Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Non avrai niente per cui vivere.” Sua madre non voleva che studiasse medicina, ma lui la sfidò e gli diede ragione con una serie di eventi fortunati.

“Non ho mai vinto una lotteria, ma sono sempre stato fortunato per le cose importanti”, Laura Maffey, endocrinologa e direttrice del centro medico che porta il suo cognome, racconta quando ricorda che il giorno in cui ha annunciato ai suoi genitori che avrebbe studiato medicina, sua madre ha iniziato a piangere insopportabilmente.

“Questa corsa non fa per te. Chi andrà da un dottore? Gli disse, versando continue lacrime che riflettevano la sua vera preoccupazione: ‘I dottori sono tutti uomini, non mi tratterei mai con una donna.’ Così l’abbracciò l’abbraccio e le disse: ‘Non ti preoccupare, potrò.'”

Era il 1974 e la risposta della madre era solo una delle sfide che doveva superare se voleva seguire la strada scelta. Laura frequentava il quinto anno di liceo al Colegio Nacional Buenos Aires, un’istituzione universitaria emblematica. che garantiva l’ammissione diretta all’Università di Buenos Aires dopo la laurea dal sesto anno. Come tutti gli studenti della scuola, desiderava laurearsi e fare il tradizionale giro olimpico intorno all’edificio di Bolivar Street tra Alsina e Moreno. Ma un giorno di fine novembre, in un anno così decisivo per la storia del Paese – in cui il Nacional Buenos Aires viveva con la militanza, l’uccisione di studenti da parte della Tripla A e le carriere studentesche – arrivò a scuola e il portiere e i suoi compagni di classe le disse che la scuola era chiusa e che si erano già diplomati.

Alla fine, il tempo gli ha dato ragione.  La dottoressa Mafei con i suoi genitori: "Vedo, mi hanno dato molto supporto".
Alla fine, il tempo gli ha dato ragione. La dottoressa Maffei con i suoi genitori: “Vedo, mi hanno dato molto sostegno”.gentilezza

Così ricorda l’endocrinologa che all’età di 17 anni scoprì che avrebbe terminato gli studi un anno prima della sua fondazione senza un abbraccio olimpico ma con una laurea. Ma quello non sarebbe stato l’unico cambiamento improvviso che avrebbe dovuto affrontare. I suoi genitori decisero di emigrare in Brasile. A San Pablo si presentò un’allettante opportunità di lavoro per l’ingegnere, e per allontanarsi dal convulso clima politico e sociale dell’Argentina, durante i terzi anni del governo peronista, non ci pensarono due volte e accettarono.

“A diciassette anni mi dissero che non sarei più andato a scuola E quel momento, unito al fatto di trasferirmi in Brasile, dopo il trauma iniziale, ho potuto vederlo come un’opportunità per iniziare un’avventura tutta mia”, ricorda il dottor Dolore cronico e deficit di attenzione.

READ  Nazione/Venezia evita l'elenco dei siti del patrimonio mondiale in pericolo

Ricorda quel punto di svolta nella sua vita, l’autore del libro Alice nella terra della tensione (Albatros, 2020), si rende conto di avere il potere di superare tutte le sfide che ha dovuto affrontare in un momento così critico della vita come decidere cosa diventerà un adulto, lasciando andare tutte queste perdite come opportunità. “Credo che tutti gli adolescenti e i giovani adulti dovrebbero affrontare lo stress. Tutti affrontiamo lo stress per tutta la vita, dall’infanzia all’adolescenza fino all’età adulta. In adolescenza, in particolare, siamo più sensibili allo stress. Può essere gestito se si possono avere gli strumenti e la flessibilità per andare avanti con le sfide che la vita impone loro”, spiega lo specialista della gestione dello stress. “Volevo fare il sesto anno di scuola, ero interessato alle materie. Ma mi sono reso conto che mio padre era molto preoccupato per la situazione nel paese e allo stesso tempo molto eccitato per l’ottima opportunità di lavoro che aveva trovato in Brasile Ora, dopo tanti anni, vedo che ho potuto conoscere le opportunità che si sono presentate in mezzo a tanti cambiamenti e sfruttarle”, analizza. Vivendo già a San Paolo, scoprì che avrebbe dovuto ricontrollare tutte le materie del liceo per poter accedere all’università. Qualcuno ha accennato alla possibilità di andare a studiare in Francia, e sicuramente questa opzione l’ha sbalordita.

La Francia era come il secondo paese per i miei genitori che vivevano a Parigi. Per questo la possibilità di studiare lì mi sembrava vicina. Volevo andare a Parigi, ma un collega di mio padre gli disse che era molto meglio se andassi a Montpellier, una città più piccola con un’università storica e più sicura per una ragazza single. A quel tempo non c’erano e-mail o WhatsApp, i miei genitori volevano determinate condizioni di sicurezza. Mi dissero che se avessi scelto Parigi avrei vissuto in un collegio femminile. Non sapevo come sarebbe stato questo posto, ma impegnarmi a tornare alle 8 di sera mi sembrava terribile, gli uomini non potevano entrare. Quindi, essendo così arrabbiato, ho scelto di andare a Montpellier”.

