Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Martín Guzmán gioca per rassicurare l’economia in mezzo a una tempesta | Normalizzazione o morte

Le difficoltà incontrate dalla banca centrale nell’aggiungere il dollaro alle riserve Nei mesi in cui dovevi farlo così intensamente ha fatto una nuova apparizione Una raffica di rilasci Su cosa possono fare Martín Guzmán e Miguel Pesce per gestire la situazione, in relazione ai movimenti speculativi nei mercati finanziari e dei cambi alla ricerca di scenari previsionali visti come sempre più complessi.

L’improvviso calo di titoli in peso di questa settimana indicizzati da CERCon l’aumento del dollaro fiscale come pari, aumenta la richiesta di un forte aumento del tasso di riferimento della banca centrale. Guzman rifiuta. Chiedono un rilancio fino a 4 pip e ora è disposto solo ad aggiustare il margine. Martedì prossimo ci sarà un’importante gara d’appalto per il debito in pesos da parte del Ministero dell’Economia. Lì si vedrà fino a che punto il ministro mantenga la sua posizione di non fare movimenti bruschi, di non permettersi di fare pressioni sul mercato e di continuare sulla strada che ha pazientemente intrapreso dall’inizio della sua amministrazione.

Guzmán la chiama la normalizzazione dell’economia, una sfida che era già formidabile con l’eredità della crisi e dell’indebitamento lasciato dal governo Campimos, da quando la pandemia e ora la guerra in Ucraina hanno acquisito proporzioni storiche. Tuttavia, il ministro respinge le azioni shock richieste da sinistra e destra per frenare l’inflazione e controllare il braccio di ferro della svalutazione. Scommetti sul gradualismo del sistema macroeconomico, sul dialogo e su procedure chirurgiche come l’imposta sul reddito inaspettato.

La domanda principale sul fronte Todos è se avrà tempo a sufficienza per mostrare i risultati che gli permetteranno di vincere le prossime elezioni. Molti non ci credono e bussano alle porte di Alberto Fernandez finché non ordina al capo del tesoro di affrettarsi su un’agenda che non è la sua.

READ  È stata violentata da un'infermiera poche ore prima di morire da Covid-News

L’allontanamento di Roberto Feletti dal Ministero del Commercio Interno e l’emancipazione di Guzmán da parte del presidente indicano che il governo sta attualmente giocando allo stesso gioco del capo dell’economia: Normalizzazione o morte. D’altra parte, l’opposizione suscita fantasmi e suggerisce che alla fine della strada ci sarà una ridefinizione dei soprannomi in peso, come ha fatto Hernán Lacunza nel governo Macri.

riserve e il Fondo Monetario Internazionale

Secondo la roadmap contenuta nell’accordo con il Fondo Monetario Internazionale, Tra aprile e giugno, la banca centrale deve accumulare $ 2,9 miliardi di riserve, di cui solo $ 350 milioni a questo punto.. Nel terzo trimestre il conto dovrebbe crescere di 400 milioni, mentre nell’ultimo trimestre si registrano altri 1,3 miliardi, anche se la maggior parte di queste ultime valute sarà fornita da prestiti concordati con organizzazioni internazionali.

Guzmán ha confermato che il mancato rispetto del trimestre in corso sarà compensato nella seconda metà dell’anno. Ha sottolineato che le attuali difficoltà sono una diretta conseguenza della guerra in Ucraina, che ha modificato variabili chiave come il prezzo dell’energia. Lo stato nazionale ha dovuto spendere più dollari per pagare le importazioni di gas e carburante, il che ha compresso il margine di cambio che l’autorità monetaria è stata in grado di ottenere.

A maggio il conto energia è cresciuto di oltre 1.000 milioni di dollari rispetto al normale e finora a giugno sono già stati utilizzati più di 500 milioni di dollari.

C’è un eccesso di pessimismo nel mercato perché guarda alla stagionalità storica della fusione delle riserve e questo è un anno diverso a causa della guerra. Al momento c’è più domanda di valuta estera per anticipare le importazioni, non solo nell’energia ma nella maggior parte delle voci, ma nei prossimi trimestri tenderà a diminuire e il tasso di ingresso nelle riserve sarà più alto di quanto abbiamo visto negli altri anni ”, valuta l’economista Sergio Chosa, Direttore di Sarandí Consulting. Egli dà credito alla spiegazione di Guzmán. In ogni caso, Cusa concorda con l’opinione prevalente tra i suoi colleghi secondo cui non sarà facile per la banca centrale raggiungere l’obiettivo di riserva annuale.

READ  Papa Francesco benedice Biden come "buon cattolico" tra le pressioni episcopali statunitensi contro l'aborto

Questo è ciò che considera la maggior parte degli operatori dei mercati finanziari durante il processo di copertura. Si inserisce in questa dinamica la corsa scoppiata a metà settimana contro i titoli in pesos indicizzati da CER. Lo svantaggio del disarmo di questi strumenti è stato l’aumento dei dollari finanziari (calcolati con liquidazione, eurodeputati e lavoro parallelo), un processo che ha ancora molta strada da fare fino al punto in cui le autorità non riescono a riflettere le aspettative.

La “soluzione” più vicina a questo è aumentare i tassi di interesse sulle banche centrali e le emissioni di debito del Tesoro. Ma Guzmán crede che se questo strumento viene utilizzato in modo improprio e se calibrato male, finirà la potenza di fuoco nel corso dell’anno e alimenterà solo la speculazione sul mercato. Inoltre, tassi di interesse più elevati aumenteranno il calcolo del debito in peso a causa dei maggiori interessi e il rifinanziamento nel 2023, avverte, sarà più complicato dallo scenario elettorale.

E cos’è la crescita?

La rigidità della situazione per quanto riguarda le riserve può portare a restrizioni sugli acquisti all’estero. Un ultimo freno alle importazioni potrebbe rallentare il progresso dell’economia. Di fronte a questa speculazione, hanno confermato al Palacio de Hacienda che nulla di tutto ciò sarebbe accaduto e che le attività produttive Avrà abbastanza valuta estera per garantire la crescita.

Un’altra speculazione nel ballo è che vengano prese alcune misure per prevenire viaggi turistici fuori dal paese. Le autorità prevedono un aumento della domanda di valuta estera per le vacanze invernali. Al Palacio de Hacienda, ancora una volta, sottolineano che l’obiettivo è normalizzare l’economia e non fare ulteriore rumore.

READ  Hanno trovato i corpi dei due sacerdoti gesuiti e della guida turistica assassinata a Chihuahua

La crescita del PIL quest’anno sarà superiore al 4%, come hanno tenuto nella tesoreria economica. Sarà il secondo anno consecutivo di espansione. In ogni caso, sono consapevoli che il secondo semestre avrà un livello di attività leggermente inferiore rispetto al primo semestre. Entro il 2023 si aspettano anche una crescita, facendo nuovi passi nel “piano di normalizzazione” per cui Guzmán sta giocando.