Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Governo cubano: è prioritario concentrare le forze nella lotta contro la febbre dengue

L’incontro di esperti e scienziati sui temi della salute, e la riunione del gruppo di lavoro temporaneo per la prevenzione e il controllo del Corona virus. Foto: Revolution Studios.

Di fronte alla minaccia alla vita rappresentata dalla febbre dengue, Cuba – esperta della malattia, e dei tanti altri che l’hanno costretta a intraprendere continui percorsi di apprendimento – sta ora conducendo una nuova battaglia epidemiologica, e deve stabilire le priorità che consentiranno esso. Per riuscire sopra ogni avversità o mancanza.

In questa direzione di pensiero, il membro del Politburo e Primo Ministro Manuel Marrero è passato, questo martedì, dal Palazzo della Rivoluzione, durante la riunione del gruppo di lavoro temporaneo per la prevenzione e il controllo del Corona virus e la lotta contro il Corona virus virus. Febbre dengue. , presieduto dal Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica Miguel Diaz-Canel Bermúdez.

In un incontro emerso anche dalla presidenza con il membro del Politburo e vicepresidente della Repubblica, Salvador Valdés Mesa, il capo del governo ha espresso che data la complessità di una malattia come la dengue, e realizzando difficoltà come la mancanza di carburante e altre risorse , È necessario fare uno sforzo, non trascurare compiti di prim’ordine come la raccolta dei rifiuti, la fumigazione o il rispetto delle procedure stabilite.

“Davvero – ha sottolineato il premier – oggi abbiamo un rischio maggiore concentrato sulla febbre dengue”. Ecco perché ha chiesto di unire “tutte le forze, le risorse e le priorità” per contrastare l’invio.

Il funzionario ha aggiunto che il tasso di sospetti casi di dengue è aumentato rispetto alla settimana precedente. Foto: Revolution Studios.

All’incontro, in merito alla situazione epidemiologica della febbre dengue e della sonnolenza egiziana a Cuba, il ministro della Salute pubblica, José Angel Portal Miranda, ha condiviso i dati ottenuti fino alla settimana 35 (chiusa il 3 settembre), che ha evidenziato che 14 province, 41 comuni e 58 Un’area sana trasmette malattie.

READ  A Córdoba si esegue l'intervento chirurgico per il morbo di Parkinson - Turno di notte

Il titolo ha aggiunto che il tasso di sospetti casi di dengue è aumentato rispetto alla settimana precedente. e che i territori con tassi più elevati di quelli nazionali, e quindi rischi maggiori, sono – in ordine decrescente di numero – le province di Santiago de Cuba, L’Avana, Guantanamo, il Comune Speciale della Juventud, Camagüey, Las Tunas e Matanzas.

Jose Angel Portal Miranda ha riferito che nove province hanno visto un aumento del tasso di casi sospetti, rispetto alla settimana precedente. Sono Santiago de Cuba, L’Avana, Matanzas, Villa Clara, Camagüey, Mayapeque, Artemisa, Sancti Spiritus e Granma.

Attraverso la videoconferenza, le autorità di ciascuna provincia hanno informato la dirigenza statale del comportamento dell’epidemia di COVID-19, della situazione dell’energia elettrica e di altre questioni legate alla situazione nazionale.

Quella giornata è stata preceduta da un incontro di esperti e scienziati in materia di salute; presieduto dal presidente Diaz-Canel; del Primo Ministro Manuel Marrero Cruz. Così come il vice primo ministro Ines Maria Chapman Wu.

Dai soliti modelli matematici di previsione, d. Raúl Genovart Diaz, Preside della Facoltà di Matematica e Informatica dell’Università dell’Avana, ha confermato che Quello che ci si aspetta è “mantenere il controllo del Corona virus in tutto il territorio del Paese”.

L’esperto ha evidenziato che la situazione nell’isola è ancora favorevole, al punto di partenza per l’efficacia dei protocolli terapeutici, oltre che per l’efficacia dei vaccini. Ma ha avvertito che l’epidemia deve ancora essere risolta sulla scena internazionale, con la regione asiatica o paesi come il Cile o l’Italia che mantengono statistiche sfavorevoli.

Negli incontri di martedì, la questione della febbre dengue è stata affrontata per la prima volta dal dott. Maria Guadalupe Guzmán Tirado, Direttore del Centro di Ricerca dell’Istituto di Medicina Tropicale Pedro Curi (IPK), che ha sviluppato il tema che fa riferimento ai risultati della ricerca di quell’istituto scientifico per contrastare la malattia che Cuba conosce così bene.

READ  I farmaci antitumorali sono efficaci a gravità zero? | Medicina | Salute | Globalismo

Indicando le certezze che hanno caratterizzato decenni di lavoro, l’esperto ha parlato dei contributi scientifici che Cuba ha dato al mondo nella lotta alla febbre dengue, una malattia causata da quattro virus e che nella maggior parte dei casi non mostra sintomi.

Riguardo a questa malattia, che è stata indicata nell’umanità dal 265 aC, il Dottore in Scienze ha indicato che attualmente si stima che ci siano 2,5 miliardi di persone a rischio di infezione. Cento paesi hanno segnalato la trasmissione della malattia, ha affermato, e nella regione delle Americhe, al momento, i paesi con i tassi di trasmissione più alti (secondo i dati del 2022) sono Brasile, Perù, Colombia, Nicaragua e Messico.

Maria Guadalupe Guzmán Tirado ha notato che l’isola aveva una rete di laboratori, un sistema molto buono e molto sensibile; E che “continua la sorveglianza per i virus in circolazione” non solo per la febbre dengue ma anche per altre malattie trasmesse dalle zanzare.

Attraverso i grafici, l’esperto ha fatto un giro dettagliato delle epidemie di dengue registrate ed etichettate da Cuba – dal 1977, anno in cui si è verificato il primo caso, fino al 2022. Ha commentato che la situazione si è complicata, perché in passato era stata causata da un singolo virus ed è stato più facile andare avanti. In anticipo, ma in seguito “Ci sono stati due focolai di virus ed epidemie, e finora i quattro sierotipi si sono diffusi”.

Parlando dei contributi della nazione caraibica alla comunità scientifica mondiale, il dottore in scienze ha menzionato quello fatto da Al Jazeera, che è ancora valido, che affronta l’ipotesi generale sulla febbre emorragica dengue e perché una persona la ottiene o meno. .

READ  Gli studenti di medicina conducono esami medici presso il centro di immunizzazione nell'ex Dinav

“Cuba – ha sottolineato – ha contribuito molto alla clinica della dengue”, e ha svolto “un ruolo fondamentale nella nuova classificazione emessa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per la dengue, con e senza segnali di pericolo, che non mirerà a non aggravare le condizioni del paziente .”

Dott.. Raul Genart Diaz, Preside della Facoltà di Matematica e Informatica dell’Università dell’Avana. Foto: Revolution Studios.

Maria Guadalupe Guzmán Tirado ha affermato che l’isola ha una rete di laboratori e che “il monitoraggio continua per la circolazione dei virus”. Foto: Revolution Studios.

L’incontro di esperti e scienziati sui temi della salute, e la riunione del gruppo di lavoro temporaneo per la prevenzione e il controllo del Corona virus. Foto: Revolution Studios.

Guarda anche:

La febbre dengue a Cuba: come agire finora e le chiavi per controllarla