Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Ucraina sospende il trasporto di un terzo del gas russo in Europa Kiev ha affermato che ciò era dovuto a ragioni impellenti dovute alla guerra

L’Ucraina ha trasportato un terzo in meno di gas russo rispetto a quello acquistato dai paesi europei. La società che gestisce la rete di gasdotti nell’ex Unione Sovietica ha dichiarato che la decisione è arrivata dopo per motivi convincenti Invasione dell’esercito russo. Da parte sua, Mosca si è difesa e ha affermato che sta adempiendo agli obblighi concordati con i suoi partner commerciali.

Questa è la prima volta che le forniture di gas dalla Russia all’Europa sono state colpite dalla guerra in Ucraina dallo scoppio del conflitto a febbraio. Secondo la compagnia statale ucraina, il motivo di forza maggiore rende impossibile continuare il trasporto di gas attraverso quel punto al confine con la Russia, così come la stazione a pressione di Novobskov, Entrambi si trovano nella provincia di Lugansk, nell’Ucraina orientale, e sono attualmente occupati dalla Russia. In questo senso, il gestore della rete del gas ha sottolineato che Mosca non ha alcun controllo operativo o tecnico sugli impianti nei territori occupati.

“Le azioni degli occupanti hanno portato all’interruzione del trasporto del gas attraverso il punto di connessione di Sojranivka”, La società ha annunciato in un comunicato di essere intervenuta nelle operazioni tecniche. Ha anche denunciato le “estrazioni di gas non autorizzate” che mettono in pericolo il sistema di trasporto del gas del Paese. Attraverso quel terminal transitano 32,6 milioni di metri cubi di gas al giorno: un terzo del totale che Kiev trasporta in Europa, secondo GTSOU. D’altra parte, la compagnia statale ucraina ha osservato che Gazprom “ha chiuso il rubinetto” e ha anche confermato che la Russia aveva reindirizzato il gas destinato all’Ucraina verso le repubbliche separatiste dell’est.

Da parte sua, il Cremlino ha sottolineato oggi che la Russia è un fornitore affidabile e che adempie ai suoi obblighi contrattuali, “La Russia ha sempre adempiuto ai propri obblighi contrattuali e intende adempierli in modo affidabile”Lo ha detto il portavoce del governo russo Dmitry Peskov in una conferenza stampa.

Nel frattempo, il consorzio energetico russo, Gazprom, ha confermato di aver ricevuto una notifica dall’Ucraina secondo cui il paese ha dichiarato che avrebbe interrotto il trasporto di gas in Europa tramite l’interconnessione Sukhranivka a partire dall’11 maggio. Ma ha affermato che non è tecnologicamente fattibile deviare il trasporto di gas verso l’Ucraina verso un nuovo punto di ingresso, come suggerisce GTSOU. La compagnia ucraina aveva promesso di reindirizzare temporaneamente tutte le forniture attraverso un altro punto di transito nel nord, Sudja, al fine di “adempiere pienamente agli obblighi di trasporto con i partner europei”.

La Germania ha già segnalato la prima riduzione del flusso di gas russo. L’agenzia statale tedesca per l’energia ha annunciato che il volume di gas russo fornito alla Germania attraverso uno dei principali gasdotti attraverso l’Ucraina è diminuito del 25% da martedì. “A causa del transito ridotto, le quantità di gas verso la Germania attraverso l’Ucraina [a través del gasoducto Megal] “È in calo del 25% rispetto a martedì”, si legge sul suo sito web.

“Gazprom” ha aggiunto che non vede alcuna prova di forza maggiore o ostacoli a continuare come prima e che adempie a tutti i suoi obblighi nei confronti degli acquirenti di gas in Europa.

continua a leggere:

READ  Vaccini Covid-19: quale immunità forniscono ciascuno?