Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Al Summit delle Americhe, Luis Almagro ha detto: “Non avrei amato Pinochet, Videla e Gregorio Alvarez in questa stanza”.

Luis Almagro al vertice delle Americhe

Venerdì, il Segretario Generale dell’OAS Luis Almagro ha parlato dell’esclusione di Venezuela, Nicaragua e Cuba dal Vertice delle Americhe e ha affermato: “Non mi è piaciuto che (Augusto) Pinochet, (Rafael) Videla e Gregorio Alvarez fossero in questa stanza”.

Così Almagro ha paragonato le dittature del secolo scorso in Cile, Argentina e Uruguay Con Nicolas Maduro, Daniel Ortega e Miguel Diaz-Canel, hanno spiegato che “la dittatura non è una questione di ideologie”. esortato a “Lavorare con i paesi della regione e cooperare per i diritti umani dei cittadini”.

Le nostre simpatie dovrebbero essere per le vittime delle dittature. Questi sono i popoli che dovrebbero essere rappresentati qui”, ha chiesto l’uruguaiano durante il suo discorso alla seconda sessione plenaria dell’incontro che si terrà a Los Angeles, in California.

Pertanto, il capo dell’Organizzazione degli Stati americani si allinea alla posizione degli Stati Uniti, che ha escluso di invitare questi tre paesi a considerarli dittature, che L’incontro ha comportato l’assenza dell’incontro di molti leader latinoamericani, come quelli del Messico, della Bolivia e dell’Honduras.

Il Segretario Generale dell’OAS Luis Almagro (Reuters/Lauren Justice)

Almagro ha anche fatto riferimento a quanto sta accadendo in alcuni paesi del continente: Ci sono livelli straordinari di povertà. Sono necessarie democrazie migliori e la democrazia è la migliore risposta a qualsiasi problema”. Ha anche sottolineato l’importanza di “elezioni eque, libere e trasparenti”.

Sul tema centrale del vertice, che è il problema delle migrazioni, Almagro ha affermato che i Paesi del continente dovrebbero “prendersi cura dei migranti”: “Le loro vite sono importanti quanto chiunque altro. Non possiamo permettere che si perda, dobbiamo soddisfare i suoi bisogni e dobbiamo proteggerlo”.

READ  Come combattere l'insonnia a Hong Kong La compagnia offre voli senza destinazione

sui problemi che esistono sul territorio, Almagro ha sottolineato che l’America Latina è la più pericolosa per i giornalisti, Mentre metteva in guardia contro la criminalità organizzata e chiedeva risposte congiunte e coordinate.

Ha anche fatto riferimento alla discriminazione subita dai popoli del continente. “Non ci dovrebbero essere discriminazioni basate su razza, genere o persone con disabilità. Tutte le manifestazioni di discriminazione devono essere eliminate”.

Daniel Ortega, Nicolas Maduro e Miguel Diaz-Canel
Daniel Ortega, Nicolas Maduro e Miguel Diaz-Canel

anche chiesto Bozza “urgentemente” per un nuovo “trattato globale” per porre fine alla violenza contro donne e ragazze.

“Dovrebbero Proteggere e promuovere i diritti delle donne e delle ragazze in tutta la loro diversitàHa sottolineato, sostenendo che è “diritto di ogni individuo a essere libero da ogni forma di violenza” ed è quindi essenziale “Impegno a portare avanti urgentemente un nuovo trattato globale indipendente” per porre fine alla violenza contro le donne.

I leader latinoamericani adottano venerdì, l’ultimo giorno del vertice, a Dichiarazione di Los Angeles che attua il principio della responsabilità condivisa per l’immigrazione “organizzata”, Come ha affermato Joe Biden, ma rimane una sorta di simbolico di fronte all’enormità del problema.

Il presidente degli Stati Uniti ha difeso questa settimana a Los Angeles Migrazione sicura e ordinata come potenziale catalizzatore per una crescita sostenibile, ma ha insistito sul fatto che la migrazione irregolare è “inaccettabile” e la sua gestione dovrebbe essere condivisa.

Nono Vertice delle Americhe Il primo che si tiene negli Stati Uniti dalla prima edizione (Miami, 1994), e si conclude venerdì al termine della Terza Sessione Plenaria dei Capi di Governo. e tavole rotonde tra società civile, settore privato e associazioni giovanili.

Continuare a leggere: