Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Papa Francesco è ricomparso dopo un intervento al colon e sorpreso con una frase sul sistema sanitario

Il Papa Francesco È apparso di nuovo in pubblico dopo aver subito un intervento chirurgico al colon domenica scorsa, e anche senza un’uscita medica, il pontefice ha guidato le preghiere della domenica da una finestra dell’ospedale.. “Sono lieto di poter mantenere l’appuntamento dell’Angelus domenicale qui dal Policlinico Gemelli”, ha detto il Papa, celebrando la tradizionale preghiera settimanale dal centro sanitario dove era ricoverato una settimana fa.

“Vi ringrazio tutti: mi sono sentito così vicino a voi e al sostegno delle vostre preghiere. Grazie con tutto il cuore”, ha ringraziato il Papa, 84 anni, davanti ai fedeli che aspettavano la preghiera del Santo Padre. Jorge Bergoglio aveva affermato nella sua lettera che “In questi giorni di cure ho sperimentato quanto sia importante un buon servizio sanitario alla portata di tutti, come quelli in Italia e in altri Paesi.“.

Per quanto riguarda la sua salute, Francisco potrebbe lasciare l’ospedale lunedì, se non si sono verificate complicazioni nel suo caso, quando il periodo di sette giorni è stato segnalato il giorno dopo la fine dell’intervento. Anche se non c’è scarico, Ha anche viaggiato in ospedale su una sedia a rotelle per incontrare altri pazienti davanti agli angeli e dare loro dei rosariSecondo le foto pubblicate questo pomeriggio, l’italiano.

Da domenica, quando è stato operato di tre ore per “stenosi diverticolare acuta con segni di diverticolite sclerosante”, Il Papa si riprende al decimo piano del Gemelli, dove segue con attenzione la vita ecclesiale e le vicende quotidiane dopo l’intervento eseguito in anestesia generale che prevedeva una “emisferectomia sinistra”, che prevedeva l’estrazione della parte sinistra del colon

READ  Con COVID-82%, ricovero per malattie respiratorie pediatriche

Sebbene fosse in linea di principio una procedura laparoscopica, le complicazioni per accedere al colon in questo modo hanno costretto Bergoglio a lavorare “a cielo aperto”, hanno detto a Tellam fonti del Vaticano. In tale contesto , Nelle ultime ore il Papa non solo si è nutrito regolarmente, ma ha anche celebrato la messa con gli operatori sanitari che lo hanno aiutato e ha ripreso a lavorare dal GemelliLo ha detto sabato il suo portavoce.

Durante il suo messaggio di questa domenica davanti a credenti e medici, Dal decimo piano dell’Hotel Gemelli, Francisco ha evidenziato un “sistema sanitario che assicura un buon servizio alla portata di tutti”. Ha aggiunto: “Non dobbiamo perdere questi beni preziosi, e dobbiamo preservarli! Per questo dobbiamo impegnarci tutti, perché serve a tutti e richiede il contributo di tutti”.

Vorrei esprimere il mio apprezzamento e incoraggiamento ai medici e a tutti gli operatori sanitari e all’ospedale. E preghiamo per tutti gli ammalati, e specialmente per coloro che si trovano nelle circostanze più difficili: perché nessuno sia lasciato solo e tutti ricevano l’unzione dell’ascolto, della vicinanza e della cura».

Cos’è la stenosi diverticolare, la condizione per la quale si è operato papa Francesco

Papa Francesco ha dovuto subire un intervento chirurgico per ‘stenosi diverticolare’ al colon, come riportato dalla Sala Stampa Vaticana come dettagliato dalla Fondazione Spagnola per la Gastroenterologia, i diverticoli sono “sacche o ernie” nella mucosa del colon che compaiono attraverso il suo strato muscolare, Si formano sotto forma di piccoli palloncini o si espandono nella parete dell’intestino crasso. La sua formazione si basa su un aumento della pressione all’interno dell’intestino crasso, “che spinge attraverso le aree più deboli della mucosa (strato interno), dove passano i vasi sanguigni”.

READ  L'UNESCO e Herbie Hancock annunciano un programma del Jazz Day - Prensa Latina

“Questo aumento della pressione è in gran parte dovuto a un volume relativamente piccolo di feci nel colon a causa di una dieta povera di fibre e ricca di carboidrati raffinati o a rapido assorbimento., caratteristica delle popolazioni occidentali”, descrivono il dott. Melides San Juan Acosta e Susana Jiménez Contreras, autori del rapporto. Questa condizione colpisce le persone di età superiore ai 50 anni in circa il 50% dei casi, per lo più donne. Si verifica in meno del 5% nei persone di età inferiore ai 50 anni La loro età è superiore ai 40 anni, soprattutto negli uomini e nelle persone obese.