Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quello che dice lo studio della rivista scientifica The Lancet analizza perché, per 50 giuristi, la vaccinazione contro il COVID-19 dovrebbe essere obbligatoria.

I vaccini contro COVID-19 hanno mostrato benefici nella prevenzione di malattie gravi e morte. Ci sono già alcuni autorizzati nei bambini

I vaccini contro il COVID-19 sono stati valutati in studi clinici senza bypassare le classiche fasi della ricerca clinica in tempi record e hanno dimostrato sicurezza ed efficacia. Ci sono già 9 vaccini che hanno ricevuto l’autorizzazione per l’uso di emergenza e il 52% delle persone ha lo schema completo. Ma l’epidemia è in corso e sempre più persone hanno bisogno di assumere e accettare dosi come strumento in grado di ridurre il rischio di complicazioni e morte. È giustificato che la vaccinazione contro il COVID-19 sia ora obbligatoria?

La prestigiosa rivista medica The Lancet ha pubblicato un articolo che è il risultato di discussioni e analisi tra 50 esperti globali che hanno esaminato gli argomenti a favore e contro la vaccinazione COVID-19 all’interno del programma di immunizzazione ufficiale. La discussione si è svolta sotto Lex Atlas: Covid-19 (LAC19), Una rete globale di giuristi che producono e organizzano l’Open Access Oxford Brief of National Legal Responses to COVID-19.

Nelle ultime settimane, Sono stati introdotti progetti di legge per rendere obbligatorie le vaccinazioni in vari paesi. Il 9 dicembre 2021, il governo austriaco ha presentato al Parlamento un disegno di legge che renderebbe obbligatoria la vaccinazione contro il COVID-19 per tutti i suoi residenti. La mossa è arrivata sulla scia dell’annuncio del primo ministro greco di imporre multe ai residenti di età pari o superiore a 60 anni che non sono vaccinati contro il COVID-19. Molti altri paesi stanno prendendo in considerazione mandati simili o hanno adottato mandati in determinati luoghi di lavoro, tra cui Australia, Brasile, Canada, Francia, Indonesia, Italia e Regno Unito.

Per aumentare la copertura, si è discusso se sia opportuno attuare regolamenti sanzionatori in modo che le vaccinazioni contro il COVID-19 siano obbligatorie / (REUTERS / Agustin Marcarian)
Per aumentare la copertura, si è discusso se sia opportuno attuare regolamenti sanzionatori in modo che le vaccinazioni contro il COVID-19 siano obbligatorie / (REUTERS / Agustin Marcarian)

in Argentina, Rappresentante Nazionale di Salta Veronica Caliva e suo omologo Juan Carlos Aderet per la provincia di Buenos Aires, Hanno introdotto un disegno di legge volto a rendere gratuita e obbligatoria la vaccinazione contro il COVID-19 inserendo la vaccinazione nel calendario nazionale.

Caleva ha detto in un’intervista con Infobae Sulle posizioni che il disegno di legge incide sulle libertà delle persone.

hOggi in conferenza stampa, il ministro della Salute del Paese, Carla Vizzotti, ha bocciato il progetto di rendere obbligatoria la vaccinazione contro il COVID-19: “Non è il momento”, reclamato. Pertanto, ha preso le distanze dall’iniziativa presentata dai deputati del Todos Front e ha anche annunciato l’acquisto di oltre 18 milioni di dosi di vaccini Pfizer, compresi i vaccini per bambini dai 5 ai 12 anni.

READ  Vitamina che aiuta a perdere peso

Nell’articolo pubblicato in bisturie 50 esperti concludono che la vaccinazione obbligatoria e gli standard sui diritti umani sono compatibili. Sono del parere che “esiste un argomento convincente basato sui diritti affinché lo stato consideri l’adozione della vaccinazione obbligatoria, definita come qualsiasi legge che renda obbligatoria la vaccinazione, o qualsiasi obbligo di vaccinazione pubblica o privata per l’accesso a un luogo o servizio che non può essere evitato senza oneri eccessivi.

