Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mondiali di calcio in Qatar, l’apoteosi della speculazione finanziaria sullo sport

Il calcio ha un senso educativo di creare comunità. Nelle squadre di calcio giovanile e nelle leghe minori di llanero si creano legami di solidarietà e sostegno reciproco, e si impara ad affrontare la frustrazione della sconfitta o la rabbia della sconfitta, ma anche la gioia della vittoria.

Il calcio è come tante facce. Hanno molte facce. Uno di questi è la politica. A proposito, Gerardo Caetano, ex calciatore e storico uruguaiano, ha dichiarato: “Chi pensa che lo sport non abbia nulla a che fare con la politica, non sa nulla di sport o non sa nulla di politica”.

Il medico dice che il calcio ha un aspetto educativo, soprattutto quando si gioca negli stadi di quartiere Tommaso Gravantricercatore del Center for Interdisciplinary Research in the Sciences and Humanities (CEIICH) dell’UNAM, che ci regala un passaggio di parole su entrambi i lati del calcio, in occasione della Coppa del Mondo FIFA in Qatar.

Politicamente, afferma Gravante, la FIFA ha utilizzato la Coppa del Mondo FIFA per svolgere esercizi di allenamento noti come Lavaggio sportivovale a dire il riciclaggio sportivo attraverso il quale, organizzando un evento sportivo, si distoglie l’attenzione dalla cattiva situazione dei diritti umani e dagli scandali di corruzione all’interno del paese organizzatore.

qualche esempio:

  1. La Coppa del Mondo 2018 in Russia, vista ormai dall’Occidente come il nemico numero uno del mondo, è stata all’epoca la cancellazione di Putin e del regime russo per la mancanza di diritti civili in quel Paese.
  2. Ai Mondiali del 2010 in Sud Africa, è stato anche pratico Lavaggio sportivoin quanto presentava al mondo un paese che avrebbe superato i problemi razziali e un’economia emergente come i paesi BRICS per promuovere il commercio mondiale.
  3. Come è successo con l’Argentina, i cosiddetti “Mondiali della vergogna”. Nel 1978 organizzò e vinse la prima Coppa del Mondo con Mario Kempes, sotto la dittatura del generale Videla. C’erano persone che venivano torturate nelle caserme militari”. Il New York Times titolava: “Argentina 78, il calcio pretesto per la dittatura”.
  4. Un altro esempio lampante è la Coppa del Mondo del 1934 che si tenne durante il governo fascista di Benito Mussolini in Italia.
  5. I Mondiali del Qatar 2022 mirano anche a lavarsi la faccia davanti al mondo con un sistema che va contro i diritti umani, la diversità sessuale e la libertà di espressione.
READ  Esperienza dell'oftalmologo di San Francisco

Inoltre, dobbiamo ricordare che il Qatar ha passato anni a cercare di cambiare la sua immagine di fronte al mondo. D’altra parte, promuovere eventi sportivi come il torneo Qatar F1 Grand Prix o sponsorizzare squadre di calcio come FC Barcelona, ​​​​AS Roma, Boca Juniors, Paris Saint-Germain e FC Bayern Monaco attraverso Qatar Airways. Dall’altro, la promozione di eventi culturali internazionali nel Paese.

Qatar: calcio, politica e affari

Il ricercatore del CEIICH in Qatar sottolinea che ci sarà una segregazione spaziale mai avvenuta prima in nessun Mondiale, nemmeno ai Mondiali in Sud Africa (non c’è più apartheid tra le comunità dominanti bianconere), dove i tifosi stranieri possono viaggiare gratuitamente in tutto il paese, recandosi nella riserva del safari africano, nei quartieri, nei ristoranti, nelle mense, ecc.

Nonostante tutto, in Sudafrica c’era un punto di contatto fisico e spaziale tra stranieri e sudafricani. Non in Qatar. Gli stranieri “non avranno alcun tipo di contatto con la società del Qatar”. Saranno limitati a determinati luoghi e con restrizioni, come non bere alcolici negli stadi, non avere la libertà di muoversi nel paese e nelle città.

