Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Otto italiani su 10 hanno subito minacce di attacchi informatici – Scienza e Tecnologia

Otto italiani su 10 hanno subito minacce di attacchi informatici – Scienza e Tecnologia

ANSMED – Roma – Otto italiani su 10 hanno dovuto affrontare una minaccia informatica nell'ultimo anno.
Gli attacchi informatici sono in aumento e il 60% degli italiani è preoccupato per la sicurezza dei propri dispositivi e adotta precauzioni.
La strada però è ancora lunga per arrivare alla piena consapevolezza dei rischi, considerando che nell’ultimo anno la percentuale di chi dichiara di avere una conoscenza approfondita della cybersecurity è scesa dal 58% al 50%.
Mentre nel 2022 il rapporto tra spesa per cybersecurity e Pil, seppure in crescita, ha raggiunto lo 0,1%, ponendo l’Italia in fondo alla classifica tra i Paesi del G7.
Il 52% delle aziende ha difficoltà a reperire esperti in ambito cyber.
Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto “Il valore della Cybersecurity in Italia”, condotto da Censis e IISFA (Associazione Italiana Digital Forensics).
Nel 2022 gli attacchi informatici alle infrastrutture critiche, secondo i dati della Polizia Postale e delle Telecomunicazioni, sono raddoppiati rispetto all'anno precedente: 12.947 contro 5.334 del 2021 (+138%).
Tra il 2012 e il 2021 le denunce presentate alla magistratura dalle forze di polizia hanno registrato un aumento del 155,2%, in controtendenza rispetto al trend decrescente del totale dei reati, diminuito nello stesso periodo del 25,4%.
In risposta alla crescente domanda di esperti informatici, le università si stanno attivando: i titoli di studio istituiti in materia di cybersecurity a gennaio 2022 erano 13, un anno dopo sono 26, mentre sono 234 i corsi universitari nell'insegnamento della cybersecurity presenti.
Lo scorso anno il 76,9% degli italiani ha riscontrato almeno una minaccia informatica, percentuale che ha raggiunto l’87,3% tra le persone di età compresa tra i 18 e i 34 anni.
Il 60,9% ha ricevuto un SMS o un messaggio WhatsApp che invitava a cliccare su un link sospetto, mentre il 56% è stato bersaglio di email di phishing con la richiesta di informazioni sensibili, con banche e/o aziende di appartenenza (67,2% di questi clienti) di età compresa tra i 18 anni -34). (Io dimentico).

READ  L'Europa confina con 18.000 casi di vaiolo delle scimmie

Tutti i diritti riservati. ©Copyright ANSA