Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Relazioni ispano-tedesche, Editoriale

Ieri il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha fatto visita a Pedro Sanchez, primo ministro spagnolo, al Palazzo Moncloa. Al termine di questo incontro, fonti ufficiali hanno confermato che i due leader sentono ugualmente la necessità di “rafforzare l’Europa sociale, oltre a difendere i nostri valori e principi socialdemocratici”. I governi guidati dai socialdemocratici in entrambi i paesi non combaciano da anni. Comprensibilmente, Schulz e Sanchez vogliono sottolineare questo fatto, che illustra le relazioni amichevoli ispano-tedesche e il momento del centrosinistra in Europa.

Le relazioni tra i due paesi sono state buone negli ultimi decenni. E anche molto bene, quando erano al comando Helmut Kohl e Felipe Gonzalez. Prima di Schulz, durante i sedici anni in cui Angela Merkel è stata cancelliera, anche i rapporti sono stati soddisfacenti, soprattutto quando la Spagna era governata dal Partito socialista socialista, poiché alla fine ci sono state alcune divergenze con i governi del Partito popolare.

Berlino e Madrid mostrano il loro centro socialdemocratico, nonostante le differenze finanziarie ed energetiche

Sia la Germania che la Spagna sono paesi con un forte orientamento europeo, favorevoli a una maggiore integrazione e pluralismo e che affrontano l’immigrazione con una politica unitaria. La Spagna ha riconosciuto la leadership tedesca nel quadro europeo. E dalla Germania, la Spagna è un paese compiacente, soprattutto dopo che il presidente Zapatero ha attuato riforme strutturali che hanno contribuito a salvare la crisi dell’euro. Oppure, da allora, la crisi del coronavirus ha recentemente avuto risultati migliori rispetto ai paesi vicini.

Schulz è entrato in carica come cancelliere l’8 dicembre. Pertanto, ci è voluto meno di un mese e mezzo per viaggiare in Spagna. Prima di allora, appena due giorni dopo essere diventato cancelliere, è stato a Parigi – non invano che l’asse franco-tedesco è la spina dorsale dell’Unione Europea – e poi a Bruxelles – sede dell’Unione Europea e della NATO – a Varsavia – perché da allora l’integrazione dei paesi dell’Est nell’alleanza Nato, Berlino presta l’attenzione che prima aveva rivolto a quelli del sud – ea Roma – perché l’economia italiana supera quella spagnola e Mario Draghi era una parte essenziale dell’Europa. Dopo queste visite Schulz si è recato a Madrid, perché considera il nostro Paese un attore importante e un fattore di stabilizzazione sulla scena europea, soprattutto dopo l’uscita dal Regno Unito, e con l’avvicinarsi delle elezioni in Portogallo e Francia, che sono controproducenti. Perché una tale stabilità non può essere esclusa.

READ  Il prezzo dell'elettricità è stato ridotto per tre giorni ed è stato pagato a 128,70 euro

Al termine dell’incontro di ieri a Madrid è stato confermato quel buon rapporto, che si è riflesso, ad esempio, nell’annuncio del prossimo vertice bilaterale ispano-tedesco. Ma buono non significa migliore. Non senza differenze. Eccolo, ed è rilevante, quando si tratta di politica fiscale. La Spagna, come la Francia o l’Italia, apprezzerebbe una maggiore flessibilità che consenta di affrontare i problemi di deficit e debito con più tempo a venire. L’avrebbe visto con occhi migliori, ovviamente, del ministro delle finanze tedesco, il liberale Christian Lindner, anche se la scorsa settimana ha dichiarato che si potrebbe parlare di maggiore flessibilità se fosse assicurata la trasparenza. D’altra parte, ci sono differenze nella politica energetica. Perché la Germania, nonostante il suo collegamento transatlantico, ora non pensa di fare a meno del gas russo, così come non vuole nemmeno più sentire parlare di nucleare, quando è ripreso il dibattito in Spagna su questo tema. Sono, come dicevamo, grandi differenze. Nonostante l’incertezza in altri paesi europei, i governi di Germania e Spagna oggi danno priorità agli interessi comuni e vantano l’integrazione di un nuovo asse socialdemocratico.