Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perù: la giustizia ordina la scarcerazione di Alberto Fujimori | Ha ripristinato un’amnistia messa in discussione dalla Corte interamericana dei diritti umani

da lima

La vittoria dell’impunità. Nel giudizio di un attacco alla legittimità, alla giustizia e alla memoria questo giovedì La Corte Costituzionale (TC) ha ordinato la scarcerazione dell’ex dittatore Alberto Fujimori, Ha 83 anni ed è in carcere VIP dal 2007, scontando una condanna a 25 anni per crimini contro l’umanità. TC ha annullato una sentenza del tribunale che aveva ribaltato nell’ottobre 2018 come illegale Perdonate l’ex presidente nel dicembre 2017 Peter Paul Kuczynski Fujimori ha dato Adducendo false ragioni umanitarie, l’abolizione ha portato al ritorno in carcere dell’ex dittatore. Con la restituzione di questa grazia, la cui legalità è stata messa in discussione non solo dalla giustizia locale ma anche dalla Corte interamericana dei diritti umani, Fujimori sarà rilasciato.. Al momento dell’invio di questa lettera, era in corso il procedimento per il suo rilascio, che il suo avvocato ha indicato che si sarebbe svolto tra lunedì e martedì. I simpatizzanti di Fujimori si recano alla stazione di polizia di Lima dove il loro capo sta scontando la pena. Per le strade del centro di Lima, migliaia di persone hanno iniziato a manifestarsi per rifiutarsi di rispondere a un’amnistia che perpetua l’impunità ed è vista come una grave battuta d’arresto per i diritti umani e un affronto alle vittime della dittatura di Fujimori.

rompicapo

Nel TC c’era un pareggio di tre voti favorevoli e tre contrari al ripristino della grazia a Fujimori che era stata giudizialmente annullata e al doppio voto del suo presidente, Augusto Ferrero, che ha rotto l’uguaglianza a favore di Fujimori. Ferrero è stato nominato membro del TC nel 2017 dal Congresso con i voti di Fujimori che si sono poi assicurati la maggioranza assoluta in legislatura. L’avvocato di Fujimori, Cesare Nagasaki, ha giustificato tale decisione esagerando lo stato di salute del suo cliente. Lo stesso argomento utilizzato per anni ogni volta che il Fujimorismo chiedeva la liberazione del suo leader.

READ  Lo scioccante documentario di Netflix sull'uomo che ha violentato centinaia di vittime, massacrato e mutilato | Cronaca

Presidente Castello di Pietro Ha definito la sentenza della Corte penale internazionale un “riflesso della crisi istituzionale” nel paese e ha osservato che “gli organi di giustizia internazionale a cui appartiene il Perù e lo stato di diritto devono proteggere l’esercizio effettivo della giustizia per le persone”. vicepresidente Dina Bullwart Ha espresso la sua solidarietà alle vittime della dittatura di Fujimori. primo ministro Annibale TorresHa descritto la decisione della Corte penale internazionale come “una sentenza che viola i diritti fondamentali delle vittime di crimini efferati”, mentre il ministro delle donne ha affermato: Diana Miloslavicha osservato che si trattava di un “rilascio illegale e inaccettabile”.

gravità

Le organizzazioni per i diritti umani hanno annunciato che si sarebbero rivolte alla Corte interamericana dei diritti umani per impugnare la decisione della Corte penale internazionale che sostituiva l’amnistia che all’epoca era stata revocata in quanto illegale. Hanno notato che questa decisione viola la giurisprudenza nazionale e internazionale sui diritti umani che vieta le amnistie per coloro che sono stati condannati per crimini contro l’umanità, come nel caso di Fujimori. Già nel 2018, la Corte interamericana ha stabilito la grazia illegale di Kuczynski per Fujimori e ha ordinato all’allora stato peruviano di rivedere quella decisione. Dopo questa recensione, Un giudice superiore ha annullato l’indulto, ritenendolo illegittimo perché circondato da una serie di irregolarità e errate le argomentazioni addotte per giustificare l’indulto umanitario. La Corte interamericana dovrebbe ora confermare la sua precedente sentenza contro la grazia per Fujimori.

