Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

New York, l’unica città d’America tra le 10 città più belle del mondo

Scegliere le migliori città del mondo è una questione molto complicata. Il pianeta offre innumerevoli meraviglie in diversi paesi che è quasi impossibile nominare. Tuttavia, gli analisti di Online Mortgage Adivsor si sono assunti il ​​compito di scegliere le migliori città del mondo, sulla base di studi scientifici sull’architettura.

Lo studio ha richiamato l’attenzione sulla notevole superiorità delle città europee rispetto alle città americane, al punto che solo una città americana è emersa tra le 10 città più belle del mondo. Sicuramente questa era la cosiddetta capitale del mondo: New York.

Lo studio del consulente ipotecario online ha cercato e raccolto immagini dallo strumento Google Street View di tutte le città del mondo, potendo così trovare i dettagli delle loro strade residenziali e degli edifici caratteristici per ciascuna città, in modo da scegliere quale di esse fosse il più esteticamente gradevole.

Gli analisti hanno calcolato le parti degli edifici di ciascuna città e la loro vicinanza al rapporto aureo, per determinarne la valutazione. La ricerca ha affermato che “più alto è il punteggio, più gli edifici della città si avvicinano in media allo stesso rapporto aureo”.

È così che lo studio ha preso gli edifici più famosi di ogni città, che sono anche una delle principali attrazioni turistiche, per determinare le città più belle. Secondo lo studio, Venezia è la città più bella del mondo, seguita da Roma, oltre che in Italia, mentre Barcellona è terza in Spagna. La prossima città in questo continente classificazione Era Chicago, che si classificava al 17° posto.

Tra le 25 città più belle del mondo, nessuna era latinoamericana.

READ  Mauricio Villa Dosal visita i cantieri navali in Italia

Questa era la lista delle 10 città più belle del mondo:

1. Venezia, Italia.

2. Roma, Italia.

3. Barcellona, ​​Spagna.

4. Praga, Repubblica Ceca.

5. New York, Stati Uniti.

6. Atene, Grecia.

7. Budapest, Ungheria.

8. Vienna, Austria.

9. Bordeaux, Francia.

10. Milano, Italia.

Inflazione: gli affitti a New York hanno raggiunto livelli allarmanti

Gli Stati Uniti hanno urgente bisogno che l’inflazione cominci a diminuire, altrimenti dovranno affrontare nuovamente lo spettro della recessione, che tiene gli investitori al passo e rallenta sempre più la produzione industriale, e quindi la sua economia.

Contrariamente a quanto sta accadendo in Colombia, in questo Paese l’impatto significativo della crescita accelerata del costo della vita si fa sentire nei carburanti e nelle abitazioni, che in alcuni casi raggiungono livelli che non solo riducono il potere d’acquisto delle famiglie, ma portano anche loro per ridurre il consumo di base.

Quando la proprietaria spagnola di Brooklyn Paula Seville e due dei loro amici hanno annunciato a metà maggio che sarebbero dovuti partire il 30 giugno, non avrebbero mai immaginato che l'”incubo” sarebbe stato trovare una nuova casa.

Dopo due mesi di ricerche, trenta visite e molto stress, hanno trovato un appartamento per $ 3000, con solo due stanze. Dopo molti andirivieni, potevano rimanere nel vecchio, non lontano dal nuovo, ma pagare 800 dollari in più, 4800 dollari al mese.

Solo nel secondo trimestre del 2022, gli affitti a New York sono aumentati del 20,4%, secondo il portale immobiliare StreetEasy.com. Le file di candidati erano molto più lunghe di quanto non fossero pochi mesi fa.

“Una volta abbiamo perso un appartamento perché abbiamo inviato l’ordine con quattro minuti di ritardo”, ha detto il 26enne all’AFP con una certa incredulità.

READ  Fedecámaras: l'economia privata venezuelana chiuderà quest'anno dell'1% in più

A volte non è sufficiente arrivare prima o addirittura fornire più soldi di quanto i proprietari terrieri – in molti casi grandi società o fondi di investimento, soprattutto a Manhattan – ti chiedono di poter firmare un contratto di locazione. I requisiti per l’affitto sono piuttosto severi: guadagna uno stipendio annuo di 40 volte l’affitto mensile, avere una storia creditizia impeccabile e presentare le ultime dichiarazioni dei redditi e gli estratti conto bancari.