Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea ha sostenuto l’Argentina nei negoziati con il Fondo Monetario Internazionale

Juan ha guidato l’incontro prospettico con i diplomatici

“La nostra volontà in accordo con il FMI è stata sostenuta dall’intera delegazione”, ha detto. In sostanza, ci siamo scambiati proposte e azioni per rafforzare i rapporti con questa regione, principale investitore straniero e secondo partner commerciale dell’Argentina». questa mattina con gli ambasciatori dell’Unione Europea nella stanza di Eva Perón a Casa Rosada. In un momento in cui il governo argentino stava cercando di ristrutturare il suo debito estero, il sostegno che Mansour ha ricevuto è stato grande.

Quando diciamo che abbiamo la volontà e la decisione politica di portare avanti un accordo d’intesa con il FMI, stiamo anche suggerendo che questo organismo non può impedire la crescita dell’Argentina. Questa è una questione centrale: dobbiamo continuare a crescere per creare posti di lavoro e far uscire da uno stato di vulnerabilità un folto gruppo di argentini».ha detto il capo dello staff, secondo i suoi portavoce.

Ha ricevuto la prospettiva del rappresentante dell’Unione Europea in Argentina, Spagna Amador Sanchez RicoAl capo del dipartimento commerciale della delegazione, Vicki Lowenberge altri 19 rappresentanti dell’UE. Era accompagnato dai Ministri del Consiglio nazionale dei ministri: Matías Colvas (sviluppo produttivo) e Eduardo “Wado” de Pedro (design d’interni). Erano presenti rappresentanti diplomatici di Germania, Austria, Regno del Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Regno dei Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Romania.

Questo incontro, durato circa 45 minuti, fa parte della strategia del governo con l’obiettivo di aggiungere sostegno e capacità di negoziare in condizioni migliori con il Fondo monetario internazionale per pagare la somma di 44 miliardi di dollari Dal prestito contratto dall’Argentina nel 2018 durante l’amministrazione di Mauricio Macri. Nel contesto dei lenti e faticosi progressi nei negoziati con il Fondo, È stato visto a Casa Rosada come un gesto positivo nei confronti degli sforzi del ministro dell’Economia Martin Guzman.

Il Ministro coordinatore ha espresso la sua gratitudine alle autorità diplomatiche “per aver potuto scambiare proposte e azioni nel prossimo futuro”. L’incontro ha anche esaminato la situazione economica del nostro paese e Mansour ha assicurato loro che, secondo gli ultimi indicatori, si stima che entro la fine del 2021, l’Argentina si riprenderà dal declino economico che ha subito lo scorso anno a causa dell’epidemia dell’epidemia di Covid-19.

READ  Hanno trovato un cadavere in una foresta in Belgio e la polizia crede che potrebbe essere un pericoloso vaccino Rambo.

in tale contesto , Manzur ha evidenziato l’importanza degli investimenti in Argentina da parte dei governi e delle aziende dei paesi che compongono l’Unione Europea, che sono legami non solo commerciali, Ma è anche radicato nella Grande Migrazione Europea, che ha portato alla “presenza di cittadini di ogni Paese che rappresenta, dalla Terra del Fuoco a Misiones, che mantengono attuale e attivo il rapporto tra i nostri due Paesi anche oggi”.

Da parte sua, l’Ambasciatore dell’Unione Europea, Amador Sanchez Rico, succeduto dall’inizio di settembre al sig. blocco di paesi da lui rappresentati “Sostiene i negoziati” tra l’Argentina e il Fondo monetario internazionale.

Abbiamo parlato dei negoziati in corso con il Fondo monetario internazionale. L’Unione europea li sostiene e noi sosteniamo un accordo migliore per argentini e argentini”.Il funzionario ha detto. Ha aggiunto: “L’incontro è stato molto fruttuoso e utile. Ci hanno dato una visione della performance del Paese in questo momento molto importante. Abbiamo anche discusso su come rafforzare i legami che ci uniscono, che sono già molto buoni, e su come muoverci. avanti per rafforzare queste relazioni”, ha affermato Sanchez Rico.

Infine, l’ambasciatore Ue ha indicato che il blocco che rappresenta nel Paese vuole “scommettere su un futuro comune” più prospero e più vicino.

Il governo ha tenuto diversi incontri per ottenere il sostegno internazionale nei negoziati con il Fondo monetario internazionale. Il presidente Alberto Fernandez ha tenuto incontri bilaterali nell’ambito del vertice dei leader del G20 alla fine di ottobre a Roma, con la tedesca Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro italiano Mario Draghi.

Anche la recente visita dell’Emiro dell’Arabia Saudita si è trasformata in questo senso. L’Arabia Saudita, insieme al Sudafrica e all’India, ha sostenuto l’Argentina contro la riluttanza di Australia, Germania e Canada a chiedere all’ente creditizio internazionale di ridurre le tasse aggiuntive sul debito. Sergio Massa e Santiago Cafiero hanno ringraziato il ministro degli Esteri arabo per questo atteggiamento diplomatico, ricevendolo alla Camera dei Deputati ea Palazzo San Martin.

READ  I dettagli del viaggio di Alberto Fernandez in Cina fanno arrabbiare gli Stati Uniti

Nella capitale italiana, negli ultimi giorni di ottobre, il presidente ha anche proposto di andare avanti con la creazione del Fondo per la resilienza e la sostenibilità del Fondo monetario internazionale. Che potrebbe generare una linea di credito con tassi e condizioni migliori e che includerebbe una riduzione delle maggiorazioni che costano al nostro Paese un miliardo di dollari l’anno.

La priorità principale di Frente de Todos è affrontare la “road map” economica e l’accordo con il Fondo monetario internazionale che il presidente ha annunciato che invierà al Congresso all’inizio di dicembre. Nonostante siano in corso le trattative con il personale del fondo, non ci sono ancora indicazioni che il piano di garanzia sarà presentato al Parlamento. E hanno avanzato nel partito di governo che miravano ad affrontarlo tra la fine di gennaio ei primi giorni di febbraio.

Continuare a leggere: