Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuova Costituzione: Microbiologia e Malattie Infettive

Un’analisi della storia dell’epidemiologia delle malattie infettive in Cile negli ultimi 48 anni mostra chiaramente, a mio avviso, che lo Stato cileno è incapace di gestirne la prevenzione e il controllo in modo scientifico e adeguato, sia amministrativamente che politicamente. Allo stato mancano anche i meccanismi correttivi, sia burocratici che democratici, che permettano di modificare il corso sbagliato di queste attività, a scapito del loro potenziale successo e della salute della popolazione. Ciò è stato chiaramente dimostrato con l’epidemia di COVID-19, ma per anni prima che il paese si sviluppasse epidemie come l’AIDS e altre malattie sessualmente trasmissibili, come la sifilide e la gonorrea, che si sono sviluppate e possono continuare a svilupparsi in modo incontrollabile.

Inoltre, le statistiche mostrano focolai significativi di tubercolosi e frequenti aumenti epidemiologici di pertosse e morbillo, nonostante le vaccinazioni esistenti contro queste malattie. Nonostante negli ultimi trent’anni si sia verificato un certo miglioramento della capacità diagnostica dell’infezione, le possibilità di condurre ricerche epidemiologiche su di essa per scoprirne le origini, le cause e le modalità di diffusione, sono ancora primitive e limitate. Evidenziate dalle misteriose epidemie di meningite virale nei bambini, dai frequenti focolai di diarrea acuta che rimangono senza causa apparente, dalla chiara introduzione nel paese del patogeno della febbre Q e dalla sua successiva diffusione, ed evidente dalla continua restrizione delle politiche di test, tracciabilità. e isolamento (TTA) per prevenire il COVID-19.

La seconda metà del XX secolo è stata caratterizzata dall’ottimismo per quello che è stato definito il trionfo della medicina sulle malattie infettive, in quanto importanti cause di malattia e morte, soprattutto in paesi con livelli socioeconomici relativamente buoni. Questa formula, che presto si rivelò errata e prematura, fu il culmine dell’incarnazione teorica e pratica del sapere che ebbe inizio nell’Italia medievale con l’attuazione delle quarantene per fermare la diffusione della peste (la peste nera), e passerà attraverso la creazione della teoria dell’infezione vivente nel Rinascimento, l’invenzione del microscopio nel diciassettesimo secolo, l’introduzione dell’innesto nel diciottesimo secolo e gli sviluppi fondamentali nel lavoro microbiologico di R. Koch e L. Pasteur alla fine del diciannovesimo secolo. Il lavoro di quest’ultimo ha identificato la causa microbica dell’infezione, ampliato l’uso di vaccini e sieroterapia nella loro prevenzione e cura e trasformato la microbiologia in una scienza moderna con un grande potere predittivo, come ora dimostrato dai loro approcci di successo alla futura evoluzione del COVID- 19.

READ  L'epidemia ha ridotto la natalità, soprattutto in Italia, Spagna e Portogallo - Science

Inoltre, alla fine del diciannovesimo secolo, il patologo Rudolf Virchow identificò i determinanti socioeconomici delle malattie infettive, ne espanse le cause per includere questi fattori ed estese l’origine causale dell’infezione oltre la sua origine batterica ristretta e apparentemente unica. Anche l’introduzione della sterilizzazione da parte di I. Semmelweis, Florence Nightingale e J. Lister nello stesso XIX secolo, e poi l’introduzione degli antimicrobici nella prima metà del XX secolo, hanno contribuito a rafforzare il concetto, sposato da scienziati e profani, di un vittoria miracolosa e duratura sull’infezione.

Tuttavia, a metà del XX secolo, l’applicazione della teoria dell’evoluzione allo studio dei microrganismi ha scoperto la loro capacità di variare geneticamente e diventare resistenti agli antimicrobici e l’immunità dai vaccini, nonché la loro capacità di alterare forme di processi evolutivi mediante aumento dell’infezione e della patogenicità. La complessità è stata aggiunta dal riemergere di malattie presumibilmente sconfitte, come la sifilide e il colera, e dall’emergere di nuove malattie, molte delle quali di origine animale (zoonotiche), come il COVID-19. Quest’ultimo è il risultato dell’allevamento industriale di animali per il consumo umano, attraverso la conquista di nuovi habitat selvaggi attraverso l’agricoltura, lo sviluppo industriale e l’urbanizzazione. Esempi di tali processi in Cile sono, ad esempio, l’emergere dell’infezione da hantavirus, la scoperta del tifo da macchia e la presentazione di casi di febbre Q.

