Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo ha chiesto all’Interpol di Mosca di arrestare il terrorista Mohsen Rezaei, accusato di aver attaccato l’AMIA

Mohsen Rezaei (Getty Images)

dopo ogni cosa Polemiche per la visita di Mohsen Rezaei in Nicaragua, condannato dal governo ma approvato dall’amministrazione di Daniel Ortega, La magistratura argentina ha approvato una richiesta dell’esecutivo per chiedere l’arresto del terrorista iraniano accusato di aver aggredito l’AMIA.

La richiesta è stata presentata all’Interpol di Mosca perché le informazioni ottenute dal Ministero degli Affari Esteri che Rezaei si trova in Russia: “Poiché ha ragione il rappresentante della Procura generale, in merito alla validità del mandato di cattura emesso nei confronti di Mohsen Rezaei, Corrisponde alla procedura richiesta. In considerazione di ciò, l’emissione del corrispondente ordine di detenzione preventiva ai fini dell’estradizione alle autorità competenti della Federazione Russa “, in possesso del comando a cui aveva accesso Infobae.

Il tribunale assegnato era il tribunale di Daniel Ravicas, ma a causa della sua chiusura a causa della mostra, è stato sostituito da Martinez de Gorge, che ha presentato la sua domanda di arresto a UFI-AMIA.

Il ministro degli Esteri Santiago Cafiero con il presidente Alberto Fernandez
Il ministro degli Esteri Santiago Cafiero con il presidente Alberto Fernandez

E il Coordinamento Penale del Ministero degli Affari Esteri ha inviato, mercoledì 19 gennaio, una e-mail al Dipartimento per gli Affari Internazionali avvertendo della presenza di Rezaei a Mosca: “Abbiamo appreso che le informazioni ricevute dalla rappresentanza della Repubblica Argentina in Iran indicano che Mohsen Rezaei, Vice Presidente per gli Affari Economici, fa parte della delegazione iraniana che si trova oggi a Mosca, nella Federazione Russa, nell’ambito del viaggio del Presidente Raisi. Allo stesso modo, si è saputo che il presidente iraniano visiterà l’Università statale di Mosca MV Lomonosov e domani si rivolgerà alla Duma di Stato.

READ  L'Iran abolisce la "polizia morale" dopo le proteste per l'uccisione di Mohsa Amini | gesto per calmare l'indignazione

Il governo argentino ha cercato di confermare con Mosca la presenza del terrorista accusato dell’attentato dell’AMIA e, se ciò fosse accaduto, di sapere se lo avrebbe arrestato ed estradato: “Le chiediamo di confermare se le sue autorità procederanno all’arresto con in vista dell’estradizione del defunto In caso negativo, spieghi le ragioni per non procedere all’arresto in quanto esiste un trattato di estradizione bilaterale firmato dai nostri Paesi il 12 luglio 2014».

Tuttavia, nella risposta di Mosca, hanno indicato che non avevano traccia della mia soddisfazione: “Si prega di notare che la suddetta persona non è nota ai nostri archivi della polizia centrale. Se dovessimo ricevere ulteriori informazioni, verranno portate alla nostra attenzione”.

Daniel Ortega e Mohsen Rezaei
Daniel Ortega e Mohsen Rezaei

Gli Stati Uniti hanno condannato la partecipazione di Razai a un evento in Nicaragua all’incontro che Santiago Cafiero ha tenuto martedì con Anthony Blinken, Segretario di Stato di Biden. Come si legge in un comunicato dopo l’incontro segreto del capo della diplomazia statunitense “Esprime grave preoccupazione per la recente visita in Nicaragua del vicepresidente iraniano Mohsen Rezaei, oggetto dell’avviso rosso dell’INTERPOL per omicidio e danni gravi in ​​relazione all’attentato dell’AMIA del 1994, che ha ucciso 85 persone a Buenos Aires”. La dichiarazione ha osservato che i funzionari hanno discusso “la cooperazione negli sforzi per assicurare alla giustizia i sospetti coinvolti nell’attacco”.

Ciò si è poi riflesso in una dichiarazione congiunta di entrambi i paesi con il sostegno dell’Organizzazione degli Stati americani. Si legge nel messaggio: “Sostenere gli sforzi della Repubblica argentina per ottenere giustizia per l’attacco dell’AMIA e condannare la visita di Razai in Nicaragua e nel nostro emisfero come un affronto alla giustizia argentina e alle vittime dell’attacco dell’AMIA. Sollecitano le autorità nicaraguensi, tutti i membri dell’Inter- American System e tutti i membri dell’INTERPOL ad agire, se del caso, in relazione agli avvisi rossi dell’INTERPOL relativi all’attacco AMIA”. Oltre ai due Paesi che lo hanno promosso, vengono firmate le missioni permanenti di Antigua e Barbuda, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Grenada, Honduras, Paraguay, Perù e Repubblica Dominicana.

READ  Il regime nordcoreano ha minacciato una risposta più forte alle sanzioni imposte dagli Stati Uniti.

Da parte sua, il rappresentante del Nicaragua, Arturo Macfields, ha difeso la posizione di Managua. Ha detto che “il Nicaragua è libero di invitare chi vuole” e che è “un Paese sovrano che esercita il suo diritto internazionale all’autodeterminazione”. “Se questa persona arriva con le buone maniere, le porte saranno sempre aperte per loro”, ha aggiunto.