Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Matrimonio precoci in Afghanistan: “Abbiamo dovuto dare la nostra figlia di 10 anni per sopravvivere”

vita familiare Amina, una bambina afgana di 10 anninon andava più bene un anno fa, quando le forze statunitensi si sono ritirate Afghanistan dopo, dopo Decenni di conflitto armato e la presa del potere dei talebani. La differenza tra passato e presente è questa pubertà grave Oggi hanno portato i genitori della ragazza a un punto di rottura, dove non avevano altra scelta che prendere la decisione più difficile della loro vita, una decisione che fino a quel momento non aveva mai sfiorato le loro menti: Sposare sua figlia con un uomo più anziano in cambio di denaro.

Non avevamo abbastanza per sfamare il resto dei nostri figli. Pensavamo che se avessimo venduto nostra figlia, il resto dei nostri figli sarebbe potuto sopravvivere.Ha detto in una conversazione telefonica con Nazione Il padre della ragazza.

Amina proviene da una famiglia composta da suo padre, un contadino che ha perso il lavoro quando il governo di fatto ha rilevato Kabul, sua madre, che è una casalinga ed è incinta da alcuni mesi, e i suoi cinque fratelli. La ragazza è la maggiore di tre ragazze. Nei brevi dieci anni della sua vita, Né lei né le sue sorelle andavano a scuola.

Amina con i suoi fratelli e genitori nella sua nuova casa a HeratTroppo piccolo per la cortesia del matrimonio

Una decina di anni fa la madre l’ospitò nella sua casa nella provincia di Badghis, a nord-ovest del Paese, in un periodo in cui la famiglia godeva di stabilità grazie al lavoro del padre nei campi, il quale, pur sottolineando che i soldi non bastavano per condurre una vita decente e così via Il cibo non cadrà mai dalla tavola.

L’equilibrio familiare iniziò a sgretolarsi quando Amina aveva appena due anni. La continua guerra interna in un paese instabile e dall’economia fragile colpì la famiglia, che fu costretta, insieme ad altri. 3,5 milioni di persone, per migrare in un altro luogo più sicuro all’interno del paese. Col passare del tempo e l’aggravarsi della crisi, suo padre decise di vendere la loro casa e altri beni per saldare i propri debiti e trovarono quella che pensavano fosse una nuova casa in un campo profughi.

READ  Domenica di Resurrezione: queste sono le frasi, le immagini e il significato di questo giorno di Pasqua | Resurrezione | Buona Pasqua | le risposte

Il posto era tutt’altro che una vacanza rilassante. La stanza in cui vivevano era di pochi metri quadrati e dormivano insieme su un tappeto per terra. Nel campo profughi non ci sono istituzioni disponibili per l’educazione dei bambini e nessun sistema sanitario.

Stavamo frugando nella spazzatura per trovare qualcosa da mangiare. A volte possiamo mangiare una volta, e altre volte due. Altre volte trascorrevamo giorni senza mangiare”, ha sottolineato la famiglia a questo broker.

Ma il presente è diventato disperato per il padre di Amina Ha perso il lavoro dopo la formazione del governo talebano. Il reddito economico è sceso a zero, trovare un nuovo lavoro è diventato impossibile a causa della catastrofe in cui il paese è crollato e l’età del capofamiglia è aumentata.

Una realtà soffocante ha messo i genitori di fronte all’unica alternativa che vedevano possibile per far uscire i loro sette membri della famiglia. Amina doveva sposarsi. suo marito, Un uomo di 21 anni lavora in Iranpotrebbe dare alla ragazza una vita migliore, mentre la somma di denaro pattuita per organizzare il matrimonio fornirebbe una soluzione temporanea alla povera economia.

“Abbiamo pianto in modo incontrollabile. Non volevamo venderlo, ma dovevamo. Amina era molto turbata ea disagio per la situazione‘, lamentandosi di sua madre in una conversazione con Nazione.

Amina è riuscita a salvarla prima organizzazione umanitaria Troppo piccolo per mercoledì (Too Young to Marry), che combatte i matrimoni precoci nei paesi in via di sviluppo. Sono riusciti a trovarla grazie a un rapporto di France 24 prima che la famiglia del marito terminasse i pagamenti promessi, quindi La ragazza non ha mai raggiunto la mano del marito. L’organizzazione ha trasferito l’intera famiglia in un appartamento a Herat, dove forniscono cibo e assistenza sanitaria, nonché istruzione a tutti i loro figli, inclusa Amina, e lavoro per il padre.

