Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più di 3.700 guatemaltechi hanno lasciato il Paese quest’anno per lavorare temporaneamente all’estero attraverso un programma di mobilità del lavoro

Più di 3.700 guatemaltechi hanno lasciato il Paese quest’anno per lavorare temporaneamente all’estero attraverso un programma di mobilità del lavoro

Nel 2019, il Ministero del Lavoro e del Welfare (MINTRAP) ha implementato il Programma di mobilità occupazionale, con l’obiettivo di collegare i lavoratori guatemaltechi a opportunità di lavoro temporaneo all’estero, generate attraverso un sistema regolare, strutturato e sicuro.

Secondo i dati di tale organizzazione, 39 persone si sono recate negli Stati Uniti attraverso questo programma per lavoro temporaneo nel 2020; nel 2021, 697; E nel 2022, 2.396, mentre da gennaio all’11 agosto 2023 sono stati 3.700.

Intanto in Canada, nel 2020, sono partite 80 persone; nel 2021, 219; Fino al 2022, 139 e dall’11 agosto 2023, erano 261.

Ad oggi, quest’anno, sono entrati in Italia 8 lavoratori interinali.

In totale, nel 2022 erano 2.525 e ad agosto di quest’anno erano 3.969.

Nonostante i dati precedenti, più di 20.000 persone ogni anno si recano all’estero per lavori temporanei, secondo il Ministero degli Affari Esteri (Minex). In questo dato sono compresi sia i dipendenti assunti tramite recruiter specializzati, sia quelli che fanno già parte della migrazione circolare, sia quelli che usufruiscono del programma MINTRAP.

visti di lavoro

Per gli Stati Uniti esiste il programma visti H-2 che consente alle persone di lavorare legalmente in questo paese in vari settori. Si dividono in visti H-2A per lavori agricoli temporanei e visti H-2B per lavori temporanei non agricoli.

Nel caso dei visti H-2B, i datori di lavoro statunitensi che soddisfano determinati requisiti normativi possono portare cittadini stranieri negli Stati Uniti per occupare temporaneamente posti di lavoro non agricoli.

Prima di farlo, i datori di lavoro interessati devono soddisfare requisiti come un’indagine sul mercato del lavoro statunitense e dimostrare che non ci sono abbastanza lavoratori “formati, disponibili, disponibili e qualificati” per svolgere il lavoro temporaneo, quindi chiedono un potenziale lavoratore straniero.

READ  Tariffa tariffaria in Europa: dalla mancia tedesca al pagamento forzato in Portogallo | Economie

Inoltre, i salari e le condizioni di lavoro dei lavoratori americani impiegati in mansioni simili non devono essere influenzati negativamente e l’occupazione deve essere per un periodo limitato, come necessità una tantum, o su base temporanea o intermittente.

Il periodo massimo di residenza in una classificazione H-2B è di 3 anni.Una persona che ha avuto lo status di non immigrato H-2B per 3 anni deve lasciare gli Stati Uniti per un periodo continuativo di 3 mesi prima di presentare domanda di riammissione come non immigrato H-2B .

Evita le truffe



Mintrab ha avvisato a luglio di aver ricevuto più segnalazioni da parte di persone su truffatori che offrivano visti di lavoro all’estero in cambio di pagamenti in contanti o in natura. Le bande hanno persino pubblicato annunci sui social media utilizzando immagini simili a quelle pubblicate dal ministero sul programma di mobilità del lavoro.

Per questo motivo, è stato implementato un pulsante “Scam Alerts” per assistere e seguire le notifiche di offerte truffa per visti di lavoro all’estero.