Calcio, politica e affari si intrecciano in Qatar.

Ad esempio, per ottenere l’incarico del World Football Headquarters, sono note operazioni illegali, “una completa manovra degli anni scorsi da parte dell’emiro del Qatar”.

Il Qatar – aggiunge Gravanti – non è solo sede dei Mondiali. È anche una delle sedi di denaro o affari più importanti del mondo. La Coppa del Mondo riunirà ancora una volta milionari per fare affari con la famiglia reale del Qatar.

Dal punto di vista geopolitico, aggiunge il ricercatore del CEIICH, il Qatar è la chiave per l’Europa così come per gli Stati Uniti.

READ  Real Madrid: Mbappe: "Il calcio oggi non lascia nulla al caso"

Con una crisi energetica impressionante, l’Europa è alla ricerca di paesi per rifornirsi di gas e il Qatar è uno di questi, perché è uno dei maggiori produttori di petrolio e gas al mondo.

Anche gli Stati Uniti hanno lo stesso interesse. Al presidente Obama è sembrato che la scelta del Qatar per ospitare la Coppa del Mondo fosse una scelta sbagliata da parte della FIFA. D’altra parte, ora per il presidente Biden “è l’ideale perché è necessario un alleato strategico”.

Inoltre, il Qatar è un paese politico strategico. Nonostante non faccia parte della NATO e sia in conflitto con altri Paesi del Golfo Persico come l’Arabia Saudita, per il mondo occidentale (Stati Uniti ed Europa) avere un piede in Qatar è, per i meno economici, una mossa per guadagnare un vantaggio nelle risorse naturali.

Calcio e società

Il calcio, per la sua semplicità, sembra un gioco normale rispetto ad altri sport: chiunque può giocarci, ma ha una componente sociale, soprattutto quando si gioca nei campionati minori, nelle piccole comunità, in città e nel quartiere, dice Gravant. , coordinatore Laboratorio di attività popolari e alternative CEIICH (www.lacab.org.mx).

Il calcio “ha un significato educativo quando si crea una comunità”. Nelle squadre di calcio giovanile llanero si creano legami di solidarietà e sostegno reciproco e si impara a gestire la frustrazione della sconfitta o la rabbia della sconfitta.

Il calcio è una buona scuola per molti giovani che imparano ad andare d’accordo con gli altri ea gestire i sentimenti di disagio. Tutti quelli che hanno fatto un po’ di calcio di strada lo hanno fatto in gioventù o nell’adolescenza.

READ  Una giornata intera: idee per realizzare la tua versione e festeggiare... con moderazione

Anche se i Mondiali del Qatar “sono l’apoteosi del fare soldi sullo sport”, il calcio non perde il suo fascino. Le selezioni ei giocatori giocheranno e ci daranno piacere e amarezza.

Nonostante si tenga un Mondiale come quello che si è svolto in Qatar, il ricercatore dell’UNAM ha sottolineato che non bisogna perdere la speranza nel calcio per costruire una comunità, dal basso, dagli stadi vicini. Il calcio ci insegna, ci insegna a gestire la nostra rabbia e la nostra felicità.

“I giovani possono cambiare questa visione del calcio capitalista, per avere un calcio più popolare, più vicino alle nostre emozioni e ai nostri cuori”.

Potrebbero interessarti anche:

Piccolo diametro gigante

Gerardo Caetano: Calcio e Politica

Sintesi del CEO

Alcuni Mondiali FIFA hanno lavato la faccia a regimi che non rispettano i diritti. Esempi: la dittatura di Videla in Argentina nel 1978 e ora l’emiro del Qatar. Nonostante questo, il calcio, giocato nel quartiere e nei campionati minori, insegna a creare legami di solidarietà. Anche per gestire la frustrazione e la rabbia e rallegrare la vittoria.

Lascia il tuo commento

Commenti