Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele ha avvertito che le sue forze sono “pronte e preparate per una campagna” contro Hezbollah in Libano

Israele ha avvertito che le sue forze sono “pronte e preparate per una campagna” contro Hezbollah in Libano

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant tiene colloqui con le forze di stanza vicino alla Striscia di Gaza (Foto: Europa Press)

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha confermato martedì che le forze erano “pronte e preparate ad attaccare”. Campagna nel nord Dopo mesi di scontri a fuoco con il gruppo terroristico Hizb allah Al confine libanese dopo l'inizio dell'attacco militare alla Striscia di Gaza.

Ha aggiunto: “Verrà un momento in cui la nostra pazienza finirà e saremo costretti a muoverci con la forza per imporre la pace al confine settentrionale”. Lo ha detto Galant sulla sua pagina personale sul social network X, durante una valutazione del fronte nella città di Haifa, nel nord di Israele.

Ha aggiunto il ministro, avvertendo che ciò verrà fatto “al fine di cambiare la situazione della sicurezza e l’incolumità dei cittadini israeliani”. La campagna militare “sarà complicata per Israele ma devastante per Hezbollah e il Libano”.

Lunedì Gallant ha informato i soldati di stanza vicino al confine di Gaza che altri dispiegati nei territori palestinesi sarebbero stati trasferiti nel nord del paese. Ha detto che queste unità attualmente a Gaza “inizieranno a lavorare molto presto”.

“Stiamo lavorando per aumentare le forze nel nord, e smobiliteremo anche gradualmente i riservisti a seconda delle unità, in modo che possano prepararsi per la prossima tattica”, ha aggiunto.

Gallant ha inoltre affermato che i combattenti di Hamas mancano di rifornimenti e munizioni, ma che la guerra continuerà per diversi mesi.

READ  Alberto Fernandez ha invitato il nuovo presidente cileno Gabriel Borek a visitare l'Argentina il mese prossimo

Lo ha recentemente sottolineato il capo di stato maggiore Herzi Halévy La possibilità che scoppi una guerra nel nord del Paese “nei prossimi mesi” è “molto più alta” rispetto a prima.

Una colonna di fumo dopo l'attacco israeliano alla città di Deira, nel sud del Libano, nel mezzo di uno scontro a fuoco con Hezbollah (Foto: Europe Press)

Martedì, secondo un comunicato militare, aerei da guerra israeliani hanno lanciato attacchi contro “il centro di comando e punto di osservazione di Hezbollah” nella città di Khiam (Libano meridionale).

Poco prima, un proiettile sparato dal Libano aveva colpito i dintorni di Arab Al-Aramshe, una comunità situata a poche centinaia di metri dal confine, dove “non si registravano vittime”, secondo l’esercito israeliano.

Il pericolo di uno scontro aperto tra Israele e Hezbollah – un alleato dell’Iran e di Hamas – Il numero è sempre più in aumento dopo 115 giorni di scontri a fuoco alla frontiera, che sta registrando il picco di tensione più alto dalla guerra del 2006 e dove sono già state uccise più di 230 persone, la maggior parte nelle file di Hezbollah, come ha confermato 176 vittime, alcune delle quali in Libano. Siria.

Da parte israeliana, al confine settentrionale sono state uccise 18 persone, tra cui 12 soldati e 6 civili, mentre in Libano sono stati uccisi circa 20 miliziani palestinesi, un soldato e 23 civili (tra cui tre bambini e tre giornalisti).

(Con informazioni da AFP ed EFE)