Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Avvertimento di un medico infettivo riconosciuto: “Il virus è cambiato e le persone che hanno preso una singola dose sono come se non fossero state vaccinate”

Marta Cohen, pediatra

Un recente studio di Public Health England ha sostenuto che ricevere due dosi di vaccini contro il coronavirus protegge efficacemente dal ricovero in ospedale a causa della variante delta, che è stata inizialmente identificata in India e si è già diffusa in 70 paesi. Un famoso scienziato infettivo ha indicato la necessità di riformulare la strategia di vaccinazione in Argentina, dove solo il 7,85% è completamente immunizzato.

Il virus è cambiato e le persone che hanno preso una dose sono diventate come se non fossero state vaccinate‘, ha rassicurato la pediatra Marta Cohen in un’intervista al programma la terza volta per Eco Medio AM1220.

Come ha spiegato Cohen, prima di somministrare le due dosi separate da un massimo di tre mesi, poiché aveva una buona risposta, ora ha notato che questa strategia era obsoleta a causa della virulenza della variante delta. Con una singola dose non risponde adeguatamente solo del 33%. Quando vengono somministrate entrambe le dosi, l’efficacia è del 60%. Spiegato riguardo al vaccino AstraZeneca.

Il virus è cambiato e l’efficacia dei vaccini sta diminuendo perché sono stati fatti con un virus un anno fa e non si sta più diffondendo. Il virus è cambiato e il pericolo è che arrivi un’ondata della nuova variante e che tutte le persone che hanno preso una dose sembrino non essere state vaccinate. Questo significa che il paradigma è cambiato e la strategia deve essere cambiata. Tutte le persone che hanno preso una pozione del nuovo tipo non avevano niente., mettere in guardia.

Un'infermiera estrae una dose da una fiala del vaccino AstraZeneca contro il COVID-19 (EFE/Marcial Guillén/File)
Un’infermiera estrae una dose da una fiala del vaccino AstraZeneca contro il COVID-19 (EFE/Marcial Guillén/File)

Cohen ha consigliato di accelerare la seconda dose e somministrarla al momento opportuno: “21 giorni per Sputnik V e Sinopharm e 28 giorni per Oxford. Può essere ritardata e invece di tre potrebbero essere 4 o 5 settimane, ma non tre mesi. come suggerisce il governo.” Ha aggiunto: “Questo è perdonato”.

READ  Conrado Estoll incrocia Sergio Bernie: "Se questo era Titanic, ci hanno dato i giubbotti di salvataggio e abbiamo scelto il violino".

Da Londra, il famoso scienziato delle malattie infettive ha avvertito della necessità di prepararsi all’arrivo di questa nuova specie, che aumenta le infezioni dal 40% al 60%. “La nuova alternativa è negli Stati Uniti e in Europa; è in più di 70 paesi. Sono arrivato nel Regno Unito all’inizio di maggio e dal nulla è il 93% dei casi, e la variante britannica è stata spostata. Sono arrivato anche a metà Maggio in Brasile. Come non arrivare in Argentina?””si chiese.

A questo proposito, ha sottolineato che “L’India era in crisi con tanti morti, quelli che venivano bruciati direttamente perché non avevano più posto, il 3,3% della popolazione è stato vaccinato con due dosi. L’Argentina ha poco più del 6% con due dosi”, ricorda.

Vaccinazione presso la sede di San Lorenzo
Vaccinazione presso la sede di San Lorenzo

Questo lavoro ha scoperto che il vaccino Pfizer-BioNTech era efficace per l’88% contro la malattia sintomatica variabile delta due settimane dopo la seconda dose, rispetto al 93% efficace contro la variante alfa o meglio conosciuta come British.

A questo proposito, il segretario alla sanità britannico Matt Hancock ha dichiarato: “È chiaro quanto sia importante la seconda dose per garantire la più forte protezione possibile contro il COVID-19 e le sue varianti”.

Continuare a leggere: