Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medici che non discriminano i pazienti obesi

Quando Melissa Boughton si è lamentata del suo dolore pelvico, il medico ha risposto chiedendole della sua dieta e delle sue abitudini di esercizio.

A quel tempo, Boughton pensava che la domanda sembrava irrilevante, dato il tipo di dolore che stava provando. Ma non era strano parlare di questo dottore. Ogni volta che andava, parlava di dieta ed esercizio fisico”, ha detto Boughton, il 34enne che vive a Durham, nella Carolina del Nord.

In questa occasione, tre anni fa, un medico disse a Boughton che perdere peso avrebbe potuto risolvere il dolore pelvico. Solleva l’argomento almeno altre due volte durante la data. Ha detto che avrebbe ordinato un’ecografia per calmarla.

Un’ecografia ha rivelato la fonte del dolore: un tumore pieno di liquido di 7 centimetri sull’ovaio sinistro.

“Odio quel dottore per il modo in cui mi ha trattato, come se il mio dolore non fosse un grosso problema”, ha detto Boughton. “Sembra che stia prendendo una decisione su di me sulla base di un aspetto molto subdolo”.

La ricerca ha dimostrato da tempo che lo è È improbabile che i medici rispettino I pazienti sono in sovrappeso o obesi, sebbene quasi tre quarti degli adulti negli Stati Uniti ora rientrino in una di queste categorie.

L’obesità, quando un indice di massa corporea (BMI) di 30 o più, è prevalente nel sud e nel Midwest, secondo Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CENTRO PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE MALATTIE). Lo stato con il tasso più alto è il Mississippi, dove 4 adulti su 10 sono considerati obesi.

L’obesità è una condizione comune e curabile collegata a un lungo elenco di rischi per la salute, tra cui diabete di tipo 2, malattie cardiache e alcuni tipi di cancro. Sebbene l’obesità sia comune, porta uno stigma unico.

READ  Stanno studiando fossili di meteoriti stellari contenenti strisce di antiche stelle pre-sole

I medici si occupano spesso della pratica della medicina Pregiudizio contro il grasso Non trovano facile comunicare con i pazienti in sovrappeso. Alcuni esperti di obesità incolpano la mancanza di attenzione sull’argomento nelle scuole di medicina. Altri incolpano la mancanza di empatia.

Per contrastare entrambi, l’Association of American Medical Colleges prevede di implementare nuovi standard per la diversità, l’equità e l’inclusione a giugno volti a educare i medici, tra le altre cose, a trattare le persone con diagnosi di sovrappeso o obese con rispetto.

Ha detto che questo non accade a molti pazienti Il dottor Scott Butch, direttore della medicina dell’obesità presso il Cleveland Clinic Institute of Metabolism and Obesity. “È quasi come una cattiva pratica… Gli stereotipi e le idee sbagliate su questa malattia si insinuano solo nella pratica clinica”.

Melissa Boughton dice di aver suggerito di perdere peso a causa del dolore pelvico di cui si lamentava. Dopo un’ecografia, si scoprì che aveva un tumore ovarico.

Butch ha sostenuto che il problema è che viene prestata così poca attenzione all’obesità al college. Butch ha detto che quando si è formato e ha insegnato alla Harvard Medical School per diversi anni, gli studenti hanno ricevuto non più di nove ore di educazione all’obesità, distribuite su tre giorni in quattro anni.

Nel 2013 l’American Medical Association ha votato a favore Riconoscere l’obesità come una malattia. Ma Butch ha detto che i medici spesso si avvicinano ad esso con un approccio valido per tutti. Ha detto che “Mangia di meno, muoviti di più” non funziona per tutti.

“Esistono molte forme diverse di obesità, ma la trattiamo come se stessimo somministrando la stessa chemioterapia per tutti i tumori”, ha detto Butch.

READ  "Il contatto interpersonale, in medicina, è insostituibile"

Tutte tranne quattro delle 128 scuole di medicina hanno riferito di aver coperto contenuti relativi all’obesità e alla medicina bariatrica nell’anno accademico 2020-21, secondo i dati forniti a KHN dall’Association of American Medical Colleges, che non rappresenta le scuole osteopatiche.

Tuttavia, la ricerca indica che molti medici in tutto il mondo non sono adeguatamente formati per trattare i problemi di peso. un Indagine completata dai dirigenti di 40 scuole È stato riscontrato dalla medicina negli Stati Uniti che solo il 10% riteneva che i propri studenti fossero “molto preparati” ad affrontare pazienti obesi. In un articolo del 2020 sul sondaggio, hanno scritto che ampliare l’istruzione in quest’area non è una priorità.

Butch lo vuole Il Congresso prende una decisione Insistere sul fatto che le scuole di medicina incorporino una formazione sostanziale in nutrizione, dieta e obesità.

Il Dott. David ColMolti argomenti dovrebbero essere trattati in modo più completo nella scuola di medicina, ha affermato il presidente della Medical University of South Carolina. “C’è una cartella enorme, è così grande”, ha detto Cole, alzando la mano. “Il punto è: cose che non ho imparato alla facoltà di medicina.”

L’Association of American Medical Colleges sta cercando di affrontare il problema in due modi.

In primo luogo, ha sviluppato un test di preparazione alla carriera per aspiranti studenti di medicina, chiamato PREview, che è progettato per valutare la competenza culturale, l’ascolto e le abilità sociali dei candidati e la loro capacità di analizzare le situazioni a portata di mano.Può essere trovato nella scuola di medicina e in clinica impostazioni.

“Le chiamiamo competenze trasversali, ma in realtà sono le più difficili da apprendere”, ha affermato Lisa Hawley, psicologa dell’educazione e direttrice senior delle iniziative strategiche per l’associazione. Più di una dozzina di scuole ora raccomandano o richiedono ai candidati di inviare i loro punteggi in PREview insieme ai punteggi degli esami di ammissione.

READ  Lo studio mostra che coloro che hanno contratto il COVID-19 ora hanno più incubi

In secondo luogo, a giugno, l’associazione attuerà nuovi standard di competenza per studenti di medicina, residenti e medici esistenti in materia di diversità, equità e inclusione. Questi standard affronteranno il razzismo, i pregiudizi impliciti e l’uguaglianza di genere e mireranno a insegnare ai medici come parlare con le persone in sovrappeso.

Dopo aver scoperto la fonte del dolore pelvico di Melissa Boughton, lo stesso dottore si è comportato come se il tumore “non fosse un grosso problema”.

Boughton ha chiesto un secondo parere a un medico che ha dichiarato la sua pratica “sana per tutte le taglie”. Questo medico l’ha indirizzata a un oncologo chirurgico, che ha rimosso il tumore, l’ovaio sinistro e parte della sua tuba di Falloppio. Il tumore era grande ma non canceroso. Sebbene l’intervento chirurgico per rimuoverlo sia stato ritenuto efficace, da allora Boughton ha avuto problemi a concepire e a sottoporsi a un trattamento per la fertilità.

“È un ottovolante emotivo”, ha detto. “Mi sento troppo giovane a 34 anni per affrontare tutto questo”.

Boughton, che si descrive come “non adatta al BMI”, ha detto che l’esperienza le ha insegnato a scegliere i suoi medici in modo diverso. Se il dottore ti chiede se fai una dieta e fai esercizio, “comincio a cercarne un altro”.

KHN (Kaiser Health News) è la redazione della KFF (Kaiser Family Foundation), che produce giornalismo sanitario di approfondimento. È uno dei tre principali programmi del KFF, un’organizzazione senza scopo di lucro che analizza la salute pubblica e le questioni sanitarie nel paese.