Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Moncloa.  10/10/2022.  Silvia Perez Cruz, Attuale National Music Award 2022 [Prensa/Actualidad/Cultura y Deporte]

Moncloa. 10/10/2022. Silvia Perez Cruz, Attuale National Music Award 2022 [Prensa/Actualidad/Cultura y Deporte]

La giuria ha premiato l’artista catalana con questo apprezzamento per “la qualità creativa e interpretativa della sua carriera”, nonché “per la natura, la diversità e l’audacia delle sue proposte”. La giuria ha anche evidenziato il suo “incrollabile impegno per la bellezza”.

Biografia personale Silvia Perez Cruz (Palafrugell, Girona, 1983) ha conseguito una laurea in canto jazz presso l’Escola Superior de Música de Catalunya (ESMUC), anche se la sua formazione musicale è iniziata durante l’infanzia, da quando ha iniziato a studiare un’ampia varietà di materie all’età di quattro anni. Teoria musicale, sassofono e pianoforte, cajon, armonia, voce (jazz e flamenco), improvvisazione, orchestrazione, sassofono (jazz), composizione, combinando musica classica, jazz, musica popolare iberica e latinoamericana.

È stata co-fondatrice e cantante del gruppo Las Migas (2004-2010) e ha formato un duetto episodico con il chitarrista Toti Soler, anche se il suo debutto come compositrice e solista sarebbe arrivato con 11 de novembre (Universal, 2012), per il quale gli è stato assegnato un record d’oro. Il successo lo ha ripetuto nel 2014 con Granada (Universal 2014), che è stato pubblicato in forma di duetto con Raul Fernandez “Refree”, con il quale ha anche co-prodotto il brano precedente. Nel 2017 pubblica Vestida de nit (Universal Music), progetto che prende il nome dall’omonima composizione per i genitori Glòria Cruz (parole) e Càstor Pérez (musica) e cresce dopo più di cinque anni di tournée con un quintetto d’archi, come sintesi di una profonda realizzazione sonora, combina classici del suo repertorio e brani inediti con arrangiamenti propri e di stretti collaboratori come Joan Antoni Pich, Javier Galiana de la Rosa e Carlos Montfort.

READ  Una squadra italiana vuole Marcos Senesi dal Concordia - Sport

Nel 2019 ha intrapreso un tour di duetto con il pianista minorchino Marco Mizquida, collaborazione che si è conclusa in Giappone registrando un album dal vivo su Blue Note a Tokyo chiamato MA. Vivi a Tokio. Il 2 ottobre 2020 ha pubblicato il suo ultimo album, Farsa (An Impossible Kind), un progetto che riunisce la realtà sintetica degli ultimi tre anni di Sylvia attraverso tredici brani originali con testi propri e alcune poesie in prestito, che riflettono il suo ricco dialogo con altri creatori. campi.

Artista dallo stile molto personale, ma molto diversificato, la sua carriera è stata plasmata anche da proficue collaborazioni con altre discipline, come teatro, danza e cinema. Ha collaborato con nomi come Gino Pauli, Stefano Polani, Luiz Homar, Rossio Molina, Jorge Drexler, Hamilton de Holland, Toquinho, Natalia LaForcade, Lila Downs, Lineker, Javier Collina, Joan Manuel Serrat, Louise Lach, tra gli altri, e ha cantato in formazioni prestigiose come l’Orchestra Nazionale di Spagna, diretta da Josep Pons.

Nel corso della sua carriera, ha lavorato in diverse produzioni teatrali dirette da Juan Olly e Julio Manrique. Ha anche composto musica per due produzioni di Lluís Homar: Terra Baixa, nel 2014, e Cyrano, nel 2018.

Nel campo della danza, prima assoluta al Festival di Avignone (2018) della produzione di Grito Pelao (Max Award 2019 per Miglior Composizione Musicale Sylvia e Miglior Spettacolo di Danza) con il ballerino e coreografo Rossio Molina, opera sul desiderio di essere un madre single ed è stato il risultato di un percorso di ricerca comune sulla passione Prima della composizione, la passione comune, prima del canto e della danza, quella condivisa dal canto e dalla danza.

READ  I nuovi colori Benetton

Al cinema, è stata la voce del film Blancanieves di Pablo Berger, che ha vinto 10 Goya nel 2013, tra cui la migliore canzone originale. Nel 2015 ha composto e registrato la colonna sonora di Cerca de tu casa, regia di Edward Cortes, film sugli sfratti in cui ha anche recitato e cristallizzato sull’uscita di Domus (Universal Music, 2016), album con il quale ha vinto il Biznaga Premio de Plata. Migliore musica originale al Malaga Film Festival, Premio per la migliore musica originale al PÖFF (Festival delle notti nere) a Tallinn (2016), Premio Gaudí per la migliore musica originale (2017) e Premio Goya per la migliore canzone di musica originale per “Ai, Aay, Ai” (2017) ; È stata anche nominata per Goya come migliore attrice esordiente. Questo album contiene anche la canzone “Non c’è molto pane”, che è una delle canzoni più richieste ai suoi concerti insieme alla sua versione di “Pequeño vals vienés” e “Gallo rojo, gallo negro”. Nel settembre 2018 ha collaborato a La noche de dodici años del regista uruguaiano Alvaro Brechner, con due copie e due sue composizioni, oltre a partecipare a un piccolo ruolo di attrice. Il suo lavoro cinematografico più recente è per il film d’animazione JOSEP (2020), diretto dal pittore francese Aurel, per il quale ha creato la colonna sonora e ha dato voce a due personaggi. In Francia, il film ha ricevuto il Prix Lumière (assegnato dalla stampa professionale internazionale) come miglior film d’animazione dell’anno e miglior colonna sonora originale.

La voce di Perez Cruz ha viaggiato molto attraverso Spagna, Cuba, Stati Uniti, Estonia, Bulgaria, Svezia, Danimarca, Germania, Algeria, Tunisia, Belgio, Paesi Bassi, Croazia, Hong Kong e Inghilterra, e ha anche visitato spesso palcoscenici in Francia. Portogallo, Norvegia, Italia, Turchia, Argentina, Cile, Uruguay, Messico, Brasile e Giappone.

READ  Juan Sebastian Veron, addetto alla ginnastica della sconfitta: la foto diventata virale

Giuria La giuria, presieduta dal Direttore Generale dell’Istituto Nazionale di Arte Drammatica e Musica (INAEM), Joan Francesc Marco, e dal Vice Presidente e Vice Direttore Generale per la Musica e la Danza, Antonio Garde, è composta da: Membri: Tomas Fernando Flores , Direttore di Radio 3. Almudena Heredero, Direttore del Primavera Sound Madrid; Jordi Herreruella, Direttore del Festival della Crudelia; Paula Quintana, regista e conduttrice di Captain Demo su Radio 3; Musicista e attuale Premio Nazionale di Musica nel 2017, Javier Roibal e Carmen Zapata Corbalan, Presidente dell’Associazione delle Donne nell’Industria Musicale.

Altri vincitori della copia tra i vincitori delle precedenti call sono: Rosalyn (2021), Chano Dominguez (2020), Maria Rodriguez (Mala Rodriguez) (2019), Cristina Rosenving (2018), Javier Roibal (2017), Martirio (2016), Jorge Pardo (2015), Carmen Paris (2014), Luz Casal (2013), Kiko Veneno (2012), Santiago Auserón (2011), Amaral Duo (2010) e Joan Manuel Serrat (2009).