Il cambiamento climatico ha anche ampliato gli habitat di batteri, virus e parassiti in grado di infettare l’uomo, come è successo in Cile con Vibraio Paramoleticos e hantavirus, virus della dengue e malaria in altri paesi. L’introduzione in Cile dei progressi in microbiologia ed epidemiologia che iniziarono a circondare le malattie infettive alla fine del XIX secolo in Europa fu molto lenta. L’impatto negativo di alti tassi di infezione, come tubercolosi, vaiolo e tifo nella popolazione cilena, ha stimolato durante la prima metà del XX secolo gruppi, sindacati, gruppi di medici e politici a cercare di migliorare, attraverso le leggi, la condizioni di vita della popolazione e l’espansione della sicurezza sociale e dell’assistenza sanitaria, e l’istituzione di leggi come la medicina preventiva (1938) e l’istituzione di istituzioni come il Servizio medico del personale (1942), il Servizio di sicurezza sociale e la sanità nazionale Servizio (1952). Queste innovazioni furono il frutto di lunghi e ardui processi, che in genere opposero alla professione medica e ai politici conservatori, a loro avviso, l’assalto al libero esercizio della medicina e ai loro interessi economici, favorendo la pigrizia e l’incuria dei lavoratori. Le attività di questi servizi, il potenziamento dell’Istituto di Sanità Pubblica e il miglioramento delle condizioni di vita hanno cominciato a ridurre gradualmente il ruolo dei contagi come cause di malattia e morte nel Paese.

READ  Freddy Vivas: "Questa statistica è storica e un grande esercizio di conoscenza collettiva di sé".

Questo lento ma crescente progresso è stato in gran parte interrotto dalla dittatura militare, che ha influito negativamente sul tenore di vita, distrutto e umiliato i servizi sanitari attraverso tagli di bilancio e riorganizzazione e ha creato le condizioni per una grave battuta d’arresto nella gestione delle infezioni. Il suo governo in una serie di epidemie. Le epidemie gravi includono febbre tifoide, epatite A, dissenteria, pertosse, morbillo, scarlattina, malattie sessualmente trasmissibili, aumento dei casi di tubercolosi e molti casi di poliomielite paralitica. Dal punto di vista epidemiologico, la riorganizzazione che ha influito negativamente sull’epidemiologia è stata la frammentazione e l’impedimento delle loro attività a causa dei comuni, che hanno attaccato la raccolta attendibile delle statistiche di malattia e mortalità e hanno diviso gli sforzi di prevenzione a livello di cure primarie, smantellando la razionalità della crescente complessità del loro lavoro. Le ideologie mediche sbagliate e preoccupate promosse dalla Banca mondiale, dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca interamericana di sviluppo sulla scomparsa delle malattie infettive e sull’introduzione degli effetti della transizione epidemiologica e che la salute è un problema personale, inoltre alla violenza politica, hanno chiuso questo compito devastante, le cui conseguenze sono ancora costose per le malattie prevenibili e la costante paga di morte anche oggi.

In Cile oggi i frutti del lavoro di Pasteur e Koch (140 anni fa!), caratterizzati dalla diagnosi di laboratorio dell’infezione, sono assenti per la grande maggioranza dei cileni. Ciò è dovuto al fatto che le cure primarie nelle regioni mancano di laboratori di microbiologia adeguati per questa attività sanitaria di base. Questa grave sottodiagnosi dell’infezione mina anche l’efficacia dei trattamenti antimicrobici, nonché la possibilità di sorveglianza e indagini epidemiologiche permanenti, per identificare i primi aumenti dell’infezione e la potenziale comparsa di nuovi agenti patogeni e per prevenirne la diffusione. Questa situazione è ancora più spiacevole per quanto riguarda l’infezione virale e l’uso di tecniche molecolari di prima linea per la diagnosi e l’epidemiologia dell’infezione, come la reazione a catena della polimerasi, i metodi genomici e altri. La mancanza di laboratori di riferimento nelle regioni complica ulteriormente questo scenario, in quanto impedisce la rapida risoluzione dei problemi di infezione locale, e ne ritarda la diagnosi, il trattamento e lo studio epidemiologico. Questa carenza di laboratori si ripercuote negativamente anche sull’igiene degli alimenti e dell’acqua e sulla medicina veterinaria.

READ  COVID 0800 passa alla telemedicina

Il graduale declino delle infezioni come causa di malattia e morte in Europa e negli Stati Uniti, iniziato più di 100 anni fa, oltre ad essere il risultato dell’aumento del tenore di vita, è stato il risultato della creazione di reti locali e laboratori microbiologici regionali , che copre l’intero territorio di questi paesi, e quindi l’applicazione della microbiologia e dell’epidemiologia nel suo contesto geografico globale. Indubbiamente, corrisponde a una costituzione moderna, decentrata a livello regionale, per garantire che i benefici della microbiologia e dell’epidemiologia dell’infezione raggiungano equamente la popolazione di tutte le regioni del paese, ripagando così i loro debiti. Almeno un secolo di esistenza.

  • Il contenuto di questa colonna di opinioni è di esclusiva responsabilità del suo autore e non riflette necessariamente la linea editoriale o la sua posizione il contatore.