Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Morti e attacchi a Gaza, notizie e altro ancora

Morti e attacchi a Gaza, notizie e altro ancora

Nelle ultime settimane molti leader in tutto il mondo hanno chiesto la fine degli scontri tra Israele e Hamas. Mercoledì mattina (ora locale), sulla scia della notizia che il governo israeliano aveva approvato la vendita degli ostaggi, molti politici hanno sentito una sola parola: progresso.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto martedì scorso che i colloqui hanno fatto “progressi significativi”, ma ha detto che il paese “non avrà pace finché Hamas continuerà a tenere ostaggi a Gaza”.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken parla ai media all’aeroporto di Ankara Esenboga ad Ankara, in Turchia, dopo i suoi incontri con i suoi omologhi turchi il 6 novembre. (Jonathan Ernst/AFP/Getty Images/File)

Il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha descritto l’accordo tra Israele e Hamas come “un passo cruciale nel fornire assistenza alle famiglie degli ostaggi e affrontare la crisi umanitaria a Gaza”.

Anche il ministro degli Esteri australiano Penny Wong ha salutato l’accordo come un segno di progresso.

Il ministro degli Esteri australiano Penny Wong parla durante la conferenza ministeriale dell’Associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) con l’Australia a Giakarta il 13 luglio 2023. (Foto di Aging Dinar Ulviana/AFP/Getty Images/File)

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel hanno affermato di accogliere con favore l’accordo decisivo tra Israele e Hamas riguardo al rilascio degli ostaggi, e Michel ha aggiunto di essere “grato al Qatar e all’Egitto che hanno contribuito a negoziarlo”.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha descritto l’accordo come “la prima buona notizia da Gaza da molto tempo” e ha aggiunto che la Russia ha costantemente chiesto una tregua e una tregua umanitaria.

READ  Foto inedite di scene di caccia che hanno sollevato sospetti sull'alimentazione degli orsi polari

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha detto che sperano che l’accordo possa aiutare ad “alleviare la difficile crisi umanitaria, ridurre l’intensità del conflitto e allentare le tensioni”.

Il Qatar, un negoziatore chiave, ha affermato di sperare che la fine dei combattimenti possa aiutare ad aprire la strada verso una soluzione a lungo termine.

Mohammed Al-Khulaifi, Ministro di Stato presso il Ministero degli Affari Esteri del Qatar, ha affermato in una dichiarazione che la priorità del Paese ora è lavorare sugli sforzi volti a garantire “un cessate il fuoco a lungo termine, porre fine alla guerra e lavorare per una pace duratura. “

Questo sentimento è stato condiviso dal presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi, che “ha accolto con favore il successo” della mediazione egiziano-qatariana-americana nell’attuazione di una tregua umanitaria, ma ha rinnovato il suo impegno a trovare una tregua “finale e sostenibile”.

Il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi parla durante un incontro con il segretario di Stato americano Antony Blinken al Palazzo Ittihadiya al Cairo, in Egitto, il 15 ottobre. (Jacqueline Martin/Reuters)

Anche il capo del governo autonomo palestinese, Mahmoud Abbas, ha accolto con favore l’accordo sugli ostaggi, ma ha rinnovato le sue richieste per un cessate il fuoco completo, secondo l’agenzia di stampa palestinese Wafa.

promemoria: Israele e Hamas hanno concordato una tregua umanitaria di quattro giorni per consentire il rilascio di almeno 50 ostaggi – donne e bambini – detenuti a Gaza. L’accordo prevede inoltre il rilascio di 150 palestinesi, tra cui donne e bambini, dalle carceri israeliane.