Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Miguel Indurain: “I giovani talenti sono sotto pressione”

Miguel Indurain: “I giovani talenti sono sotto pressione”

Il segno va, la foto arriva. Richieste infinite. Una figura leggendaria, un immortale, che cammina tra i mortali. Si prende cura di tutti con il suo miglior sorriso, gentilezza e semplicità, oltre a continuare a godersi il ciclismo come sua grande passione. Miguel Indurin (Vilava, 58 anni), Ambasciatore sportivo di Santander, Sabato scorso a O Barco, che è la città della Galizia dove Condiviso con la stampa sfollata a O Gran Camiño Una bella mattinata per pedalare, organizzata dall’ente, nonostante il freddo e la pioggia. Una franchigia di cui AS faceva parte e in cui il colosso era della Navarra Discuti l’entusiasmante nuova generazione di Talento spagnolo Guidati da Juan Ayuso e Carlos Rodriguez.

-Un’esperienza di ciclismo così, è più divertente di quando gareggiavi?

– No, amavo la competizione, il mio sport. Ma se ti piace la competizione, la competizione è divertente. Anche questo è andare in bicicletta, con un gruppo a cui partecipo di solito… È un bell’evento, ma quando sei in competizione, anche se stai attraversando momenti difficili, se sei all’altezza, ci stiamo divertendo.

– Ancora molto attivo in bici con “La Indurain”, Titan Desert… Quanto tempo passi ancora in bici?

– Beh, quest’anno in inverno un po’ di più, perché devo prepararmi per Titan e mi hanno costretto ad avanzare nell’allenamento, e per finire, è stato brutto. Ma di solito esco quando ho tempo e d’estate. Amo la bici e mi diverto ancora al mio ritmo, non gareggio ed esco per divertirmi con le persone, con i gruppi e altre volte da solo… ma vado ancora in bici. È lo sport che pratico e non pratico nessun altro sport.

READ  Duro avvertimento da parte dell'allenatore del Bridgethon Kolo Barco dopo che il club ha ufficializzato la sua nomina

– Ora abbiamo di nuovo una grande generazione di talenti spagnoli. Ti eccitano?

-Li vedo bene, quello che succede è che gli mettono molta pressione, appena si fanno un po’ vedere si pensa già al prossimo Valverde. Sono parole grosse. Sono bravissimi ragazzi, abbiamo avuto qualche anno non c’era nessuno come lui (di Valverde). Persone che stavano andando bene, sì, come Landa e altri si stavano unendo, ma all’improvviso c’è stata una “ondata” di ragazzi e loro sono il futuro, ma ovviamente, mettendo quella pressione su di loro… ognuno se la caverà in modo diverso. Ci sono persone che tollerano bene la pressione, e altre che proprio non ci riescono, quindi vedremo come la gestiranno in questi anni.

– È difficile prevedere se riusciranno a vincere grandi tour?

Sì, paragonarli a uno come Valverde è complicato. Mirano molto bene, sono disponibili, difendono bene in tutte le aree, sono persone con carattere, hanno carattere all’interno della gara, è davvero difficile trovare persone che sappiano fare questo tipo di competizione, ma noi Volere. Vedremo fino a che punto si spingeranno.

Miguel Indurain, durante il giro ciclistico Santander Sports dell’O Gran Camiño.Santander Sports

– Con Carapaz andato da Ineos e i problemi fisici di Bernal, è ora che Carlos Rodriguez guidi il prossimo turno?

– Sì, per delega, puoi dargli la leadership, quindi non c’è problema, il problema viene dopo. In tour devi rispondere che sono paroloni. È facile: “Sei il leader e corri”. Quindi credo sia meglio andare a vedere il tour, vedere cos’è e come va. Ogni gara è diversa e a tre settimane dall’inizio del Tour devi sapere come assorbirla. Se è già nella squadra Ineos per il tour, se c’è già è già una responsabilità, e poi se può fare bene ancora di più.

READ  La Federazione italiana ammette che "il calcio italiano e internazionale è indispensabile", la Juventus

-Chi sarebbe al 100% come Il leader della Vuelta è Juan Ayuso. Quali sono le tue opzioni?

– Dimostrare di avere personalità, di saper controllare la pressione della squadra. Finora è sempre stato un po’ protetto da qualcun altro, ora vedremo come reagirà, ma ha una qualità, sa difendersi bene in montagna, contro il tempo, in tutto. È giovane e può imparare molto, ci saranno anni in cui se la caverà meglio, altri peggio, ma credo saprà come andare avanti.

– Saresti entusiasta se uno di questi corridori diventasse un altro grande campione come te nelle file di Movistar?

Tutti cercano la loro squadra. Ai miei tempi, per fortuna, avevamo tante squadre a livello nazionale, tanti sponsor che ci hanno tirato fuori: Banesto, Once, Clas… tante squadre, ora il ciclismo è cambiato ed è diventato più internazionale, ci sono corridori che sono in Movistar, che è l’unica squadra spagnola che abbiamo nel World Tour, ma il resto deve trovare un posto in Ineos o in altre buone squadre. È diventato molto globale, prima era difficile per un corridore spagnolo uscire per correre, come ha fatto Bricco, ma era una cosa strana, e poi tornare indietro, è stato molto difficile. Mariano Legarreta era in Italia, ma di solito non uscivamo, e ora è normale trovare spagnoli in tutte le squadre. Se sono in Movistar, va bene, ma se sono in altri, sono anche ben organizzati.

– Raul García Perna, uno dei nostri giovani talenti, è stato proclamato campione di Spagna 24 ore su 24, 7 giorni su 7 l’anno scorso. Da grande specialista, come ti vedi nel futuro, riesci a distinguerti?

READ  banfield vs. Boca Pro League: programma, formazioni e dove guardare la diretta

Sì, se è un fuoriclasse della disciplina è perché ha grinta, può sfruttarla o meno, ma lo fa. Bisognerà vedere come vanno le gare, come va la mentalità, come vanno gli infortuni, come vanno le cose. Sono uno dei corridori che sono esplosi giovani, in realtà sono esploso quando avevo 26-27 anni, e quelli sono quelli che sono esplosi giovani, ma penso che ce ne saranno alcuni che sono ancora in agguato là fuori, che ancora avere più di quelli, che potrebbero ancora soffrire di Fisicamente, è immaturo ea 24, 26, 27, beh, abbiamo ancora una sorpresa che è ancora un po’ tozzo. Ma questi sì, la verità è che hanno iniziato forte, in tutti gli sport oggi, ogni volta prima. Nel calcio, nel basket, nel ciclismo, nell’atletica, in tutto. Ce ne sono alcuni che vanno bene per loro e ce ne sono altri che sono ancora un po’ in cottura.