Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Non avrei mai immaginato Karima, è stato un duro colpo per me”

Hugo Zepeda ha conseguito la laurea in giurisprudenza con suo figlio, 50 anni dopo la laurea. Come suo padre, suo nonno e suo bisnonno – che ha ricevuto il diploma da Andres Bello – ha seguito la strada della legge.

Tuttavia, Zepeda non può essere descritto solo come un avvocato. È nato in una famiglia conservatrice, con radici nel Partito Liberale, e come suo padre, Ha servito come vice in due mandati successivi tra il 1961 e il 1969.

Leggi anche: Claudia Pizarro e la sua lotta al narcotraffico: “Una disposta a sacrificare la vita per questo, per le sue convinzioni”

La sua carriera politica terminò nel 1969 e prese una svolta drastica. Entrò nel grado di Predicatore, studiò teologia all’Università di San Tommaso d’Aquino a Roma, in Italia, e fu ordinato sacerdote domenicano nel 1974.

Dopo un decennio di sacerdozio, la sua vita ha preso un’altra svolta. Ha appeso la gamba, ha sposato un vecchio amico e si è dedicato allo studio dei fenomeni paranormaliper diventare una voce autorizzata quando si tratta di parlare di spiriti, demoni ed esorcismi.

In un’intervista a CNN CileE il Hugo Zepeda Cole Ha parlato della sua vita da politico, avvocato e poi prete. Ha anche parlato del suo interesse per il paranormale:Ci sono manifestazioni speciali del nostro malvagio nemico“, Egli ha detto.

Una persona, molte vite

Hugo Zepeda ha interpretato i ruoli più diversi nel corso della sua vita; Politico, sacerdote, avvocato e padre, tra gli altri. Tuttavia, l’epidemia lo ha posto fine, anche se lo ha ammesso Approfitta del tempo per “leggere di più”.

Ho anche scritto alcune cose che un giorno verranno pubblicate. Sono stato molto interessato alla storia contemporanea, dagli ultimi novant’anni ad oggi (…). È quello che ho notato, com’è stato il Cile da quando ho usato il cervello, più o meno 13 anni fa”, spiega.

Prima dell’epidemia, Hugo ha visto in prima persona cosa è successo durante il cosiddetto focolaio sociale, perché vive vicino a Paquidano. diglieloÈ stata una delle manifestazioni più importanti della storia del Paese.anche se non l’unico, poiché ce n’erano molti. ”

“È uscita alcune volte e mi ha guardato con cautela finché all’improvviso non mi hanno riconosciuto”, dice l’avvocato, che ha ammesso di essere rimasto sorpreso dal fatto che la gente lo riconoscesse ancora. “Sono passati due anni e mezzo da quando mi sono ritirato dalla TV, ma La gente mi riconosce ancora per stradaAnche con la mascherina.

Come hai visto questo periodo e lo hai visto come una rivoluzione?
L’ho vista come una rivoluzione sotto un certo aspetto (…), una rivoluzione nel senso di voler soddisfare i bisogni di, molte persone, bisogni che a volte sono molto giusti e altre volte no, e ciò che è chiaramente appropriato è il modo in cui queste preoccupazioni sono dirette e gestite.

READ  La Faculta de Medicina abrió las inscribciones for la diplomatura en Diabetes y Obesidad

Come hai immaginato il processo?
Lì non sono d’accordo con il modo in cui è stato fatto, alcuni aspetti sono stati evidenziati e altri dimenticati. Per me, una delle cose più importanti è che i cileni sono gli stessi e noi siamo gli stessi. Non mi ritengo superiore a nessuno, ma non mi ritengo nemmeno inferiore a nessuno.

A questo punto, l’avvocato afferma che tutti i cittadini cileni “hanno gli stessi diritti e hanno gli stessi obblighi (…). Non può esserci superiorità a questo riguardo e Penso che, purtroppo, in ciò che si sta discutendo ora, si stabilisce la sovranità“.

Leggi anche: Gonzalo Muñoz dopo la leucemia della figlia: “Ci crediamo invincibili ed eterni a volte, ma non lo siamo”

un attoPer te, com’è stato il cambio di politica?
L’alternativa è che le persone sembrino esprimere odio per la politica (…). È generalizzato contro i politici, senza distinguere che c’è il bene e il male, e talvolta alcuni più di altri, ma bisogna fare una distinzione. La conclusione è che senza la politica non può esserci governo.

“E se ora avessimo un giovane capo?”
Chiunque fosse un giovane è molto rispettoso (…), ma la colpa del signor Borek è che non sembra esercitare il potere. Con il suo gruppo di amici (…) sono alla pari, perché un ministro dice una cosa, l’altro ne dice un’altra o il sottosegretario poi lo rinnega.

—ma fa parte della fotografia
Capisco che le riprese sono nei primi 30 giorni, ma non possono essere mantenute in modo permanente. In altre parole, dobbiamo già renderci conto che questo deve finire, perché ci sono cose che devono essere date, ad esempio, la precisione nel linguaggio.

Il tuo pensiero politico è rimasto lo stesso fino ad ora o è cambiato?
È stato conservato, ma con una certa moderazione. Non sono acuto come una volta, ci sono molte cose che non farei in questi giorni che facevo. Ero un po’ elastico, ma ora sono più tollerante di prima e capisco molte più cose adesso rispetto a quando ero giovane.

