Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giro Ditalia: Yates appare in Zonkolan ed Egan lo colpisce duramente | Gli sport

Yates e Bernal attaccano a Zonkolan.Luca Bettini / Agence France-Presse

È la quinta tappa, dove si doveva fare tutto e Landa stava ancora pedalando. Gero attraversa Bologna e chiede a Lorenzo Fortunato, che è di Bologna, il permesso dei capi del gruppo di andare avanti, mia moglie e mia figlia Veronica mi aspettano spiegando il ciclista, un 25enne che si sente davvero come un eroe per eseguire El Giro, perché è passato davanti ai suoi vicini, in vista Da tutti, tutti lo hanno applaudito e le telecamere lo hanno accettato. Dieci giorni dopo, e il giroscopio fa sul serio, e tu sei sulle Alpi, a Zonkolan, nella montagna terribile, nessuno aspetta Fortunato, solo la nebbia che avvolge boschi e prati e lo copre, finché non arriva da solo, in davanti a tutti quelli con cui ha corso tutto il giorno e che, se ha lo specchietto retrovisore sulla bici, vedrà soffrire, oscillare sui pendii verticali, duro.

maggiori informazioni

Fortunato, corridore di Eolo, la squadra metà assemblata dagli amici Ivan Basso e Alberto Contador – colleghi e rivali per molti anni – è partita senza il permesso di nessuno, solo per la forza delle gambe, e non si sentiva più un campione senza più, un racconto colorato di una corsa spietata, ma un meraviglioso gigante del ciclismo, Zonkolan ha conquistato, nientemeno, nello stesso modo in cui Egan Bernal è arrivato, meno di due minuti dopo, correndo da solo, come se la salita fosse stata accorciata e avesse bisogno di più, prima che il altri eroi, per i quali non ha chiesto il permesso, e che ho soggiogato senza preoccuparmi nei primi giorni, quelli che si sono imbattuti in loro come se al tempo mancasse tutto quello che aveva in mente, ma con la consapevolezza, la pazienza e la calma di chi sente al controllo degli eventi e alla guida della squadra più forte, Ineos che recupera, dopo anni, compostezza, igiene chirurgica e taglia meticolosamente il bisturi, che Froome e Thomas hanno trasportato durante i loro giri.

READ  Draghi si dimette dallo stipendio

La bandiera della squadra più forte è la fine della quasi folle fantasia del primo di Egan, qualcosa come la noiosa età adulta del Wonder Boy che ha vinto il tour contro Alaphilippe, quello che ha dato il via al Giro con i fan in alto. Dalle montagne del sud, con un batticuore sciocco con il ragazzo Remco, gravemente danneggiato da Jiro. Ha seguito il percorso della logica travolgente, prima che la sua ruota apparisse i rivali che ha respinto, uno per uno, ogni giorno, e la rosa è diventata più densa.

Nell’ultimo chilometro – 27% in alcuni punti, la salita più difficile viene aggiornata al tuo treno, da Moscon, da Narváez, da Castroviejo, da Martínez, che viene alleviato sempre più dall’accelerazione, il cilindro che esce senz’aria nei polmoni a Remco, che inonda tutti, a Vlasov, a Carthy, che sta ansimando – appare Simon Yates scomparso. Arriva finalmente il ragazzo inglese che ricorda tanto il suo spreco di energie al Giro del 18, quello che è diventato rosa e fa festa quasi tutti i giorni, e in cui Froome alla fine lo schiaccia. Se qualcuno dubita che si presenti, non sarà Egan ad aspettarlo in silenzio, con la certezza assoluta che verrà all’appuntamento. “L’arrampicata è la cosa migliore”, spiega Egan. “Lo so che è abbastanza buono.” Egan non ha più nessuno. Hai bisogno di una scusa per attaccare. Vede l’inglese raggiungere la testa e subito si siede al volante, ei due se ne vanno. Yates, in piedi sui pedali, con l’apparente facilità e agilità con cui il vincitore della Vuelta 2018 si muove nei giorni felici; Egan, seduto in sella, tira i reni, il miglior segno che la sua schiena non gli da fastidio negli altri giorni. “Si spostava 36/32”, spiega il colombiano di Zipaquirá. “Ed è stato difficile per me pedalare con tanta grazia, il chilometro era così difficile.” Le foto però tradiscono le sue parole, quando, a 300 metri dalla fine, si rialza di sella e attacca duramente. Yates resta. Egan gareggia. In uno spazio molto piccolo, ha ottenuto 11 secondi da Yates, che era già secondo, a 1 metro 33 secondi. “Quanto mi sono mancati Landa e Soler”, si rammarica Copeland, il manager di Yates. “Con loro, il loro attacco estremo, il treno Eneos non sarebbe molto comodo”.

READ  Medicina veterinaria - Il mercato avrà una forte crescita entro la fine del 2030 (COVID-19 Pandemic Impact Study) / MRFactor

In quell’ultimo chilometro, Caruso è terzo in 39 secondi; 54 secondi per Hugh Karthy, il re di Angelero, e 1 metro e 12 secondi per il russo Vlasov, che si scusa con la sua squadra, Astana, per aver fatto lavorare tutti i suoi compagni di squadra per tutta la tappa, per niente.

Lancia l’Astana Vlasov lungo tutto il podio e mentre guida, come fischiettando, Bernal commenta con Castrovigo come lavorano bene con noi. “Volevano vincere la tappa e quando abbiamo detto loro che il resto stava andando bene per noi, hanno iniziato a ritirarsi”, dice Egan della squadra del Kazakistan. Attraversano il confine friulano con mezza Europa attraverso le strade che si snodano intorno a Taliamento verso Tolmezzo, una città povera e terra solida, a cui i nazisti hanno lasciato migliaia di cosacchi – “Questa sarà la tua nuova casa”, come hanno promesso – e lì si stabilirono fino a quando gli invasori persero la guerra e i cosacchi tornarono in Russia, dove furono massacrati. Dove tanto sangue è caduto, sul ponte sul Taliamento sulla scogliera di Forcilla del Monte Rest, nello stesso identico luogo in cui Stephen Roche ha organizzato il grande tradimento di Roberto Vicentini nel 1987 – ha attaccato l’italiano irlandese e il suo compagno di squadra e la maglia rosa e ha vinto il Jero. Vicentini gli ha chiesto: “Fallo tornare a casa”, ma il caposquadra Carrera gli ha risposto: “Perché? Voglio vincere il Jero e non mi interessa chi. Visentini ha perso la fiducia nell’umanità. Resuscitato l’impresario. “Non voglio sapere nulla dei vivi”, dice – Astana organizza il suo movimento, che rimane una bufala. Attaccano con un calcio basso, con Gorka Izagiri, con Louis Leon e Vlasov. E non sorprendono Egan, felice di guidare. Ogni giorno più rosa.

READ  : La salute e il benessere sono centrali nella strategia di gestione delle persone:

Puoi seguire SPORTS su Il sito di social networking Facebook S TwitterOppure registrati qui per ricevere Newsletter settimanale.