Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quando dovresti essere testato per COVID-19?

Con il forte aumento dei casi dovuto alla variante micron, si è verificata una congestione nei centri di test in molte città / REUTERS / Agustin Marcarian / File

Dall’inizio della pandemia, i test hanno svolto un ruolo di primo piano perché sono stati fondamentali per la diagnosi di COVID-19 negli esseri umani. Hanno permesso di contare i casi confermati di COVID-19 in ogni Paese. Ad oggi, nel mondo sono stati segnalati oltre 332 milioni di casi confermati. Senza i test non sarebbe stato possibile ottenere dati per sapere dove si è diffuso il coronavirus in diverse regioni del mondo. Ma nella fase attuale della pandemia, con l’impatto esplosivo della variante Omicron del coronavirus, chi dovrebbe fare il test oggi?

I test ci consentono di rilevare le persone contagiate dal Coronavirus e di comprendere l’attuale situazione epidemiologica in ogni Paese. Ma consentono anche di risalire all’epidemia. Dall’inizio della pandemia, le autorità di regolamentazione dei farmaci e della tecnologia medica in ciascun paese hanno consentito diversi tipi di test. Le indicazioni per chi dovrebbe essere testato oggi possono variare tra i paesi e persino tra le diverse giurisdizioni che compongono il paese.

In Argentina, una persona che mostra sintomi di infezione e non è in stretto contatto con un caso confermato di COVID-19 deve essere testata. I sintomi includono febbre (37,5°C o superiore), tosse, mal di gola, respiro corto, mal di testa, dolori muscolari, diarrea, vomito, rinite/congestione nasale e improvvisa perdita del gusto o dell’olfatto, quando non sono presenti altre cause identificabili. . .

molto Dovrebbe essere testato chiunque abbia più di 60 anni con fattori di rischio (come obesità, diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari o malattie respiratorie, tra gli altri) e con sintomi di COVID-19.

In Argentina oggi, una persona con sintomi di infezione che non è in stretto contatto con un caso confermato di COVID-19 dovrebbe essere testata / EFE / Demian Alday Estévez
In Argentina oggi, una persona con sintomi di infezione che non è in stretto contatto con un caso confermato di COVID-19 dovrebbe essere testata / EFE / Demian Alday Estévez

“Le persone con uno o più sintomi di COVID-19 che non sono state in stretto contatto con una persona con un’infezione diagnosticata dovrebbero essere testate”, ha spiegato. Infobae Dott.ssa Leda Guzzi, medico in malattie infettive e membro del Comitato di Comunicazione della Società Argentina di Malattie Infettive, della Clinica Olivos del Gruppo Medico Svizzero e dell’Ospedale Santa Rosa del partito Vicente López.

READ  Bolivia: Janine Anez avrebbe tentato il suicidio | Ore fa, è stata accusata di genocidio

D’altra parte, le persone che sono in stretto contatto con qualcun altro che ha il COVID-19 e che hanno sintomi oggi non hanno bisogno di sottoporsi al test. Ha aggiunto: “Si ritiene che una persona che ha sviluppato sintomi ed è stata in stretto contatto possa essere diagnosticata con COVID-19 a causa di un legame epidemiologico e dovrebbe segnalare il proprio caso al numero di telefono autorizzato dall’autorità sanitaria nella sua giurisdizione. “. Nel caso della Provincia di Buenos Aires, è necessario chiamare il 148. Nel caso della Città di Buenos Aires,

“In questo momento, c’è molta tensione nei centri sanitari e negli ospedali, quindi la priorità per i test dovrebbe essere la diagnosi e il follow-up di persone di età superiore ai 60 anni, donne in gravidanza e persone con fattori di rischio. È stato ricoverato in ospedale con sospetto COVID19”, ha detto il dottor Josie.

Uno dei test utilizzati è la reazione a catena della polimerasi (PCR), considerata il gold standard per rilevare l’infezione da coronavirus. In alcuni paesi, i datori di lavoro richiedono che i lavoratori siano sottoposti a test prima di tornare al lavoro dopo aver contratto il COVID-19. Altri si precipitano a fissare un appuntamento per vedere se possono viaggiare o smettere di essere isolati. Ma gli esperti affermano che il test PCR non è il migliore per tutte le situazioni.

I test PCR (reazione a catena della polimerasi di trascrizione inversa) possono rilevare piccole quantità di materiale genetico del coronavirus in un campione raccolto da una persona. Il test funziona quindi amplificando o facendo copie di quel materiale genetico, se presente nel campione della persona.