Facoltà di Medicina di Montpellier.
Facoltà di Medicina di Montpellier.Wikipedia

Montpellier è una città nel sud della Francia, capoluogo della regione della Linguadoca-Rossiglione. Ha un clima meraviglioso, con trecento giorni di sole all’anno che residenti e turisti approfittano sulle sue sponde, sulle sponde del Mediterraneo. Ha una delle più antiche università, fondata nel Medioevo, nel XIII secolo, e una ricca vita studentesca. “Ho finito per innamorarmi della città”, ammette Laura. “È stata una fase della mia vita di cui sono grato, che ho vissuto, è stata meravigliosa. Inoltre, quando sono arrivata in Francia, ho scoperto che molte figlie e figli dei compagni di classe di mio padre stavano andando a studiare medicina. Quindi in due minuti mi sono fuso come meglio potevo”, ricorda.

READ  Il benessere emotivo è un diritto dell'infanzia

Alla fine del quarto anno di medicina in Francia, i suoi genitori annunciarono che sarebbero tornati a stabilirsi a Buenos Aires e che la stavano aspettando. Un’altra sfida difficile è stata superare l’aspettativa e un’altra bacchetta magica che ha spianato il corso degli eventi. “Per finire la mia laurea qui, ho dovuto ricontrollare il materiale che era stato approvato in Francia. Ho avuto la fortuna di avere il dottor Porochoa a capo del comitato di ri-verifica, che era un fan della Francofonia. Quindi ho Ho presentato le carte di venerdì e martedì tutto era stato approvato Qualcosa! Ho riordinato i pezzi per riprenderli di un anno e alla fine ho completato la mia laurea dopo un anno di matrimonio. “

Già laureata, quando stava completando la sua degenza in endocrinologia, Laura è rimasta incinta del suo primo figlio – oggi è un medico informatico. Doveva trovare un lavoro e, di nuovo, anche se la gravidanza sembrava confermare i timori di sua madre – “una donna non può essere un medico”, Melon ancora una volta si sentiva a suo agio a guidare il camion. “Lo stesso giorno in cui ho fatto la prima ecografia di Martin, ho scoperto che era stato accettato per lavorare come medico. In un’azienda farmaceutica pagata. È stato un grande risultato per me. Molti medici di nuova nomina furono indirizzati a lavori nell’area ospedaliera, senza osare aprire i propri studi. Ma avevo già l’idea di fare qualcosa di indipendente. Dall’età di sedici anni, il giorno in cui mio padre chiese a mia madre di spendere soldi, mi ripromisi che sarei sempre stato finanziariamente indipendente. Mi sono diretto lì. “, afferma Maffei, che attualmente gestisce un centro con 45 persone in autorità e diverse unità aziendali. Il centro ha aperto i battenti nel 1992 come studio privato di endocrinologia clinica e negli anni ha aderito a molte specialità associate con più di 70 specialisti. Il giorno in cui era anche una donna d’affari. Ed è stato molto bello. Ha ignorato tutte le voci che gli dicevano che non sarebbe stato in grado di farlo, concentrandosi sempre sulla ricerca di altro. Se dovessi consigliare i giovani medici, avrebbero anche solide conoscenza, spiega. in Management”.

READ  Dieci università europee convergono a Oviedo per lanciare l'alleanza "Ingenium" come il più grande campus universitario europeo

“La mia prima gravidanza è stata meravigliosa. I miei figli hanno cambiato idea, hanno capito il meglio che mi è successo nella vita. Tutti i neurotrasmettitori si sono riorganizzati, il mio cuore si è gonfiato, si è rilassato e ha combinato l’amore che è stato meraviglioso da provare e godere. Sono stato abbastanza fortunato poter tornare a lavorare per qualche ora perché mi stavo formando e crescendo ma mi sono stabilita con loro”, ricorda i suoi inizi paralleli nel mondo della maternità e della professione medica.

Ossitocina pura: "I miei figli hanno cambiato idea.  Tutti i neurotrasmettitori si sono riorganizzati, il mio cuore si è gonfiato, si è rilassato e l'amore si è fuso, ed è stato meraviglioso sentire e godere."E il
Ossitocina pura: “I miei figli hanno cambiato la mia testa. Tutti i miei neurotrasmettitori si sono riorganizzati, il mio cuore si è gonfiato, si è rilassato e l’amore si è fuso, ed è stato fantastico sentirsi e divertirsi”.gentilezza

L’endocrinologa attribuisce gran parte della sua crescita professionale al fatto di aver saputo interiorizzare le priorità durante i primi anni di educazione dei figli, e questo perché ha scelto un percorso lavorativo autonomo, dove non ha dovuto attenersi a forzature orari. Stare lontano dai bambini. “Il mio ex marito, che è un medico e otto anni più grande di me, ha già iniziato a prendere pazienti. Ma ero contento di non dover lavorare otto o nove ore al giorno. Andava in ospedale due o tre del mattino e il pomeriggio aveva un ufficio due o tre la settimana. Questo mi ha permesso di superare i primi cinque anni senza dovermi sentire così divisa tra lavoro e maternità. Per questo, capisco perfettamente perché le donne preferirebbero non avere figli in queste circostanze, ma io Sono stato in grado di capire tutto ciò che accade emotivamente e ormonale con la maternità. È bello come cambia la testa, come diventiamo un po’ più flessibili Cosa impariamo giocando e comunicando con i nostri figli. Per me è stata una crescita inestimabile.

Vieni a conoscere The Trust Project