Too Young To Wed Amina ha salvato le sue sorelle e altre ragazze il suo primo giorno di scuola
Too Young To Wed Amina ha salvato le sue sorelle e altre ragazze il suo primo giorno di scuolaTroppo piccolo per la cortesia del matrimonio

Amina e suo fratello arrivarono a Herat con una grave diarrea e una terribile polmonite. Le hanno detto che non voleva parlare, era troppo chiusa. Nazione membri dell’organizzazione. “Ora è felice. Dice che le piace vivere in una grande casa con una stanza tutta sua ed è entusiasta di iniziare la scuola. Dice che vuole diventare un’insegnante o un medico da grande”..

READ  Bachelet ha espresso la preoccupazione delle Nazioni Unite per i diritti umani a Formosa, ma Felipe Sola ha detto che era un "complimento"

Sabato mattina, Amina e le sue sorelle hanno partecipato al primo giorno di lezione, “frizzanti di gioia”, hanno detto al medium i membri dell’organizzazione umanitaria. Il loro padre li ha accompagnati. I suoi occhi si riempirono di lacrime di felicità.

Durante il corso, le ragazze seguiranno lezioni di dari persiano – il dialetto parlato in Afghanistan – inglese, il Corano e un’introduzione alla robotica, alla matematica, alle abilità di vita e all’arte.

“Mi sento molto bene, sto studiando per costruire il mio futuro”, ha detto la ragazza dopo aver terminato la sua giornata scolastica. lo ha confermato Ha trovato interessante studiare con altre ragazze e con i suoi compagni di classe.

La devastante situazione in Afghanistan un anno dopo la caduta di Kabul in mano ai talebani ha messo la vita di molti bambini sull’orlo del collasso. Più di 1 ragazza su 20, il 5,5%, è stata costretta a sposarsi per aiutare a sostenere le proprie famiglie in condizioni di estrema povertà. Secondo l’ultimo rapporto di Save the Children, questi casi sono più comuni nelle famiglie con capofamiglia, che subiscono il maggiore stress finanziario e le carenze nella capacità di guidare la famiglia a causa delle rigide leggi anti-femminili imposte dai talebani.

Ragazze vittime di matrimoni forzati Di solito hanno tra gli 8 e i 15 anni.Viene somministrato agli uomini di età superiore ai tre anni.

Lo sfollamento interno alla ricerca di una migliore qualità della vita rappresenta un rischio per i bambini, soprattutto se separati dai genitori o da chi si prende cura di loro, poiché possono finire per essere coinvolti nelle reti di traffico di esseri umani.

Amina è pronta per andare al suo primo giorno di scuola
Amina è pronta per andare al suo primo giorno di scuolaTroppo piccolo per la cortesia del matrimonio

Le ragioni della decisione di costringere le ragazze a sposarsi non sono solo economiche, ma anche l’imprevedibilità del futuro. Basir Mohammadi, Direttore Regionale di Too Young to Wed. ha dichiarato: Nazione colui il quale Il “fattore paura” è un grande motivatore.

READ  Il paradosso di Melenchon che vince perdendo | Macron e Le Pen ora devono lottare per il voto di sinistra

Le famiglie temono di non poter sfamare le proprie figlie, temono di non poterle proteggere, di non poterle dare un futuro. Il loro futuro è incerto perché vedono i talebani come un’esclusione delle donne dalla società. Altri temono che un membro del governo talebano li rapisca o li violenti, perché anche questo accade. “Pertanto, preferiscono sposarli in modo che i loro mariti possano proteggerli”, ha spiegato Mohammadi.

La verità è che nemmeno la soluzione c’è. L’uomo che doveva sposare Amina non aveva intenzione di fornire un’istruzione alla ragazza, ma era destinata a diventare una casalinga.

“Purtroppo, la vita dopo il matrimonio non migliora per le ragazze”, dice Mohammadi. “Tendono a venderlo a uomini adulti, la maggior parte dei quali ha altre mogli e figli della stessa età delle ragazze. In alcuni casi, le famiglie che comprano ragazze sono in una posizione economica leggermente migliore rispetto a quelle che vendono le loro figlie, ma sono ancora colpiti dalla crisi economica”.