Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

MacKenzie Scott ha donato miliardi di dollari e i truffatori ne hanno approfittato

MacKenzie Scott (AFP)

Danielle Churchill aveva bisogno di aiuto. Stava crescendo cinque figli a Wollongong, sulla costa australiana a sud di Sydney, e ha dovuto spendere migliaia di dollari in trattamenti speciali per suo figlio di 10 anni, Lashla. Ha cercato di ottenere finanziamenti collaborativi sul sito web GoFundMe, ma ha raccolto solo una piccola parte di ciò che voleva.

Alla fine dell’anno scorso Ha ricevuto la lettera che sembrava risolvere i suoi problemi finanziari. Presumibilmente lo era E-mail dal filantropo miliardario MacKenzie Scott, Un romanziere noto per essere l’ex moglie di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, che ha detto che avrebbe donato metà della sua fortuna e che Churchill aveva diritto agli aiuti finanziari.

Il nome Churchill Scott su Google e la parola “truffa”. Al posto di una spinta, ha trovato diversi articoli di giornale che parlavano di come i rappresentanti di Scott hanno improvvisamente inviato un’email a centinaia di organizzazioni non profit per fornire supporto finanziario.

La gente pensava che fosse una bufala, ma si è rivelato veroIl 34enne Churchill ricorda di aver pensato.

Durante il 2020, Scott ha presentato Donazioni per un totale di 6 miliardi di dollari. Il suo metodo di donazione non convenzionale è stato elogiato per la sua velocità e trasparenza. Ma alcuni dei suoi evidenti vantaggi – essere una piccola organizzazione inesistente, senza sede o sito web pubblico, e nessun modo per contattarla o i suoi rappresentanti – furono proprio ciò che la rese oggetto di impersonificazione da parte di truffatori, come Churchill scoprirà presto. .

Per ottenere i fondi, Churchill ha dovuto compilare un “modulo di adesione” inviato da un’organizzazione che si fa chiamare McKinsey Scott Foundation e aprire un conto online presso Investors Bank and Trust Co. Poteva vedere che la fondazione aveva trasferito $ 250.000 sul conto che aveva aperto a suo nome, ma gli era stato detto che poiché era in Australia, doveva richiedere un numero di identificazione fiscale e pagare alcune commissioni prima di poter accedere ai fondi. E inizia a usarlo nella terapia del linguaggio e della funzione di Lachlan.

“Cercherò e verificherò tutto quello che mi hanno detto”, ha detto Churchill. Ha anche affermato che sua nonna aveva controllato tutto e lo credeva legale. “Ti inviano la prova di tutto ciò che chiedi e la banca online dice che tutto è protetto”.

READ  Gli ultimi giorni di Sigmund Freud: il corpo torturato, l'odore delle sue ferite e il patto con il suo medico non soffre

Quello che Churchill non sapeva era che non esisteva la McKinsey Scott Foundation o che Investors Bank and Trust Co., con sede a Boston, si è fusa con State Street Corp più di dieci anni fa. Né si trattava di Scott e del suo team, ma di un complesso gruppo di truffatori dediti a trarre vantaggio dalle persone vulnerabili..

Nel caso di Churchill, la frode è avvenuta non solo attraverso il portale della banca falsa, ma anche attraverso pagine Facebook false, messaggi WhatsApp e l’uso dell’app di criptovaluta. Bitcoin Per prendere i soldiIl totale è di circa $ 7.900) E che non è riuscito a riaverlo con l’aiuto di una banca o di un istituto di carte di credito.

Pagina Facebook falsa che afferma di essere un profilo della Fondazione scozzese
Pagina Facebook falsa che afferma di essere un profilo della Fondazione scozzese

La società Ironscales, associata alla sicurezza delle carte di credito in Israele, ha notato che le lettere presumibilmente dei rappresentanti di Scott hanno raggiunto quasi 190.000 account di posta elettronica dei suoi clienti. IlLa società ha iniziato a conoscere la frode dopo il 15 dicembre, quando Scott ha annunciato una donazione di circa 4,2 miliardi di dollari.

Ora, mesi dopo aver aperto un conto con una banca inesistente, Churchill conosce altre potenziali vittime. Continua a seguire le pagine Facebook che dovrebbero essere di Scott e nei commenti vedrebbe persone che chiedono aiuto e poi i commenti scompariranno. Un uomo ha pubblicato le foto della sua carta di debito. Accanto a una foto del volto sorridente di Scott, ha detto: “Scatta una foto del fronte e del retro e del sito della banca”.

Inoltre, nel post di Scott su Medium, dove ha fatto la sua ultima donazione a dicembre, un uomo ha pubblicato un commento chiedendo dello stesso presunto direttore aziendale che ha chiesto soldi a Churchill.

Marty Delima, professore presso la School of Social Work dell’Università del Minnesota, campus di Twin Cities, osserva che il metodo di Scott, in cui ha avvertito alcuni gruppi della sua donazione, ha reso più utile che i truffatori ne approfittassero.

READ  Mavis Alvarez ha svelato i segreti del suo incontro con Fidel Castro, che lo ha raggiunto per mano di Diego Maradona.

“Con questo modo ridicolo di donare, ha fatto loro un grande regalo”, ha detto Dilema.

Anche le persone che hanno le risorse di Scott non possono impedire ai truffatori di usare il suo nome. Ci sono truffatori che hanno copiato il sito web della Federal Small Business Development Agency e hanno impersonato la Federal Trade Commission, che è una delle agenzie che cercano di combattere specificamente questo tipo di inganno.

Scott fa donazioni a fondazioni – università, banche alimentari e altri enti di beneficenza – non a privati. Una persona che ha familiarità con la sua donazione ha dichiarato di non avere account di social media come Facebook e Instagram, solo la sua pagina su Medium e l’account Twitter sono stati verificati con solo tre tweet. La tua organizzazione non richiederà mai pagamenti anticipati dai destinatari delle donazioni. Questa persona ha rifiutato di commentare direttamente la truffa online per conto di Scott o quali misure potrebbe intraprendere per prevenirlo.

Churchill condusse ulteriori indagini e si rese conto che era improbabile che Scott l’avesse contattata direttamente, ma comunque non poteva allontanarsi immediatamente dai truffatori. Ha raccolto tutto ciò che era in suo potere per liberare i soldi promessi.

“Mio figlio ha bisogno di te per una vita migliore. Hai già perso molto”, ha commentato in quel momento.

Churchill ha condiviso dozzine di screenshot e pagine web in cui lo ha denunciato Una rete complessa inventata per depredare le speranze dei bisognosi. Ha dichiarato che i truffatori sapevano che non aveva soldi e che stava prendendo in prestito da sua nonna e sua sorella per pagare le presunte accuse.

Poche settimane dopo, Churchill è andato alla polizia locale. Le hanno detto che l’hanno tradita e quello Non c’era modo di riavere i suoi soldi.

Ad essere onesti, questa esperienza mi ha rovinato la vitaHa commentato.

Quando inizialmente contattato, Churchill non ha trovato segni rossi che qualcuno fosse stato ingannato. L’unica presenza visibile di Scott su Internet era una pagina Facebook piena di immagini del miliardario e articoli di giornale sulle sue generose donazioni.

Pagine false installate da truffatori
Pagine false installate da truffatori

Churchill ha inviato un messaggio su Facebook all’amministratore di questa pagina chiedendo se l’e-mail che ha ricevuto fosse corretta. Qualcuno ha risposto subito come Scott e ha detto a Churchill che il primo messaggio era di truffatori che fingevano di essere lei, ma poiché ora sono in contatto diretto, lei può aiutarlo.

READ  I quattro lavori che sono diventati ad alto rischio presso Daniel Ortega in Nicaragua

Gli hanno inviato un collegamento al sito Web di Investors Bank and Trust. Sembrava una pagina progettata da un professionista: aveva delle belle foto, un indirizzo e-mail, un codice postale nel New Jersey e un indirizzo a Los Angeles. Churchill ha creato un profilo online, ha scelto il nome utente e la password e ha accettato i termini e le condizioni di servizio. E non passò molto tempo prima che il denaro ($ 250.000) apparisse in quello che si ritiene essere la banca e il conto fiduciario degli investitori.

L’obiettivo del sito di una banca falsa è convincere le vittime che i soldi sono davvero loro. I professionisti del monitoraggio delle frodi lo chiamano “splendore”. C’erano una serie di pagamenti che Churchill doveva effettuare per liberare $ 250.000 dal suo account: quote di iscrizione, commissioni di gestione dell’account, numeri di identificazione fiscale e commissioni di trasferimento.

Quando il gruppo di truffatori ottiene tutto ciò che può dalla vittima, quasi sempre vendono le informazioni di quella persona. Poco dopo, Churchill iniziò a ricevere una serie di lettere: una dal Fondo monetario internazionale, l’altra da una donna della Repubblica del Congo che aveva bisogno di aiuto per vendere oro.

Questa non è una singola truffa effettuata da un lupo solitario“Ha detto Carey-Ann Liebling di SCAM Survivors, un gruppo di volontari che stanno monitorando cospirazioni online”.Dopo il primo contatto, la vittima viene indirizzata a un’altra truffa, poi a un’altra e così via“.

© The New York Times 2021

Continuare a leggere: