Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un Chavestas arrabbiato attaccò brutalmente Juan Guaido

Un Chavestas arrabbiato attaccò brutalmente Juan Guaido

Il presidente in carica del Venezuela, Juan Guaido, è stato aggredito sabato nello stato di Cojedes da violenti militanti chavisti, che lo hanno spinto e aggredito fisicamente.. Gli eventi si sono svolti a San Carlos, dove Guaido è arrivato come parte del suo tour in Venezuela.

Dopo un’enorme carovana avversaria, I combattenti del regime di Maduro hanno sorpreso il leader dell’opposizione in un centro di incontro.

Uno dei combattenti di Chavismo ha iniziato a gridare “Guito fuori”, mentre un’altra donna in uniforme rossa si è schiantata contro i finestrini e ha urlato con forza..

Le immagini dell’aggressione a cui è stato sottoposto all’interno del locale sono circolate sui social. In un video puoi vedere come viene spinto e quali cose gli vengono lanciate.

Il presidente ad interim del Venezuela ha attaccato dopo il convoglio dell’opposizione

Il membro di Voluntad Popular Freddy Guevara ha denunciato l’attacco e ha ignorato coloro che hanno minimizzato l’episodio: “Vedo persone confuse (e sfortunatamente le persone lo stanno diffondendo): Guaidó non è stato portato fuori da un ristorante da venezuelani insoddisfatti. Non era un ristorante (è era un luogo di ritrovo). Né è stato portato fuori da un ristorante da infelici venezuelani. Sono cittadini comuni, ma di regime. È stata un’imboscata“.

Nessuna minaccia, agguato o aggressione ci toglierà dal nostro dovere e responsabilità: stare al fianco del nostro popolo. Sei coraggioso, siamo orgogliosi di te, Juan Guaido”, ha scritto sui social Fabiana Rosales, la moglie dell’avversario.

Pochi minuti prima dell’attacco, il presidente ad interim ha incontrato i residenti della zona a una manifestazione. “Cojedes è la terra che ha affrontato la dittatura e li ha sconfitti. Siamo venuti oggi a cercarli per consolidare l’unità, uno strumento che è stato efficace durante questa lotta per sfidare e sconfiggere un regime che vuole farci abituare alla tragedia”, l’avversario ha scritto pochi minuti fa.

Il capo ad interim è stato spinto e picchiato nei Cojedes
Il capo ad interim è stato spinto e picchiato nei Cojedes

L’attacco non è il primo, ma i combattenti chavisti stanno cercando di smobilitare l’opposizione settimana dopo settimana. Sabato scorso, infatti, uomini armati del regime hanno tentato di sabotare le loro attività nella regione di Zulia (Nordovest).

Dopo aver incontrato le autorità di opposizione nella regione, la sua agenda prevedeva un incontro con gli zuliani e un giro in vari settori di Maracaibo, ma difficilmente riuscì ad avanzare, come gruppo di persone che si identificavano come “rivoluzionari” e cantavano che il il popolare “Viva Chavez” gli ha impedito di terminare la sua agenda come previsto.

Militanti chavisti hanno attaccato l’opposizione a Zulia

Guaido ha accusato Jose Sierra, membro del Consiglio del Partito Socialista Unito al potere in Venezuela, che lo ha accusato di aver attaccato i simpatizzanti dell’opposizione che stavano organizzando una manifestazione cittadina.

READ  Joe Biden ha approvato una legge che autorizza nuove sanzioni contro il regime di Daniel Ortega

Nel video, che Guaido ha condiviso sui social network, il consigliere di Chavismo, Jose Sierra, è stato identificato in un gruppo di persone rimaste fuori da un centro sportivo dove si svolgerà l’attività con il capo responsabile.

Continuare a leggere: