Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea ha denunciato che la Russia ha già ammassato 150.000 soldati al confine con l’Ucraina e in Crimea

La Russia ha ammassato 150.000 soldati al confine con l’Ucraina e la penisola di Crimea. (Vasily MAXIMOV / AFP)

Lo stazionamento delle forze, per ordine della Russia, al confine con l’Ucraina e in Crimea – la regione ucraina annessa da Mosca nel 2014 – è la “più grande concentrazione” di quella regione, pari a circa 150mila soldati.Lo ha denunciato lunedì Josep Borrell, alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera.

Secondo il capo della diplomazia europea, il dispiegamento militare significa questo “Il rischio di un’ulteriore escalation è evidente”. Il dispiegamento continua con più risorse militari e ospedali da campo. È il più grande dispiegamento dell’esercito russo al confine ucraino “. Ha sottolineato che l’Unione europea non riconoscerà l’annessione della Crimea da parte della Russia.

I commenti sono arrivati ​​nell’ambito di una riunione dei ministri degli esteri di 27 paesi dell’Unione europea, che lunedì hanno iniziato una videoconferenza per discutere della drammatica escalation delle tensioni tra Ucraina e Russia.

“Questo rinforzo militare deve cessare e chiediamo alla Russia di avviare una riduzione dell’escalation”.Il capo della diplomazia europea, che vede “con grande preoccupazione” lo sviluppo delle vicende al confine ucraino, ha chiamato perché le esercitazioni coinvolgono un gran numero di forze, e questo significa che “potrebbe scattare una scintilla”.

Il governo dell'Ucraina si riserva il diritto di rispondere "Se la Russia oltrepassa la linea rossa" (Presidenza dell'Ucraina)
Il governo dell’Ucraina si riserva il diritto di rispondere “se la Russia supera la linea rossa” (Presidenza dell’Ucraina)

Quel giorno, i ministri degli esteri europei hanno aggiunto alla videoconferenza il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Koliba.

Anche l’alto funzionario ucraino ha presentato su Twitter un piano per convincere la Russia a fermare l’escalation delle tensioni. Per Coliba, “L’elemento chiave è preparare una nuova serie di sanzioni settoriali. Le sanzioni individuali non sono più sufficienti”.

READ  Un ciclista ha ingoiato una puntura d'ape nella sua gola, provocandone la morte

L’Unione europea ha espresso al funzionario di Kiev il suo sostegno alla sovranità e integrità territoriale dell’Ucraina e ha insistito sul fatto che avrebbe aumentato gli “sforzi diplomatici” per ridurre la tensione. Ma come ha riconosciuto il capo della diplomazia europea, al momento non ci sono proposte per imporre sanzioni alla Russia. Non ci stiamo dirigendo verso nuove sanzioni in questo momento. Non è specificato “in vista, ha sottolineato.

“Le cose possono cambiare, ma la situazione è quella che ha chiarito”, ha detto il politico spagnolo al termine dell’incontro.

Josep Borrell, Alto rappresentante per la politica estera dell'Unione europea (François Walcharts / Paul via Reuters)
Josep Borrell, Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea (François Walcharts / Paul via Reuters)

Nello stesso contesto, il capo della diplomazia spagnola ha espresso, Arancha Gonzalez LaiaQuando diciamo che le sanzioni “non sono fine a se stesse”, sebbene “se ci sono misure da parte della Russia che ci sembrano aver bisogno di una risposta, allora questo è ciò che offriamo loro”.

Come Gonzales Laia, il proprietario tedesco, Heiko Mas, Egli ha detto La Russia deve “passare dalla provocazione alla cooperazione”: “L’integrità territoriale dell’Ucraina non è in discussione, questo è diventato evidente nella discussione con Koliba.

Da parte sua, lunedì l’Ucraina ha annunciato l’espulsione di un diplomatico russo dopo aver dichiarato “persona non grata” in risposta a tale misura nei confronti del console ucraino. “Oggi, il ministero degli Esteri ha inviato una nota in cui dichiarava” persona non grata “al consigliere dell’ambasciata russa a Kiev, ha detto all’agenzia di stampa russa. Francia Agenzia di stampa Relatore straniero, Oleg Nikolenko.

Le potenze occidentali hanno espresso preoccupazione per le tensioni tra Russia e Ucraina (LUDOVIC MARIN / POOL / AFP)
Le potenze occidentali hanno espresso preoccupazione per le tensioni tra Russia e Ucraina (LUDOVIC MARIN / POOL / AFP)

“Hai 72 ore per lasciare il nostro paese”, ha aggiunto.

READ  La difficile situazione dei sopravvissuti cinesi "dimenticati" del Titanic

Sabato la Russia ha annunciato l’espulsione di un console ucraino a San Pietroburgo, che i servizi di sicurezza hanno detenuto per un breve periodo, e lo ha accusato di aver tentato di ottenere informazioni riservate.

Kiev ha protestato contro questa “detenzione illegale”E “nega completamente” la validità delle accuse contro il console Oleksandr Susunyuk.

Con informazioni da Agence France-Presse e Europa Press

Continuare a leggere: