Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Juan Diego Boto: “Anti-donna, xenofobo o nazionalista sono scuse per difendere le grandi potenze economiche”

Juan Diego Boto: “Anti-donna, xenofobo o nazionalista sono scuse per difendere le grandi potenze economiche”

aggiornato

L’attore, che sta facendo il suo debutto alla regia con Ai margini, riflette sull’impegno, la politica, l’arte, il diritto all’ira… e la casa.

Attore e regista Juan Diego Boto.Bernardo Diaz
  • Festival di Venezia Juan Diego Boto si reinventa come regista, leale, irregolare e senza ironia, nello spirito di Ken Loach.
  • palcoscenico Juan Diego Boto chiude il suo anno perfetto con una vittoria ai Max Awards con Una noche sin Luna

Juan Diego Boto (Buenos Aires, 1975) Gli ci volle molto tempo per trovare la sua vera vocazione. Convinto di essere stato attore ancor prima di nascere (non per niente è figlio della professoressa di recitazione Christina Rota), ora dubita. Il suo debutto come regista, accompagnato da Penlope Cruz come produttrice e protagonista, scopre tutti coloro che vogliono servire Una voce profonda, uno sguardo profondo e, soprattutto, un vero senso di dolore.ai margini È un film impegnato e convinto del posto che occupa, e nientemeno che quello giusto, sempre a saggia distanza dal suo partner più patetico: il cinico. È un film, ma a causa del suo atteggiamento e della sua chiarezza potrebbe essere solo un semplice grido. La sua argomentazione è anche la sua denuncia: la realtà degli sfratti, che è anche l’inferno.

Gli sfratti sono una scusa per fare film o il cinema è uno strumento per denunciare gli sfratti?
Né. Si finisce per parlare di ciò che lo commuove e lo eccita. Se invece di occuparti dei tuoi veri interessi per un semplice interesse, che non è lo stesso, allora la cosa non funziona. Deve essere un processo naturale e non può mai essere artificiale. Un regista che ama l’Occidente è il meglio che può fare. Lo stesso vale per la fantascienza o il dramma come nel mio caso.
In questo caso c’è anche un interesse sociale, vitale e perfino politico. Non è solo un interesse per un genere cinematografico o un interesse per la natura estetica.
Sì, ma l’arte non può essere condizionata da una pubblicità. Conoscevamo le storie raccontate nel film e siamo rimasti lì con loro. Come dice un personaggio, una volta che sai cosa sta succedendo con gli sfratti, non puoi più guardare dall’altra parte. È un po’ come ‘matrice‘Prendi la pillola che prendi e non si torna indietro. Il cinema che amo, mi diverte, mi preoccupa e mi emoziona è proprio questo cinema. Mostrare ‘Stagione“, di Laurent Cantet, o vedo”120 bpm’, di Ruben Campello, o ho capito ‘Il mio nome è Joe, Ken Loach, mi sento attratto. Mi identifico in questo tipo di cinema come il cinema che è, non come uno strumento politico.
Tutto ciò che il cinema cita non solo aderisce alla realtà, ma aspira anche a cambiarla. Il caso di Loach è chiaro sin dal suo primo film.
La realtà ti batte sempre. Posso ricordare con te quando ho scritto la sceneggiatura con Olga Rodriguez, una giornalista, siamo sempre arrivati ​​al punto in cui ha detto: ‘Ecco fatto, abbiamo già abbastanza informazioni. Il resto lo possiamo coprire con la nostra immaginazione. Ho avuto questa ansia fino alla fine. E in quel momento scoprivamo sempre qualcosa, emergeva una nuova svolta della storia, superando di gran lunga le nostre aspettative e lasciando ciò che pensavamo fosse assurdo. La realtà si è rivelata più interessante di qualsiasi cosa tu possa immaginare.
Il fatto che la realtà sia più strana della finzione…
L’unico problema, infatti, è che a volte semplicemente non ha senso. Ricordo una volta in una commedia quando uno dei miei colleghi mi ha picchiato e sono svenuto. Ma sono davvero svenuto. Poi riprende conoscenza e continua normalmente. Quando lo spettacolo è finito, un amico che conosceva perfettamente la sceneggiatura si è avvicinato a me e mi ha detto: “Va tutto bene tranne lo svenimento, che è inaffidabile”. Succede con gli sfratti. La verità è così crudele che per rendere credibile la storia devi domare la realtà.
Il suo ammiratore Loach ha affermato che il capitalismo ha trasformato l’inaccettabile nel normale…
Non posso essere più d’accordo. Una delle domande frequenti che mi sono state poste da quando abbiamo iniziato il progetto è se non parlo di qualcosa del passato. E no, la verità è che gli sfratti sono una cosa del presente. verificarsi ogni giorno. È diventato così cronico che cessa di essere una notizia. Tuttavia, la cosa strana è che ciò che accade ogni giorno è esattamente ciò che ci distingue come società. La disuguaglianza definisce la nostra realtà. L’accumulo di ricchezza in poche mani definisce il nostro mondo. Il fatto inevitabile che in questo momento ci siano molte persone che muoiono di fame è la cosa più rilevante del nostro tempo. E tutto questo non è più una novità. Il problema abitativo è ciò che nel nostro Paese è noto come povertà. Chi viene sfrattato ora? Ebbene, le persone che guadagnano 1100 euro al mese, hanno due figli a carico e l’affitto è salito a 750. Gli restano 350 euro per mantenere le proprie famiglie. Viviamo, dice Loach, con l’inaccettabile.
READ  Italia e Panama uniscono le forze nella scienza per un futuro sostenibile
Il ministro per l'uguaglianza Irene Montero parla con l'attore e regista Juan Diego Boto mentre arriva per la prima del film
Il ministro dell’Uguaglianza, Irene Montero, parla con l’attore e regista Juan Diego Boto, mentre arriva alla premiere di “En los mrgenes”.Canton MartinEFE

Alla fine, so che vuole cambiare il mondo.
Mi accontento di contribuire alla discussione ea chi va al cinema e lascio con alcune domande.
Gran parte dei suoi primi lavori parla di esiliati che non sono altro che senzatetto, proprio come gli sfollati…
Ricordo quando ho finito di scrivere notte senza luna“Finalmente ho scritto di qualcosa di diverso”, mi sono detto con orgoglio. La commedia su Lorca era una commedia sulla Spagna, non sull’esilio, sull’immigrazione o sull’Argentina. Tempo dopo, circa un anno dopo, il regista Sergio Perez-Minchetta mi chiese di scrivere un paragrafo che mi dicesse cosa stava succedendo. Fu allora che mi resi conto che avevo già scritto di una persona scomparsa. Ognuno ha le sue ossessioni. Quando sono arrivata in Spagna per scappare con la mia famiglia dalla dittatura argentina, sono venuta con mia madre sola e in esilio, con tre figli. C’è stato un tempo in cui siamo stati anche cacciati dal vivere di casa in casa con gli amici. Immagino di essere condannato a parlarne e a parlare di mia madre, di madri. Sono sempre loro che finiscono per farsi carico di tutto. Questo è anche nel film.
Dici che le vite degli sfollati oggi sono, in un certo senso, la loro stessa storia…
In qualche modo. Perdere una casa è la più grande cancellazione. Non ti è permesso essere nulla e non puoi sviluppare aspettative per il futuro.
Perché lo sforzo di affrontare questioni che forse e dalla tua posizione attuale ti sono estranee? Non hai paura di essere chiamato arrogante per aver cercato di parlare a nome degli altri?
Ma non sono affari di altre persone. L’errore è pensare che i problemi degli altri ci siano estranei. Non puoi negare un problema che vedi, e non puoi nemmeno fingere di non averlo visto. L’unico modo per migliorarlo è partecipare tutti noi. Quando mi sento male è quando c’è qualcosa che posso fare e non fare. Senza volermi paragonare a Lorca, ma nel 1936 fu firmato il manifesto a favore del Fronte Popolare. E sapeva cosa stava facendo. Sapevo che ci stava giocando. Non era stupido o privo di sensi. Ha solo fatto quello che pensava di dover fare. Come Lorca, credo che ci siano momenti nella vita in cui è impossibile essere imparziali e l’indifferenza è criminale. Penso di essere stato un po’ pedante.
Il 15-M è cresciuto nel bel mezzo del movimento anti-evacuazione. Di recente si è celebrato il 10° anniversario del movimento che dominava le piazze. Qual è la sua diagnosi della situazione attuale con parte di quel movimento al potere, nel governo spagnolo?
D’altra parte, c’è un movimento anti-sfratto che è avanzato. Il movimento è lo stesso. L’altra cosa è che non ottiene l’attenzione che dovremmo, come ho detto prima. Resta invece il problema della casa.
E più in generale in termini di situazione politica?
Ciò che viviamo in Spagna non è diverso da ciò che sta accadendo nel mondo a livello globale. Succede in Italia, in Ungheria, in Argentina, negli Stati Uniti… Viviamo in un momento in cui l’ala destra della politica fa sì che non si discutano le opinioni, ma i fatti. Il concetto stesso di verità è messo in discussione. E penso che i media abbiano una grande responsabilità per quello che succede. Quando la verità è irrilevante, la democrazia è in pericolo. I messaggi di estrema destra prosperano e con essi le soluzioni autoritarie. Sono chiaro che l’antifemminismo, la xenofobia o il nazionalismo sono sempre scuse per difendere le grandi potenze economiche. Senza dubbio, dovresti essere là fuori a combattere la battaglia.
Non è triste che la legge sulla casa stia ancora vacillando?
È molto deludente che la legislatura sia finita e continuiamo a farlo. C’è una poesia di Lorca che dice che sotto le complicazioni c’è una goccia di sangue. Sotto i numeri ci sono sempre fatti per le persone e per gli esseri umani. Questa legge sull’edilizia abitativa potrebbe salvare decine di migliaia di vite e sollevarle dall’inevitabile ciclo di povertà in cui si è condannati ai senzatetto. Questa legge deve essere approvata.
READ  Un braccio robotico aggiuntivo, come aiuto aggiuntivo: scienza e tecnologia

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più