Alcune persone si sono espresse contro la vaccinazione obbligatoria sulla base del fatto che avrebbe pregiudicato le libertà personali e violato i diritti umani. Il ministro di Stato britannico per la salute e l’assistenza sociale, Sajid Javid, ha dichiarato alla BBC di ritenere che la vaccinazione obbligatoria fosse “immorale” lo scorso dicembre.

In questo momento della pandemia, con la predominanza della variante Omicron, è necessario vaccinare più persone per prevenire l'emergere di altre varianti.
In questo momento della pandemia, con la predominanza della variante Omicron, è necessario vaccinare più persone per prevenire l’emergere di altre varianti.

il50 esperti lo hanno considerato il concetto di libertà più liberatorio e hanno osservato che “filosofi e giuristi concordano sul fatto che le restrizioni alla libertà possono essere giustificate se impediscono danni a terzi”.e Scrissero. La Convenzione europea dei diritti dell’uomo lo riconosce ritenendo il diritto all’integrità fisica di cui all’articolo 8 un “diritto condizionale” che può essere derogato alla “protezione della salute”. Pertanto, hanno affermato: “Se un programma di vaccinazione obbligatoria mira, in parte o in tutto, a ridurre al minimo i danni agli altri, non è paternalistico”.

Spiega che “La libertà non è l’unico valore rilevante nella legge sui diritti umani”.. Hanno notato che i diritti economici e sociali alla salute, al lavoro e all’istruzione sono stati riconosciuti nel diritto internazionale dal 1948 e, più in generale, nel Patto internazionale delle Nazioni Unite sui diritti economici, sociali e culturali, un trattato ratificato da 171 paesi.

Nel 2013 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha promosso l’idea che “l’immunizzazione è e deve essere riconosciuta come una componente essenziale del diritto umano alla salute e della responsabilità dell’individuo, della società e del governo”. Una posizione simile è riconosciuta in un articolo del Patto internazionale, che elenca “prevenzione, cura e controllo delle malattie epidemiche…” tra gli obblighi che il diritto alla salute comporta.

Gli esperti hanno sottolineato che esistono già vaccinazioni obbligatorie per altre malattie che hanno salvato vite. I vaccini sono noti per essere alcuni degli interventi di salute pubblica più efficaci e convenienti mai sviluppati dagli esseri umani.

READ  UBA ha un nuovo presidente: Riccardo Gilbe, Preside di Medicina | Nel Consiglio di Lega ha prevalso il partito di governo dei radicali e degli alleati

“La vaccinazione obbligatoria non è una risposta istintiva al COVID-19. Esistono già alcune forme di vaccinazione obbligatoria dei bambini in età scolare in più di 100 paesi per una serie di malattie, tra cui morbillo, parotite, rosolia, tetano e poliomielite. Ad aprile 2021, Cile, Germania, Israele, Messico, Norvegia, Serbia, Spagna e diversi stati degli Stati Uniti avevano leggi pre-pandemia che conferiscono l’autorità legale per far rispettare i mandati di vaccinazione contro COVID-19 in particolare. In Argentina ci sono 17 vaccini nel calendario ufficiale.

A nostra conoscenza, nessun importante tribunale costituzionale o internazionale ha ritenuto che una politica di vaccinazione obbligatoria violi qualsiasi diritto generale alla libertà. Molte di queste politiche sono state mantenute quando si sono opposte”.

Nell’aprile 2021, per quanto riguarda la legge pre-COVID-19, la Grande Camera della Corte europea dei diritti dell’uomo ha ritenuto che una legge nella Repubblica Ceca che richiede la vaccinazione obbligatoria dei bambini contro nove malattie non viola il diritto all’integrità fisica dei bambini. Articolo 8 perché il piano era un mezzo proporzionato di tutela della salute pubblica.