Koczynski ha concesso la grazia all’ex dittatore protetto la vigilia di Natale del 2017, mascherandosi da grazia umanitaria per motivi di salute, ma è stata subito rivelata. L’amnistia faceva parte del famigerato patto sottobanco Scambiare i voti di un Fujimorista al Congresso con l’impunità del suo leader. L’amnistia scatenò una grave crisi politica e proteste di massa, e tre mesi dopo cadde il governo Kuczynski.

READ  Cristina Kirchner in Honduras: la conferenza "La vuelta de los pueblos" completa

Condannato per due stragi

L’ex dittatore è stato condannato nell’aprile 2009 a 25 anni di carcere per l’omicidio di 15 persone nel novembre 1991, tra cui un bambino di otto anni.perforato da proiettili durante una festa di raccolta fondi in una modesta casa a Barrios Altos, nel centro di Lima, e da Sequestro ed esecuzione di nove studenti e di un professore dell’Università de La CantotaAlla periferia della capitale peruviana, nel luglio 1992. Senza alcuna prova, il governo ha accusato le vittime dei due massacri di avere legami con il gruppo armato maoista Sendero Luminoso, che il tribunale ha escluso. Entrambi i reati, che sono simbolo di violazione dei diritti umani, ma non sono gli unici crimini commessi durante la dittatura, sono stati commessi dalla cd Gruppo collinareUn distaccamento dell’esercito che operava come squadroni della morte agli ordini e alla protezione del governo Fujimori. L’ex dittatore è stato condannato anche per il rapimento di un giornalista e uomo d’affari, e per varie accuse di corruzione.

La storia oscura di Fujimori è iniziata quando è passato dall’essere sconosciuto alla sua vittoria a sorpresa alle elezioni presidenziali del 1990. Nel 1992 organizzò un autogolpe, fece chiudere il Congresso e prese tutto il potere nelle sue mani per governare con l’appoggio dei militari. Ha imposto un regime autoritario e una politica neoliberista, ha cambiato la costituzione ed è stato rieletto due volte. Nominato come suo consigliere chiave, un misterioso ex capitano legato al traffico di droga, Vladimir Montesino, il capo de facto dei servizi di intelligence e delle forze armate, che era responsabile dei lavori sporchi del governo, è passato dal pagare tangenti per ottenere sostegno all’ordinare omicidi. Con il sostegno di Fujimori, Montesinos, ora in prigione, creò e guidò lo squadrone della morte di Culina. Quando la sua dittatura stava crollando tra accuse di frode alla rielezione, scandali di corruzione e violazioni dei diritti umani, Fujimori è fuggito in Giappone nel novembre 2000, Il paese dei suoi genitori dove ha trovato protezione. Sorprendentemente, nel novembre 2005 si è recato in Cile, dove è stato arrestato ed estradato in Perù nel settembre 2007 per essere processato.

READ  Qual è il programma economico di Gabriel Borek per il nuovo Cile | Misure di trasformazione strutturale del paradigma neoliberista

Sterilizzazione forzata

Da allora è in carcere, con le parentesi graffe rilasciate tra dicembre 2017 e ottobre 2018 mentre contemporaneamente era in vigore la grazia concessa da Kuczynski. Prigione VIP Chi sarà liberato da lui ora dopo la restaurazione di questo discutibile indulto. Contro Fujimori, ora graziato, è in corso un procedimento giudiziario Sterilizzazione forzata di oltre 300.000 donneLa maggior parte di loro sono contadini.

Mentre Le vittime sopravvissute ai crimini del regime di Fujimorista I parenti degli scomparsi e degli assassinati, le organizzazioni per i diritti umani e i settori democratici sono arrabbiati e protestano contro il ritorno della grazia illegale dell’ex dittatore, Fujimori e l’estrema destra hanno festeggiato. Si celebra l’impunità.