Restauro della fede perduta

Nel 1969 Hugo Zepeda mise da parte la sua vita politica per dedicarsi al suo lato più religioso. Da diversi anni si preparava a fare il sacerdote a Roma, in Italia, e quando tornò nel 1976 disse di essere arrivato in “un nuovo Cile, del tutto diverso da quello in cui viveva”.

READ  La lezione di mio padre / Di Facundo Manes

Racconta che suo padre “era molto critico nei confronti del governo militare (…). Mio padre riteneva che un governo che non fosse stato il risultato di elezioni popolari non sarebbe durato a lungo e dopo è entrato a far parte di vari movimenti”. Da parte sua, ha ammesso di “non aver agito”: “E ilNel governo militare mi sono dedicato solo ai miei doveri“.

Dopo la politica ti sei dedicato alla scissione spirituale e sei andato al monastero, come è stato quel passo?
Era per restaurare una parte della fede che avevo perso (…). Ho amato molto la vita di Santa Caterina da Siena e di San Tommaso d’Aquino, per questo ho scelto l’ordine dei domenicani, sono entrato in quella che ritengo essere la più grande scuola di perfezione, che è la vita religiosa, e lì sono entrata il convento.

Ma il cambiamento è stato così drastico, cosa ti ha detto la tua famiglia?
Da ragazzo avevo delle inclinazioni, ma dopo gli studi all’università e tutto il resto mi sono allontanato un po’ dalla religione, come tutti i giovani, ma poi sono tornato radicalmente e lì sono entrato in monastero. Ho iniziato qui in Cile (…) e nel 1973 mi hanno trasferito a Roma per finire la mia teoria.

E nelle vicissitudini della vita, ha incontrato l’amore.
Non giustifico il commento dell’uva, non mi giustifico. In questo senso mi giudico completamente – e aspramente – (…). Sono rimasto deluso e mi sono riunito con la mia vecchia ragazza e ho subito pensato che non puoi vivere una doppia vita e che devi decidere subito.

Come vedi le persone dopo la religione in generale?
È molto doloroso. Due cose fanno male: che parlano male dei politici indiscriminatamente, perché sento di riferirmi ad esso come se fossi un politico, e anche del sacerdozio, dove la grande maggioranza sono buoni preti, anche se ci sono sempre pecore randagi.

In questo senso, sostiene che c’èCasi molto dolorosi che furono catastrofici per la chiesa, soprattutto in Cile. Sono stati commessi crimini (…) e problemi hanno messo la Chiesa in una pessima posizione perché la dottrina viene spesso confusa con il sacerdozio clericale, in circostanze in cui la Chiesa non è solo un sacerdozio».

READ  Allarmante arrivo in Europa di una formica asiatica infetta da una puntura velenosa

Zepeda dice che i suoi amici sono coinvolti in alcuni di questi “scandali”. Non avrei mai immaginato cosa fosse successo a Karadima (…), era un mio amico, che conoscevo da prima che diventasse sacerdote, e non gli ho mai creduto, soprattutto l’uomo che ha conquistato tanti giovani per entrare al sacerdozio, tra cui quattro vescovi. Per me è stato un colpo molto forte“.

“Ora c’è un problema, sì, con questo. Quando una persona anziana presenta una denuncia ecclesiastica per gli abusi subiti da adolescente, ma chiede di non dire nulla alla giustizia civile, il giudice ecclesiastico non può licenziarlo. Ad esempio, il caso di padre Pireo (.. .). È una grave ingiustizia che hanno commesso contro un padre povero che è un uomo degno“.

Segui il percorso del paranormale

Dopo le dimissioni dal sacerdozio, Hugo si dedicò allo studio dei fenomeni paranormali, per diventare la voce ufficiale su tutto ciò che riguarda gli spiriti, i demoni e l’esorcismo. Grazie a questo ruolo divenne noto tra la popolazione, soprattutto per la sua costante apparizione in televisione.

“in genere, I fenomeni paranormali dovrebbero essere studiati perché sono così frequenti E quando siamo in una situazione paranormale, quando la scienza non riesce a fornire una spiegazione completa di una situazione, è lì che dobbiamo preoccuparci.

Leggi anche: Carmen Gloria Larenas: “Il teatro comunale non è solo un progetto artistico, ma anche sociale”

Sottolinea che alcuni fenomeni sono spesso “manifestazione di una condizione di natura psicologica (…), ma quando la scienza non arriva oltre a questo punto e non può fornire una spiegazione successiva, allora Lì è necessario introdurre altri tipi di studi e anche altri tipi di procedure“.

Gli spiriti esistono? O siamo noi quelli che esprimono le nostre paure e convinzioni?
Entrambi i casi esistono. C’è questa proiezione delle nostre paure o anche dei nostri problemi di natura psicologica, e d’altra parte, ci sono proprio le anime e le apparenze, che è la questione che ci riguarda. (…]Ci sono dimostrazioni speciali del nostro malvagio nemico.

Credi in Satana?
assolutamente si. Dal primo momento in cui ci ha creato, ha già iniziato a intrigare e il diavolo è sempre astuto.

E cosa sta cercando Satana oggi?
Caos. Anche se tutti pensiamo di avere il controllo di tutto ciò che accade, è proprio perché stiamo causando il grande tumulto.