La proprietà di amplificazione del test consente di rilevare quantità molto piccole di coronavirus in un campione. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), questa caratteristica della PCR la rende “altamente sensibile per la diagnosi di COVID-19”. Sebbene questa sensibilità possa essere utile per rilevare il coronavirus dopo una recente esposizione, significa anche che i risultati della PCR possono essere positivi anche dopo che non sei più contagioso.

READ  Quali sono le 10 città più felici del mondo da visitare senza esitazione?

Il test PCR può indicare che una persona è stata infettata da tre a quattro settimane dopo il recupero a causa della presenza di “piccole parti del virus che sono ingrandite”. Da sette a 10 giorni dopo l’infezione, il test PCR non è un test appropriato.

La prossima settimana, l’Argentina eseguirà anche autotest per COVID-19 nelle farmacie, secondo la Federazione argentina dei medicinali. Questi tipi di test possono essere eseguiti a casa o in viaggio, sono facili da usare e danno risultati rapidi. sìPossono essere utilizzati indipendentemente dal tuo stato di vaccinazione o dalla presenza o meno di sintomi.

Se qualcuno è stato in stretto contatto con un'altra persona che è un caso confermato di COVID-19, ha sintomi e non ha fattori di rischio, dovrebbe chiamare il numero di telefono abilitato nella sua giurisdizione per notificare il caso (Getty Images)
Se qualcuno è stato in stretto contatto con un’altra persona che è un caso confermato di COVID-19, ha sintomi e non ha fattori di rischio, dovrebbe chiamare il numero di telefono abilitato nella sua giurisdizione per notificare il caso (Getty Images)

6 gennaio scorso, La National Administration of Drugs, Food and Medical Technology (ANMAT) ha approvato l’uso unico di quattro test di autovalutazione basati sul rilevamento del coronavirus di Abbott Laboratories, Roche, Viam Group e Winner per la vendita esclusiva in farmacia.. Con questo provvedimento, oltre ai luoghi pubblici dove il test viene svolto gratuitamente, i residenti potranno recarsi in farmacia e acquistare il test.

Secondo il responsabile del COFA, quando qualcuno acquista il test da una farmacia, la farmacia segnala il caso (positivo e negativo) al sistema di sorveglianza del ministero della Salute nazionale. “Il farmacista dimetterà, monitorerà il paziente e registrerà il risultato positivo o negativo nel sistema di monitoraggio sanitario nazionale”, ha aggiunto. Ha aggiunto: “Il paziente avrà anche la possibilità di registrarlo dal suo telefono, e questo risultato che viene caricato dal paziente influirà sul sistema della farmacia che lo distribuisce e il farmacista avviserà il sistema nazionale di monitoraggio sanitario”.

A causa dell'elevata domanda di test, le farmacie in Argentina possono vendere autotest per COVID-19 / REUTERS / Agustin Marcarian
A causa dell’elevata richiesta di test, le farmacie in Argentina possono vendere autotest per COVID-19 / REUTERS / Agustin Marcarian

I dati saranno archiviati nella banca dati farmaceutica e saranno segnalati al Sistema Nazionale di Sorveglianza Sanitaria (SNVS) da gruppi farmaceutici autorizzati, nel caso di verbali di test di singoli utilizzatori o da enti pubblici o privati. I casi positivi saranno incorporati nella notifica del caso COVID-19, mentre i casi negativi saranno classificati come “negativi e non classificati”. I casi di test non validi devono essere ripetuti per determinare il risultato. Se il farmacista non riceve la segnalazione dell’utente una volta eseguito il test, deve segnalare tale situazione all’autorità giudiziaria sanitaria.

READ  La straziante storia dietro la "foto dell'anno" scattata in Siria | Cronaca

Gli autotest danno “risultati indicativi, privi di valore diagnostico conclusivo, salvo che l’Autorità giudiziaria, d’intesa con il Ministero della Salute nazionale e in base alla situazione epidemiologica, ritenga positivo il risultato”. A differenza dei test di uso professionale dove il campione viene prelevato a livello del rinofaringe, nel caso dei test di autovalutazione viene eseguito a livello del naso o tramite la saliva, come specificato dal produttore.

È importante che il campione venga prelevato correttamente e che il test venga eseguito tempestivamente per evitare falsi risultati. Se una persona non ha sintomi o se la carica virale è bassa (cosa che può verificarsi durante i primi o gli ultimi giorni di infezione), il coronavirus potrebbe non essere rilevato dall’autotest, quindi un risultato negativo non esclude l’infezione.

Continuare a leggere: