste piante, contribuendo a comprendere più a fondo la ricchezza botanica che determina la tradizionale salute di queste terre.

Scopri le diverse classi di medici dell'impero Inca, dai saggi Ichuris ai guaritori comaschi, ognuno con il suo ruolo vitale nell'assistenza sanitaria.

Nel territorio del Sud America, precisamente in Perù, Colombia, Ecuador e Venezuela, si erge maestoso il fiume Eucalyptus, conosciuto anche come la “conchiglia sacra”. Raggiunge un'altezza di 10 metri e la sua corteccia ruvida, le foglie strette, i fiori verdi e i piccoli semi racchiudono proprietà che la rendono una pianta “sacra”, utilizzata dagli antenati per prevenire e combattere diverse malattie.

READ  Un'azienda farmaceutica prepagata non potrà aumentare le tariffe a causa dell'età dei suoi membri

Nell'antichità la febbre, sintomo comune di molte malattie, veniva curata con verdure che avevano proprietà antipiretiche. lo storico Inca Garcilaso de la Vega Si tratta dell'uso dell'infuso di baiko, particolarmente efficace contro la febbre che compare durante una malattia Inca Atahualpa Mentre era in prigione a Cajamarca.

Quella che viene chiamata quina, scientificamente conosciuta come Eucalipto officinalis Appartiene alla famiglia delle Rubiaceae, ed è originario di queste terre del Sudamerica. Il suo nome è menzionato nei documenti storici, dove padre Cobo menziona l'uso della corteccia dell'albero di eucalipto, chiamato anche “Albero della febbre”Buccia o corteccia peruviana per combattere la febbre. Padre Cobo fa riferimento anche ad altre piante come la chuquicanlla e il chilco, che vengono utilizzate negli infusi e nei bagni per trattare lo stesso disagio.

Nicolas Monardes, medico e botanico spagnolo, aggiunge alla lista dei rimedi un infuso di semi di un albero chiamato velica e la radice della pianta della salsapariglia, quest'ultima non solo agisce come antipiretico, ma ha anche proprietà diuretiche e antisifilitiche .

Nel regno vegetale il salice, che appartiene al genere Salix, compare come portatore della salicina, precursore dell'acido acetilsalicilico. Questa sostanza, oltre ad avere proprietà analgesiche, ha proprietà antipiretiche, Ridurre la febbre. In alcune località continua ad essere utilizzato come alternativa alla pianta della china (Cinchona pubescens), il cui alcaloide chinino è stato storicamente utilizzato per trattare Malaria e altre febbri. Nella medicina tradizionale, la storia di queste piante continua ad essere raccontata attraverso i secoli, rivelando i tesori curativi che la natura ha da offrire.

La medicina tradizionale peruviana ha radici profonde e si avvale della ricca diversità di piante medicinali per curare vari disturbi, in particolare la febbre.

Nell'antico impero Inca, la salute era nelle mani di una classe diversificata di medici, che non solo curavano i malati con erbe e prodotti naturali, ma eseguivano anche cerimonie di guarigione. Compreso “iCoree medici curanti che hanno condiviso le loro competenze con la popolazione. Per la popolazione ordinaria, “Komaska” Erano responsabili di garantire il loro benessere, mentre i nobili Inca si fidavano dei loro servizi “Amaukas”.

READ  Coltivare nuove generazioni e tendenze nel mondo del lavoro

Lui vengo da teCon le sue capacità diagnostiche valutava malattie e stili di vita. Lui Hanbek, una sorta di sciamano, mostrava le sue arti curative nelle cerimonie religiose. Lui Baku Era responsabile della guarigione dell'anima, credendo che il cuore ospitasse questo elemento vitale. Lui SankoyukPrete chirurgo, interviene in caso di arti rotti, ascessi e problemi dentali. Lui Hampi kamayukl'alchimista dello stato Inca, proteggeva invece le risorse medicinali naturali Coolahuaia Piante medicinali e amuleti venivano realizzati per promuovere la salute.

Il tradizionalista peruviano Ricardo Palma non ha resistito alla tentazione di dedicare qualche riga a Callao (regione andina)

Lo scrittore peruviano Ricardo Palma racconta che l'indiano Pedro de LeivaAveva la febbre, così andò a bere l'acqua di uno stagno in cui crescevano radici di eucalipto e si sentì sollevato. A quel tempo era una moglie Viceré del PerùLa contessa di Chinchón si ammalò e manifestò gli stessi sintomi. Per confermare l'efficacia di questo magico infuso, il Viceré ordinò ad un abitante del villaggio di assaggiarlo davanti alla moglie.

Quando vide che non aveva effetti mortali, decise di darlo a sua moglie finché le sue condizioni non fossero migliorate. Così, dopo un po', dopo aver bevuto continuamente acqua di eucalipto, la contessa di Chinchun guarì e smise di avere questa febbre ricorrente. Pertanto ho ordinato la preparazione di grandi quantità di corteccia macinata da distribuire gratuitamente alla popolazione. Così il trattamento divenne noto come ““Le polveri della contessa Chinchun.”