Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Uruguay ha aggiornato i protocolli di test e isolamento per i casi di COVID-19

L’Uruguay ha aggiornato i protocolli di test e isolamento per i casi di COVID-19

Martedì l’Uruguay ha aggiornato i suoi protocolli di test e isolamento Nei casi di COVID-19 con meno requisiti per i test PCR pre-contatto e meno giorni di isolamento Nel caso della malattia senza sintomi.

Lo ha annunciato il ministro della Salute pubblica del Paese, Daniel Salinas, sul suo account Twitter dove ha partecipato al decreto della borsa.

Nello specifico, il nuovo requisito riguarderà coloro che presentano sintomi e fanno parte di gruppi ad alto rischio, comunità chiuse, operatori dei servizi essenziali o lavoratori che necessitano di certificato medico, Dovrebbero fare un test dell’antigene e, se negativo, fare un test PCR 48 ore dopo.

Nel frattempo, le persone che mostrano sintomi non fanno parte di questi gruppi Dovrebbero essere sottoposti solo a test antigenici.

La modifica dei protocolli si verifica in mezzo al drammatico aumento dei casi dovuto alla variabile Omicron
La modifica dei protocolli si verifica in mezzo al drammatico aumento dei casi dovuto alla variabile Omicron

Per quanto riguarda il contatto con un caso confermato appartenente a una comunità chiusa o in una situazione di focolaio, come quelli che sono stati in contatto con un commensale non vaccinato – o che hanno assunto due dosi e più di 180 giorni dall’ultimo caso – dovrebbero eseguire il test dell’antigene e la PCR il quinto giorno.

Se il contatto con un caso confermato è asintomatico, Non deve essere eseguito alcun tipo di test.

Le modifiche sono contenute nel decreto In mezzo a un aumento esponenziale dei casi in Uruguay dovuto all’arrivo della variabile micron Ciò ha anche portato problemi a rispettare il primo livello di assistenza sanitaria.

Nonostante il presidente, Louis Lacalle Poe, abbia affermato nell’ultima conferenza stampa dell’11 gennaio che le persone asintomatiche non smetteranno di testare, il fatto è che Il numero di casi giornalieri ha aumentato l’onere per i fornitori di servizi sanitari.

I criteri di trattamento sono stati adeguati anche per coloro che non erano stati vaccinati
I criteri di trattamento sono stati adeguati anche per coloro che non erano stati vaccinati

Dall’altro lato, Anche i protocolli di isolamento per i casi positivi sono stati modificati. Le persone che hanno assunto tre dosi, sintomatiche o asintomatiche, devono essere isolate per sette giorni.

READ  Ha vinto una fortuna alla lotteria, è andata a prenderla ma ha scoperto qualcosa che l'ha rovinata

Nel frattempo, anche coloro che hanno assunto due dosi – meno di 180 giorni dopo l’ultima dose – non mostravano sintomi. Saranno isolati per una settimana mentre coloro che hanno qualche tipo di sintomi saranno isolati per 10 giorni.

Infine, coloro che non sono stati vaccinati o hanno ricevuto due dosi – più di 180 giorni dopo l’ultima dose – dovrebbero impiegare 10 giorni se non avessero sintomi o 14 se li avessero.

Uruguay Dal 13 marzo 2020 sono stati accumulati un totale di 520.822 casi Quando è stata dichiarata l’emergenza sanitaria quando sono stati rilevati i primi quattro casi di coronavirus SARS-CoV-2.

Di questo totale, 83.392 persone soffrono della malattia, 75 di loro sono in terapia intensiva (CTI) 6.248 morti.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: