Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nonostante il crescente impatto climatico, più della metà degli intervistati in Cile crede che una catastrofe climatica possa essere evitata nel corso della propria vita.

Le persone in tutto il mondo stanno intensificando gli sforzi per prevenire il cambiamento climatico, secondo gli ultimi risultati della Climate Reality Scale II di Epson.

La ricerca del leader tecnologico globale indica che mentre l’economia globale si sta rivelando una distrazione dagli sforzi per affrontare le sfide climatiche, il cambiamento climatico rimane una delle principali preoccupazioni per molti.

Nonostante gli shock climatici senza precedenti durati un anno, l’indagine rivela anche che le persone credono che una catastrofe climatica possa essere evitata nel corso della loro vita, sebbene i dati mostrino anche che ci sono grandi differenze nei livelli di fiducia, guidate da fattori come l’economia e l’età.

“Il Climate Reality Barometer 2022 di Epson mostra progressi, ma indica anche che le richieste economiche a breve termine possono distrarre governi, aziende e individui dall’azione ambientale immediata”, ha affermato Keith Kratzberg, Presidente e CEO di EpsonAmerica.

“Utilizzando strumenti come il Climate Barometer Survey, siamo meglio attrezzati per prendere decisioni informate essendo in grado di comprendere gli atteggiamenti del pubblico sulla crisi climatica”.

Ottimismo: influenzato dall’economia e dall’età

I problemi finanziari immediati sono la principale preoccupazione delle persone.

Un quarto delle persone intervistate (28,3%) ritiene che la riforma dell’economia sia il problema più urgente su cui i governi, le imprese e le persone di tutto il mondo dovrebbero concentrarsi.

Meno di un quarto (18,9%) considera il cambiamento climatico il problema più urgente.

Allo stesso modo, il cambiamento climatico è il problema più urgente per gli intervistati di età compresa tra 16 e 24 anni (28,3%) e quelli di età superiore a 55 anni (23,5%).

Gli intervistati di età superiore ai 55 anni sono i meno ottimisti (35,3%) e quelli di età compresa tra 25 e 34 anni sono i più ottimisti (56,4%).

Da una prospettiva globale, “riformare l’economia” (22%) e “aumentare i prezzi” (21%) si collocano in cima alla lista delle priorità degli intervistati, seguiti dal cambiamento climatico al terzo posto (20).%.

READ  Massa nominò il nuovo Controllore dell'Autorità per l'Energia Elettrica, posto occupato dalla difficile Kirchnery

La crisi climatica rimane una priorità per molte persone in tutto il mondo, nonostante la recessione economica globale, il conflitto e l’aumento delle bollette energetiche.

Tuttavia, le preoccupazioni sul clima non portano al pessimismo. Prima della COP26 del novembre 2021, il 46% degli intervistati a livello globale era ottimista sul fatto che una catastrofe climatica potesse essere evitata nel corso della propria vita.

Mentre il mondo si prepara per la COP27 che si terrà quest’anno in Egitto, l’ottimismo è salito a oltre il 48%.

Andando più in profondità, è chiaro che le medie globali nascondono sorprendenti differenze regionali nei livelli di fiducia. Ad esempio, l’ottimismo è inferiore nella maggior parte delle economie avanzate rispetto alle economie emergenti.

  • Ogni paese membro del G7 ha ottenuto un livello di ottimismo ben al di sotto della media globale del 48%: Canada (36,6%); Francia (22,5%); Germania (23,8%); Italia (25,2%); Giappone (10,4%); Regno Unito (28,4%); e gli Stati Uniti (39,4%).

  • Le economie emergenti e in rapida crescita riportano livelli di ottimismo climatico ben al di sopra della media globale: Cina (76,2%); India (78,3%); indonesiano (62,6%); Kenya (76%); Messico (66%); e le Filippine (71,9%).

Azione di fronte alla realtà: motivazione e passi individuali verso il cambiamento in Cile

Ciò che promette è che molti cileni stanno già prendendo provvedimenti per mitigare l’emergenza climatica.

In Cile, le tre azioni principali che le persone hanno già intrapreso, come riportato, sono le seguenti: ridurre l’uso della plastica (67,2%); miglioramento delle abitudini di riciclaggio (62,5%); Utilizzare più prodotti riutilizzabili, come le mascherine di stoffa (61,5%).

