Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Francia imporrà una multa di 1.500 euro ai viaggiatori provenienti da Argentina, Brasile e Cile che non rispettano la quarantena

La polizia ispeziona il Canal Saint Martin a Parigi (Reuters)

I viaggiatori provenienti da Brasile, Argentina, Cile e Sud Africa che violano la quarantena obbligatoria di 10 giorni all’arrivo in Francia dovranno pagare una tariffa. Una multa di 1.500 euro ($ 1.800), ha annunciato lunedì il portavoce del governo Gabriel Atal.

La polizia attuerà controlli per verificare che si trovino nel luogo in cui dovrebbero essere isolatiUn facchino ha detto alla radio Europe 1. Ha aggiunto che se la violazione verrà ripetuta, la multa sarà aumentata a 3.000 euro.

“Mi sembra che sia un deterrente”, ha sottolineato il portavoce, dopo aver spiegato che le persone che sbarcano da quei quattro paesi saranno soggette all’ordine del governatore di isolarsi per un periodo di dieci giorni nella direzione che scelgono.

Cosa c’è di più, Per viaggiare in Francia, deve essere presentato un test PCR negativo, che viene eseguito 36 ore prima e non 72 ore come prima.. Il test PCR può essere stato eseguito fino a 72 ore prima del volo, ma in questo caso deve essere completato con un test dell’antigene inferiore a 24 ore.

Monitoraggio dei passeggeri all'aeroporto di Nizza (Reuters)
Monitoraggio dei passeggeri all’aeroporto di Nizza (Reuters)

La Francia ha annunciato sabato che imporrà una quarantena obbligatoria di 10 giorni per i viaggiatori provenienti da Brasile, Argentina, Cile e Sud Africa, a causa della crescente preoccupazione per le varianti COVID-19.

I voli con il Brasile sono stati sospesi, ma sono mantenuti con gli altri tre Paesi, in quanto la presenza delle varianti, secondo Parigi, “non raggiunge i livelli osservati in Brasile”. La quarantena obbligatoria verrà applicata a questi viaggiatori gradualmente fino a quando non entrerà in vigore il 24 aprile. Colpirà anche i viaggiatori della Guyana francese, situata in Sud America.

READ  Idriss Déby, il dittatore africano che ha appena vinto il suo sesto mandato in Ciad, muore nei combattimenti

Il portavoce del governo francese ha ammesso che “il coordinamento europeo non è stato perfetto” sulla questione dei controlli imposti ai viaggiatori esterni all’Unione Europea, e ha rinnovato la disponibilità del suo Paese a correggere questa situazione.

Fin dall’inizio, i 27 ministri affronteranno la questione martedì. Il punto chiave è sviluppare una classificazione comune per i paesi considerati a rischio.

A chi ha criticato il ramo esecutivo di Macron dall’opposizione per la mancanza di tale coordinamento, ha risposto che a gennaio Parigi ha deciso di limitare l’ingresso dei viaggiatori dall’esterno dell’Europa a quelli con un “motivo imperativo”.

(Reuters)
(Reuters)

Inoltre, ha indicato che il traffico passeggeri dai paesi al di fuori dell’Unione Europea rappresenta solo il 10% di quello che era prima dello scoppio della crisi del Coronavirus.

La Francia ha sospeso i voli dal Brasile il 14 a causa della minaccia di importare casi variabili di COVID-19 che sono ampiamente diffusi e considerati particolarmente pericolosi. Questa sospensione dovrebbe continuare fino al 24 ° giorno e, a partire da quel giorno, solo i cittadini francesi e i parenti diretti o residenti in Francia potranno entrare in Francia da questo paese.

(Con informazioni da AFP ed EFE)

Continuare a leggere: