Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Animali “mutanti” a Chernobyl: ragni “confusi” e rane scure

Il 26 aprile di 35 anni fa è successo L’incidente nucleare più devastante della storia. Il L’esplosione della centrale elettrica Vladimir Ilyich Lenin, situata nel nord dell’Ucraina, nella città di Chernobyl., 31 persone, la loro morte è stata causata direttamente dall’esplosione, sebbene le radiazioni causassero più di 100 feriti e, a lungo termine, più di cento morti.

Con un picco di radiazione di 400 volte quello della bomba nucleare di Hiroshima – In Giappone nel 1945 – E 50 volte superiore a Fukushima – che è successo nel 2011 nel centro della città giapponese – intorno 116.000 persone hanno dovuto essere evacuate. Questo numero includeva un’intera città, 48.000 abitanti di Pripyat che ora sono spettrali, poiché i suoi cittadini dormivano durante quella notte di aprile senza sapere che una pianta a soli tre chilometri di distanza avrebbe iniziato a irradiare forse la cosa più pericolosa per l’uomo: Materiali nucleari.

Una panoramica della centrale di Chernobyl nel 1986STRINGER / RUSSIA – X01235

Evacuazione in Una superficie di 2590 km, Conosciuta come zona di esclusione, Quindi un sacrificio implicito degli animali del luogo sequenziato HBO Organizzato con foto agghiaccianti di massacri di animali domestici e altre specie più brutali.

La verità è che alcune persone Hanno lasciato Chernobyl, sperando di tornare un giornoMolti hanno scelto di lasciare i loro cani e gatti al loro posto. Quello che non sapevano era che i soldati sovietici sarebbero stati responsabili dell’uccisione di tutti gli animali domestici che si trovavano nell’area, perché li consideravano un rischio di trasmissione radioattiva.

Una delle tante scene difficili della serie Chernobyl
Una delle tante scene difficili della serie ChernobylYasir

Tuttavia, Sono rimasti tra i 600 e gli 800 cani e gatti randagi Che vagano per il posto. È così che le organizzazioni li hanno creati Fondo Clean Futures (CFF)Chi ha visitato Chernobyl Castrare e vaccinare i cani e Spca International, Che è dedicato a salvare gli animali del mondo.

READ  Queste razze canine sono le più intelligenti e autosufficienti al mondo

A tutt’oggi, il dibattito si ripete tra gli studiosi che analizzano la regione e non è stata ancora trovata un’unica risposta. L’ignoto è la misura in cui gli animali selvatici che vivono nella zona di esclusione beneficiano della carenza umana e la misura in cui soffrono di inquinamento Che sta ancora invadendo il posto.

Ciò che la scienza continua a indagare e ciò che genera atteggiamenti contrastanti tra gli specialisti è se gli animali e le piante che vivono vicino al punto di esplosione hanno subito mutazioni nel loro aspetto fisico e comportamento … o se nient’altro è cambiato.

I cavalli di Przewalski corrono nella regione di Chernobyl il 26 agosto 2017. - Sono i cavalli di Przewalski, una specie in via di estinzione che vive in Asia che sorprendentemente prospera nell'area contaminata dalle radiazioni, essendo scomparsa una volta in natura.  (Foto di Alexandre Sirotta / AFP)
I cavalli di Przewalski corrono nella regione di Chernobyl il 26 agosto 2017. – Sono i cavalli di Przewalski, una specie in via di estinzione che vive in Asia che sorprendentemente prospera nell’area contaminata dalle radiazioni, essendo scomparsa una volta in natura. (Foto di Alexandre Sirotta / AFP)Alexander Sirota – Agence France-Presse

Dove pensava che non ci sarebbe stata traccia di vita Oggi ci sono orsi, bisonti, lupi, linci, cavalli di Przewalski e circa 200 specie di uccelli, tra gli altri animali., Come determinato dal biologo e ricercatore della zona, Tedesco Orezola, In un articolo in cui viene visualizzato Animali Chernobyl 33 anni dopo l’incidente nucleare “.

Bisonte europeo, lince settentrionale, alce e orso bruno nella zona di esclusione di Chernobyl
Bisonte europeo, lince settentrionale, alce e orso bruno nella zona di esclusione di ChernobylTri Project / Sergey Gasak

Sebbene evidenzi “la generale assenza degli effetti negativi delle radiazioni su animali e piante”, osserva:Abbiamo anche trovato alcune prove per le risposte adattative alle radiazioni, come i cambiamenti nella colorazione delle rane. Le rane nella zona di esclusione sono più scure, il che potrebbe proteggerle dalle radiazioni “.

A est di San Anton, una rana adulta a Chernobyl, maggio 2018
A est di San Anton, una rana adulta a Chernobyl, maggio 2018Tedesco Orezola

Allo stesso modo, per quanto riguarda gli insetti, alcuni sembrano vivere meno o sono più suscettibili ai parassiti, soprattutto nelle zone ad alta radiazione. Gli uccelli sembrano anche avere alcuni effetti negativi, come danni al loro sistema immunitario, aumento dell’albinismo e cambiamenti genetici, sebbene questi ultimi non impediscano alla popolazione di continuare a riprodursi.

READ  Quali sono le dosi approvate e che dire degli argentini

Con tutto ciò, i ricercatori si chiedono se il potenziale danno all’attività nucleare negli animali sia sovrastimato, dato questo Notano che la presenza di esseri umani – con caccia, pesca e inquinamento, tra gli altri – potrebbe essere più dannosa a medio termine per gli animali, specialmente per i mammiferi, di un incidente nucleare.

Gli specialisti della biosfera e della riserva di radiazioni della zona hanno osservato gli animali per tre anni e hanno notato che il loro comportamento non era più uno stile di allevamento di esemplari, ma piuttosto selvatico.
Gli specialisti della biosfera e della riserva di radiazioni della zona hanno osservato gli animali per tre anni e hanno notato che il loro comportamento non era più uno stile di allevamento di esemplari, ma piuttosto selvatico.Facebook Riserva di radiazioni di Chernobyl e biosfera ecologica

D’altra parte, gli specialisti in Biosfera di Chernobyl e riserva di radiazioni È stato osservato, come rivelato nel 2021 dopo aver analizzato per tre anni, che le vacche lo sono Chernobyl Si sono organizzati in stormi e hanno mostrato comportamenti completamente diversi dall’allevamento di animali da compagnia o da animali.

Simile alle mutazioni, rapporto da National Geographic Narrato dall’attore Will Smith, in un impressionante primo piano, appare come un ragno, mentre la voce è dentro spegnendo Del documentario, dice: “Molte ragnatele che sono state tessute accanto ad alcune delle case nei villaggi erano molto insolite”. L’immagine che vedi è un’immagine di file Ragnatela disordinata e ruvida con grandi buchi e nessun motivo apparente, A differenza di quelli che di solito raccolgono i ragni, sono perfettamente simmetrici e organizzati.

I ragni avevano problemi a tessere una rete naturaleAllo stesso tempo, il video si conclude, osservando che il comportamento dell’insetto è mutato. National Geographic Afferma che non solo il modo in cui gli animali si muovono e si mostrano potrebbe essere cambiato, ma anche il loro aspetto fisico potrebbe essere cambiato.

Ragnatela irregolare a Chernobyl
Ragnatela irregolare a ChernobylCattura Nat Geo

Un esempio di questa mutazione è MalvaSimile alla vaquita colloquiale de San Antonio. “Due grandi occhi, un naso e un mento e, a causa della simmetria, rende molto facile individuare le deviazioni”, afferma il ricercatore, commentando. Si osservano cambiamenti di colore e diminuzione in alcune parti del corpo, come alcuni occhi.

Cimici dei letti che cambiano colore o non hanno occhi a Chernobyl
Cimici dei letti che cambiano colore o non hanno occhi a ChernobylCattura Nat Geo

Nel frattempo, una delle caratteristiche comuni che gli studi hanno rivelato è questa, si scopre Gli animali più piccoli, come uccelli e roditori, sono stati probabilmente i più colpiti, Poiché ha mostrato conseguenze negative per la loro salute, l’effetto delle radiazioni, Come i tumori e la cataratta.

READ  Delta variabile: avvertono in Gran Bretagna che ...

A poco a poco, molti animali sono mutati e si sono adattati alla natura inquinata che li circonda non significa che non fossero presenti nei loro corpi. Alti livelli di cesio 137 – Il componente radioattivo che ha innescato un’esplosione ChernobylO che molti sono morti per gli effetti devastanti che i materiali hanno avuto su di loro.

Tuttavia, 35 anni dopo l’incidente nucleare più pericoloso della storia, ci sono ancora animali che sembrano vivere in completa pace e tranquillità, soprattutto a causa dell’assenza di esseri umani, gli esseri umani devono chiedersi nuovamente dei danni che stiamo facendo alla Terra. E per chi lo abita.