Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questa è la vita quotidiana di un infermiere e ricercatore

Gli infermieri spesso trovano difficile bilanciare la ricerca con la cura del paziente.

Si parla molto della ricerca medica, ma a volte una figura chiave in essa viene tralasciata: ricerca infermiere. Una pietra miliare della professione infermieristica, questo modulo di ricerca fornisce risorse e guide che i professionisti possono realizzare Direttamente applicabile alla pratica clinica Per migliorare la qualità della cura del paziente.

Maria Concepcion Caratala, infermiera qualificata e professore associato presso il Dipartimento di Medicina Clinica dell’Universidade Miguel Hernandez (Elche), spiega che tutto ciò che un’infermiera ottiene “diventa successivamente applicabile nella pratica clinica e ha un impatto sulla qualità dei pazienti”. Questo è il “grande” vantaggio della ricerca infermieristica: la capacità di Applicare quanto appreso alle attività sanitarie di giorno in giorno.

Attualmente, Carratalá si dedica esclusivamente alla ricerca e all’insegnamento. “Succede spesso, lo è La ricerca e la cura del paziente sono difficili da combinare“, spiega. E così, ricorda Necessità di rafforzare entrambe le attività con borse di studio e assistere gli operatori sanitari. “Questo sembra prendere forma con le basi per una ricerca clinica avanzata tra i professionisti della salute ospedaliera”, spiega.

Evita di fare le cose “come hanno sempre fatto”

A titolo personale, la professoressa spiega di essersi interessata alla ricerca “perché potesse Svolgere il proprio lavoro di infermiere attraverso pratiche cliniche basate sull’evidenza E non perché è sempre stato fatto così. In questo modo, ha commentato, il suo desiderio di continuare ad apprendere e di fare la sua tesi di dottorato è stato per lei un modo per unirsi a gruppi di ricerca e persino diventare un investigatore principale su alcune di queste indagini.

In questo modo, è stato in grado di dirigere più di 40 tesi di dottorato Ha pubblicato 80 articoli su riviste scientifiche. Nel suo caso le sue principali linee di ricerca sono le attività di prevenzione e promozione della salute, l’aderenza a stili di vita e terapie, la cronicità.

“Quello che desidero è questo La tua ricerca è utile per poter fornire una migliore assistenza al pazienteE, proprio come gli operatori sanitari la cui ricerca li ha guidati, ora stanno praticando migliori pratiche cliniche”.

La ricerca infermieristica è talvolta accusata di mancanza di visione. Carratalá commenta che da quando Nursing ha iniziato a indagare di recente (“Circa Può essere considerata una disciplina emergente”), non si conoscono le possibilità che offre agli operatori sanitari e sottolinea come spesso il carico di cure che devono sopportare gli infermieri renda difficile dedicare tempo alla ricerca.

Per rendere visibile la ricerca infermieristica, un modo è attraverso le comunità scientifiche. Ad esempio, la Società Scientifica di Infermieristica Spagnola (SCELE), creata nel dicembre 2000 presso l’Università di Alicante, è di portata nazionale ed è nata legata all’emergere dello sviluppo accademico della professione infermieristica.


ricerca sulla cura

Inoltre, lì Unità di ricerca in cura Come l’Unità di ricerca e servizi sanitari dell’Istituto sanitario Carlos III (Investen-Isciii). Nell’unità, supportano la formazione di professionisti infermieristici con un corso sulla metodologia della ricerca.

Inoltre, Caratala sottolinea che ci sono scuole per infermieri “eccellenti” in Spagna, dove puoi anche studiare studi post-laurea. “Questo fa Ci sono sempre più professionisti infermieristici con diplomi di dottoratoche a volte è un requisito per partecipare a borse di studio competitive, per essere un ricercatore principale, nonché per partecipare a gruppi di ricerca nazionali e internazionali nel campo dell’assistenza infermieristica”. A livello internazionale, spiega il professore, c’è più tradizione di ricerca. “Qui in Spagna abbiamo trascorso molto meno tempo, dice.

Ricorda, infine, la “necessità” di promuovere lo sviluppo di gruppi di ricerca nel campo della sanità, attraverso le università, le società scientifiche, le unità di ricerca e le istituzioni ospedaliere. “Non può essere indagato da soloServe la collaborazione di tutti”.

Sebbene possano contenere dati, dati o osservazioni di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni contenute in Redacción Médica sono curate e preparate da giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare un professionista della salute per qualsiasi domanda relativa alla salute.

READ  Carezze, indispensabili per il benessere e la felicità dei bambini e per chi non lo è più | famiglia | mamme e papà