I cinquanta esperti che pubblicano un articolo su The Lancet ritengono che la vaccinazione obbligatoria sia compatibile con la tutela del diritto umano alla salute (Reuters/Daniel Besrill)
I cinquanta esperti che pubblicano un articolo su The Lancet ritengono che la vaccinazione obbligatoria sia compatibile con la tutela del diritto umano alla salute (Reuters/Daniel Besrill)

In altre giurisdizioni, I tribunali sono giunti a conclusioni identiche o simili. Hanno citato la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti in Jacobson v. Massachusetts (1904), le recenti sentenze prima del COVID-19 che approvavano i piani di vaccinazione obbligatori in Francia, Italia e Cile e le decisioni sul COVID.19 per i programmi di New York, USA e Brasile . Nella maggior parte di queste decisioni, i tribunali hanno ritenuto che i regimi rispettassero il diritto alla salute.

ma nonostante, Gli esperti hanno avvertito che, sebbene la vaccinazione obbligatoria sia compatibile con il rispetto dei diritti umani, ciò “non significa che i governi, i datori di lavoro o le scuole debbano essere arroganti nell’adottarla”.. Hanno affermato che, poiché la vaccinazione obbligatoria è in conflitto con i diritti fondamentali, “è necessaria un’attenta progettazione per garantire che i mandati di vaccinazione non violino i diritti”.

Hanno concordato i Principi LAC19 in base ai quali hanno raccomandato che i programmi di immunizzazione obbligatori dovrebbero essere stabiliti da una legge chiara e preferibilmente adottati previa consultazione. “Idealmente, la vaccinazione obbligatoria è regolata dalla legge, non dalle norme di applicazione (cioè dai regolamenti)”, hanno affermato.

READ  La terapia combinata con relugolix allevia il dolore dell'endometriosi

Lo consigliano aLa stesura delle leggi sulla vaccinazione obbligatoria dovrebbe essere sottoposta a un periodo di consultazione di almeno 4-6 settimane, contando sulla partecipazione dei governi delle giurisdizioni che compongono gli stati, partiti di opposizione, sindacati, esperti e il pubblico, tra gli altri .

Queste consultazioni e la risposta del governo dovrebbero essere pubblicate prima dell’approvazione di qualsiasi disegno di legge per consentirne la discussione e la modifica. Coerentemente con i principi costituzionali ampiamente accettati in materia di non delega di funzioni legislative essenziali, le leggi sulla vaccinazione obbligatoria non dovrebbero lasciare grandi questioni politiche nelle mani di governi, società private o datori di lavoro. Dovrebbe essere ripreso nel disegno di legge che si muove attraverso la legislatura, consentendo discussioni ed emendamenti”, hanno scritto.

A Roma, in Italia, c'è stata una protesta il 15 gennaio contro la vaccinazione obbligatoria contro il COVID-19 (REUTERS/Remo Casilli)
A Roma, in Italia, c’è stata una protesta il 15 gennaio contro la vaccinazione obbligatoria contro il COVID-19 (REUTERS/Remo Casilli)

Anche i piani di vaccinazione obbligatori devono rispettare il principio di proporzionalità legale. Il piano vaccinale deve avere un obiettivo legittimo: ridurre la trasmissione del virus o tutelare i servizi sanitari. I mezzi scelti dovrebbero essere razionalmente correlati a questo obiettivo. In pratica, la proporzionalità sarà raggiunta se il piano di vaccinazione obbligatorio è chiaramente basato su validi consigli in materia di salute pubblica. Il piano deve anche essere necessario, nel senso che non ci sono altri mezzi meno dannosi per raggiungere questo obiettivo. Ci sarà molto dibattito qui sull’efficacia del vaccino e sulle potenziali risposte della società alla vaccinazione obbligatoria”.

Per quanto riguarda l’applicazione della legge sulla vaccinazione obbligatoria, gli esperti hanno scritto bisturi colui il quale “Le sanzioni e le sanzioni per il mancato rispetto del mandato dovrebbero essere efficaci ma non troppo onerose. Più severa è la sanzione, più la politica è vulnerabile a una conseguenza legale della sproporzione”.

Il progetto Lex-Atlas è finanziato dalla School of Law di University College London, Regno Unito, EDixon Boone Law School, King’s College di Londra, dal Regno Unito, e Istituto Max Planck di diritto pubblico comparato e diritto internazionale di Heidelberg, Germania.

Continuare a leggere:

Se ho avuto il COVID-19 giorni fa, quando posso vaccinarmi?
Come puoi sapere se qualcuno con COVID-19 è stato infettato da Ómicron?
Lo studio scientifico consiglia la cura per coloro che si prendono cura di se stessi contro il COVID-19