Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché l'Italia vince i Mondiali di nuoto?

Perché l'Italia vince i Mondiali di nuoto?

Ha vinto tre ori, un argento e un bronzo in questo torneo e punta a qualcosa di più. “La federazione si è concentrata sulla formazione degli allenatori, per questo abbiamo più corridori”, afferma l'allenatore Federico Gross.

La Spagna conta circa 70.000 nuotatori federati. In Italia 140mila, ovvero il doppio. In Spagna nel nuoto vengono investiti circa otto milioni di euro. In Italia 37, quattro volte di più. Si tratta di differenze notevoli, ma nessuna di esse spiega l’enorme disparità nei risultati tra i due paesi. Ai Mondiali in corso a Budapest, mentre la Spagna non gioca nessuna finale –Hugo Gonzalez Questo martedì è stato escluso dai 200 stili: l'Italia ha già tre ori, un argento, un bronzo e tutto il resto. Al di là del proprio disastro, e per molteplici ragioni, è necessaria la domanda: perché l’Italia è così vittoriosa?

“Possiamo analizzare molte cose, ma la ragione principale è la crescita di un'ottima generazione di giovani. Ho incontrato un grande gruppo che avrà una chance alle Olimpiadi di Parigi 2024”, ha spiegato in una conversazione con El Mundo. . Fabio ScozzoliDue volte vicecampione del mondo nel 2011 e tre volte campione europeo. parlare di Niccolò Martinenghi22 anni, ha vinto i 100 rana; A Benedetta Pilato, appena 17enne, vinse anche i 100 rana; O da Tommaso lo sarebbe, 21 anni, che ha dominato i 100 dorso, compreso il record del mondo. I tre erano già saliti su podi importanti in passato – Martinenge e Ciccone vinsero ai Giochi di Tokyo, Pilato vinse una medaglia mondiale a 14 anni – ma in questi giorni confermano l'ascesa storica del loro Paese.

READ  Il Real Madrid vuole un Gran Premio, il che è molto positivo per la Formula 1.

Tutti e tre stanno guidando una tendenza che non è una coincidenza. Solo dieci anni fa l’Italia era a corto di corridori e affidava i suoi successi sulla media e lunga distanza alle sue stelle, Federica Pellegrini, Alicia Filippi Anche Gregorio Paltrineri. Adesso brilla velocemente e non è magia. “Questa nuova generazione si dedica alle gare di velocità in virtù della strategia che la Federazione Italiana Nuoto (FIN) ha seguito negli ultimi 20 anni, concentrandosi consapevolmente sulla formazione degli allenatori, fornendo loro le risorse per migliorare le loro conoscenze in nuoto subacqueo Inizialmente, in virata, in velocità… Tecnicamente, vincere le gare veloci è più difficile e dimostra che hai fatto molto bene”, ha dichiarato in una conversazione con questo giornale. Federico GrossoNello specifico il tecnico della FIN e collaboratore della rivista Notoche sottolinea quella che, a suo avviso, è la ragione principale di questo buon momento: “Certo, il lavoro viene da 1.500 piccoli club del Paese, con circa 30mila tecnici partecipanti, e che ora, dopo il Covid,” stanno attraversando gravi difficoltà finanziarie: “Nonostante i successi attuali, c’è il rischio che giovani talentuosi come Pilato o Ceccon smettano di nuotare perché non hanno un club nelle vicinanze”.

Il sogno europeo di Roma

Le Olimpiadi di Parigi 2024 sono l'obiettivo del gruppo attuale, ma prima avranno una seconda possibilità di brillare quest'anno ai prossimi Campionati Europei di Roma, che si terranno il prossimo agosto. È un sogno nella mente di tutti: con le sanzioni imposte alla Russia, l'Italia potrebbe battere il Regno Unito e conquistare per la prima volta il primo posto nel medagliere.

READ  ginnastica contro Studenti ancora fuori: le azioni di Bolga Rodriguez contro Leandro Diaz

“Sarei sorpreso se non ci riuscissimo”, dice Gross. “Ci sono tante aspettative verso l'Europeo e so che per molti è l'obiettivo principale”, aggiunge Scozzoli. Parte dei nuovi talenti, infatti, si sta formando a Roma, anche se la maggior parte è concentrata nel Centro Alte Prestazioni di Verona, nel nord del Paese, dove lavorano da anni per applicare il metodo scientifico al nuoto e dove durante Nel post-pandemia i nuotatori hanno potuto allenarsi in ogni momento. Si prevede che ai Mondiali di Budapest cadranno altre medaglie, alcune oggi, con diverse opzioni. Lì l'ambizione è quella di ottenere dieci medaglie olimpiche a Parigi dopo le sei di Tokyo.

In Spagna esistono 860 club di nuoto. In Italia 1.500, ovvero il doppio. In Spagna vivono 47 milioni di persone; In Italia 59, ovvero altri 12 milioni. Si tratta di differenze notevoli, ma nessuna di esse spiega l’enorme disparità nei risultati tra i due paesi.

Secondo gli standard

Progetto Fiducia

saperne di più