Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quando il Primo Ministro italiano era un matematico |  Scienze

Quando il Primo Ministro italiano era un matematico | Scienze

È comune associare la pratica della ricerca in matematica, come in molte forme d'arte, con una vita dedicata allo studio e alla contemplazione piuttosto che con un atteggiamento pratico capace di trasformare la realtà che ci circonda. Tuttavia, questa visione stereotipata è stata confutata in numerose occasioni nel corso della storia. Nel dialogo La Repubblica (380 a.C.), Platone propose di affidare il governo della sua città ideale a filosofi formati nello studio della matematica, della musica e dell'astronomia. Nell’era moderna, vale la pena evidenziare due esempi…

Registrati gratuitamente per continuare a leggere

Se hai un account EL PAÍS, puoi usarlo per identificarti

È comune associare la pratica della ricerca in matematica, come in molte forme d'arte, con una vita dedicata allo studio e alla contemplazione piuttosto che con un atteggiamento pratico capace di trasformare la realtà che ci circonda. Tuttavia, questa visione stereotipata è stata confutata in numerose occasioni nel corso della storia. Nel dialogo La Repubblica (380 a.C.), Platone propose di affidare il governo della sua città ideale a filosofi formati nello studio della matematica, della musica e dell'astronomia. Nei tempi moderni, vale la pena sottolineare l’esempio di due matematici di grande importanza scientifica che governarono i loro paesi: Paolo BenlevyPrimo ministro francese nel 1917 e nel 1925, fu famoso per i suoi studi sulle singolarità delle equazioni differenziali ordinarie, e per il metodo italiano Luigi MenabreaChe diede importanti contributi all'informatica e alla meccanica teorica.

Luigi Federico Menabrea, nato a Chamberi (Savoia italiana) nel 1809, è un matematico, ingegnere, generale e politico piemontese che visse una vita di sorprendente successo sia in campo scientifico che in ambiente sociale. Laureato in ingegneria idraulica e ingegneria civile, è stato professore di meccanica applicata all'Università di Torino. Fu uno dei suoi primi contributi scientifici al campo emergente dell'informatica. Nel 1840 Charles Babbage, pioniere dell'informatica moderna, fu invitato dall'Accademia delle Scienze di Torino a presentare il suo progetto per una calcolatrice rivoluzionaria, motore analitico, Che non solo può eseguire calcoli complessi, ma può anche essere programmato. Menabrea, dopo aver parlato a lungo con l’inventore inglese, pubblicò il suo celebre saggio: “Concetti sull'analisi automatizzata di M. Charles Babbage(Ginevra, 1842), che descrive i fondamenti di una disciplina informatica chiamata ingegneria dei dati.

READ  Nairo Quintana ha postato nuove e romantiche foto della sua proposta di matrimonio alla futura moglie

Questo saggio ottenne un grande successo anche in Inghilterra grazie ad Augusta Ada Lovelace, figlia del poeta romantico Lord Byron, matematico e scrittore, che Traduci e completa il lavoro Con una serie di note personali. La versione inglese contiene un algoritmo progettato da Lovelace esplicitamente per la macchina di Babbage: possiamo dire il primo programma per computer della storia.

Ada Lovelace.

Uno dei contributi scientifici più importanti di Menabria è lo sviluppo di metodi variabili nell'analisi strutturale, che consentono uno studio matematico delle forze interne che agiscono sulle strutture resistenti. Inoltre, il risultato più evidente è “Principio di flessibilità“, che nella sua forma moderna è noto come Teoria dell'energia complementare minima. In sostanza, questo principio afferma che se un sistema elastico lineare è in equilibrio sotto forze esterne, le tensioni di deformazione interna sono tali che l'energia elastica del sistema è ridotta al minimo.

È sorprendente sapere che Menabrea diede molti di questi contributi mentre intraprendeva una brillante carriera militare e politica. Raggiunse il grado di tenente generale e partecipò a diversi conflitti nelle cosiddette Guerre d'Indipendenza italiane, tra cui la terribile battaglia di Solferino (le cui atrocità ispirarono Henri Dunant di Ginevra, testimone dei combattimenti, a fondare l'Armata Rossa). . Cross.internazionale).

Come politicoDal 1848 fu deputato al Parlamento piemontese, e nel 1860 fu nominato Senatore a vita del Regno d'Italia, Ministro della Marina e dello Sviluppo. La sua carriera raggiunse l'apice quando fu Primo Ministro in tre governi successivi, dal 1867 al 1869. Per ragioni di opportunità politica, come capo del governo dovette opporsi formalmente alle azioni di Garibaldi, che tentava di strappare Roma dal mondo temporale. . Il potere della patata e la sua aggiunta in Italia. Inoltre, seguendo le orme dell’ex ministro dell’Economia Quintino Sella, anche lui metallurgista e matematico, ha perseguito una politica di bilancio a deficit zero (un caso praticamente unico nella storia italiana) al costo di un aumento delle tasse molto impopolare: il famigerato prelievo. “Tassa territoriale“, pubblicato nel 1868, che provocò un'ondata di ribellioni tra i poveri e sanguinose repressioni.

READ  Gli scienziati escludono "soluzioni miracolose" alla siccità

Nel 1876 Menabrea fu nominato ambasciatore a Londra e successivamente a Parigi; Nel 1892 si ritirò dalla vita pubblica nei pressi di Chambery, dove morì nel 1896. Senza dimenticare gli aspetti più controversi della sua personalità politica, Menabria rappresenta un esempio di matematico dedito agli studi ma non isolato in una torre d'avorio. L’ideale di uno scienziato disposto a impegnarsi per migliorare la società del suo tempo continua ad essere fonte di ispirazione, soprattutto nell’epoca in cui viviamo.

Bergoglio Tempesta È professore di matematica applicata presso Università Complutense di Madrid E un membro di Ekmat

Caffè e teorie Si tratta di una sezione dedicata alla matematica e all'ambiente in cui nasce, coordinata dall'Istituto di Scienze Matematiche (ICMAT), dove ricercatori e membri del centro descrivono gli ultimi sviluppi di questa disciplina, condividono le intersezioni tra matematica, altre attività sociali scienze ed espressioni culturali e ricordare chi ha contribuito al suo sviluppo e ha saputo trasformare il caffè. Il nome evoca la definizione del matematico ungherese Alfred Rennie: “Un matematico è una macchina che trasforma il caffè in teoremi”.

Modifica e formattazione: Timon Aqeeq (Ekmat).

Puoi seguire Tema In Facebook, Twitter, Instagram Oppure iscriviti qui alla nostra newsletter