Inoltre, i partecipanti hanno affermato che i principali fattori che motivano l’azione personale includono i cambiamenti nella politica del governo (50,7%); programmi aziendali o comunitari (38,8%); Aver assistito all’impatto del cambiamento climatico (38,1%).

READ  La Germania indaga sul cambio di proprietà del maggiore azionista russo in TUI | comp

Molti di coloro che hanno intrapreso azioni per mitigare gli effetti del cambiamento climatico si sono costantemente impegnati in tale azione.

Quasi la metà (42,8%) ha cercato di ridurre l’uso della plastica per più di un anno e continua a farlo. Quattro su dieci (40,2%) hanno provato il riciclaggio per più di un anno e continuano a farlo. Un terzo (36,8%) ha provato a utilizzare più prodotti riutilizzabili per più di un anno e continua a farlo.

Realtà, impatto e azione nel mondo

Nel 2022, l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha dichiarato che “i cambiamenti climatici indotti dall’uomo stanno causando gravi e diffuse perturbazioni alla natura, colpendo la vita di miliardi di persone in tutto il mondo. Il mondo…”.

Solo in quest’anno la perturbazione ha riguardato fenomeni meteorologici avversi in tutti i continenti, quali: massicce siccità durate decenni in Africa e Sud America; riscaldamento rapido sia nell’Artico che in Antartide; gravi inondazioni in Asia e Australia; Temperature senza precedenti in tutta Europa; I laghi stanno scomparendo in Nord America.

Il Cile è entrato nel suo tredicesimo anno di siccità nel 2022 e ha annunciato un piano senza precedenti per razionare l’acqua nella capitale, Santiago, che ospita quasi 6 milioni di persone.

Il governo stima che l’approvvigionamento idrico del paese sia diminuito tra il 10% e il 37% negli ultimi 30 anni e potrebbe diminuire di un altro 50% nel Cile settentrionale e centrale entro il 2060.

“La dura realtà è che gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati e corriamo il rischio reale di superare i limiti di temperatura di sicurezza. Tuttavia, questo sondaggio mostra che le persone in tutto il mondo credono che le loro azioni, insieme a quelle del governo e aziende, possono aiutare a migliorare la comunità”, ha affermato Tara Shine, scienziata ambientale e vice CEO di Change by Scores.

L’ottimismo incondizionato può essere visto come un pio desiderio, ma i risultati di Epson mostrano che gli intervistati sono consapevoli degli effetti del cambiamento climatico.

READ  Fabbrica di Malaga che ha cucito 7 milioni di abiti

Più di otto persone su 10 (80,2%) considerano vedere con i propri occhi (osservare i cambiamenti climatici nella vita quotidiana) come il fattore più influente nella sensibilizzazione. Altre importanti influenze delle informazioni sul clima sono le seguenti:

  • Il 75,7% ha menzionato azioni e/o campagne del governo

  • Il 75% cita le notizie online e attraverso i media tradizionali

  • Il 74,2% ha citato i social network

  • Il 64,8% ha menzionato campagne commerciali o comunitarie

  • Il 64% ha menzionato le conferenze COP

Nel 2022, sembra che l’ottimismo non porti al compiacimento, ma piuttosto incoraggi le persone ad agire. Tra il 2021 e il 2022:

  • Il numero di intervistati che ha iniziato o ha intenzione di iniziare a camminare o andare in bicicletta è aumentato frequentemente dall’83,7% all’87,2%, mentre il 31,8% di quelli lo aveva fatto più di un anno fa.

  • Il numero di intervistati che hanno iniziato o intendono iniziare a utilizzare le energie rinnovabili è passato dal 78,2% all’82,4%, mentre il 18,6% di loro lo fa da più di un anno;

  • Il numero di intervistati che hanno ridotto o intendono ridurre i viaggi internazionali per affari o per piacere è aumentato dal 65,1% al 68,2%, mentre il 23% di queste persone lo ha fatto più di un anno fa;

  • Il numero di intervistati che hanno iniziato o intendono iniziare a utilizzare veicoli elettrici è aumentato dal 68% al 72,7%, mentre il 10,6% di loro lo fa da più di un anno;

  • Il numero di intervistati che hanno adottato o intendono adottare una dieta vegetariana è passato dal 67,6% al 68,9%, mentre il 16,5% lo fa da più di un anno.

Mentre le azioni individuali sono in aumento, è chiaro che occorre fare molto di più per arginare la crisi.

Seguici

Google News Desk