Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macron e Draghi si avvicinano: cercano di anticipare il vuoto che lascerà Merkel

Angela Merkel, cancelliere della Germania, durante le sue ultime settimane al potere, mentre il PSD negozia con Verdi e Liberali per formare un nuovo governo.

Per la Germania la partenza della Merkel, da 16 anni di fila alla guida dello Stato tedesco, sarebbe un duro colpo e sarebbe molto difficile sostituirla a breve termine.

Stiamo assistendo a una situazione simile a livello continentale, dove in questi 16 anni Merkel ha consolidato la sua posizione di leader europeo per eccellenza, guidando l’Unione europea attraverso la crisi finanziaria del 2008, la crisi migratoria nel 2015 e l’attuale pandemia.

Tuttavia, l’Unione europea potrebbe trovare in Emmanuel MacronIl presidente della Francia è un sostituto ed è all’altezza della Merkel. È un sostituto dell’inerzia. Negli ultimi anni, i francesi, alleati con la loro controparte tedesca, si sono affermati come uno dei leader del blocco sociale e stanno ora cercando di affermarsi come blocco principale.

Firmato il prima possibile con il Presidente del Consiglio dei Ministri d’Italia, Mario DraghiUn accordo per cercare di sconvolgere gli equilibri di potere in Europa. L’accordo, che sarà firmato a Roma, rafforzerà la cooperazione tra i due Paesi in settori quali l’economia, il commercio, il turismo e la cultura.

Sebbene molti dettagli al riguardo non siano ancora stati rivelati, l’intenzione dell’Italia è quella di intitolare il trattato al Palazzo del Quirinale del presidente italiano, dove sarà firmato.

Un anonimo funzionario italiano ha spiegato che “Macron vuole un rapporto più forte con l’Italia e l’Italia vuole inserirsi nella tradizionale partnership tra Francia e Germania”. Sotto la guida di un ex leader della Banca centrale europea, l’Italia ha ritrovato un po’ di calma e stabilità.

READ  Per Stiglitz, l'Europa è stata lenta nell'attuazione del piano di ripresa economica

Macron e Draghi cercano quindi di dare all’UE la spinta decisiva per poter attuare una politica estera più indipendente e posizionarsi come attore rilevante nel sistema internazionale.

Goldman Sachs: "inflazione