Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’OMS ha esortato la Cina a rilasciare i dati sui primi casi di COVID-19: “È essenziale sapere come è iniziata l’epidemia”

L’OMS invita tutti i governi a non politicizzare la situazione e a cooperare per accelerare gli studi sull’origine del China Daily tramite Reuters

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha rilasciato oggi una dichiarazione Esorta la Cina – e tutti i paesi – a sostenere la condivisione dei dati preliminari sui primi casi di coronavirus Per poter affrontare in futuro, imparando da questa pandemia, le crisi sanitarie di origine animale.

“In particolare, per affrontare”ipotesi di laboratorio“È importante avere accesso a tutti i dati, considerare le migliori pratiche scientifiche e monitorare i meccanismi che l’OMS ha già in atto”.L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha detto, aggiungendo che La Cina ha indicato che l’organizzazione stava agendo sotto pressione politica per studiare le origini del virus.

Dall’inizio della pandemia di COVID-19, l’OMS ha lavorato con gli Stati membri e la comunità scientifica per Capire meglio come è iniziata questa epidemia In modo che possiamo prepararci meglio per il prossimo passo.

dopo aver postato relazione congiunta OMS-Cina dagli studi di Fase I sulle origini del virus SARS-CoV-2 nel marzo 2021, Organizzazione delineata La seguente serie di studi sarà condotta e continueranno le discussioni con gli Stati membri e gli esperti sui prossimi passi.

Vai avanti, chi? Invita tutti i governi a depoliticizzare la situazione e a cooperare per accelerare gli studi di origine Ancora più importante, lavorano insieme per sviluppare un quadro comune per i futuri patogeni emergenti con potenziale pandemico.

L'Organizzazione mondiale della sanità sta lavorando con diversi paesi che hanno segnalato il rilevamento di SARS-CoV-2 in campioni di campioni biologici conservati a partire dal 2019 (Immagine: REUTERS)
L’Organizzazione mondiale della sanità sta lavorando con diversi paesi che hanno segnalato il rilevamento di SARS-CoV-2 in campioni di campioni biologici conservati a partire dal 2019 (Immagine: REUTERS)

Priorità per gli scienziati di basarsi sulla prima fase degli studi, implementare le raccomandazioni nel rapporto di marzo 2021 e accelerare gli sforzi scientifici su tutte le ipotesi.. Trovare le origini di qualsiasi nuovo agente patogeno è un impegnativo processo basato sulla scienza che richiede cooperazione, dedizione e tempo.

READ  La domenica e il lunedì fanno parte del Corona virus

La ricerca dell’origine di SARS-CoV-2 non è e non dovrebbe essere un esercizio per attribuire colpe, accuse o chiarimenti politici.. È estremamente importante sapere come è iniziata la pandemia di COVID-19, per dare l’esempio per identificare le origini di tutti i futuri eventi di eccedenza uomo-animale”, si legge nella dichiarazione.

Aggiunge che le nazioni hanno la responsabilità collettiva di lavorare insieme in un vero spirito di partenariato e di garantire che scienziati ed esperti abbiano lo spazio di cui hanno bisogno per trovare la fonte della peggiore pandemia del secolo. Basandosi su quanto già appreso, la prossima serie di studi includerà un esame più approfondito dei dati primari dei primi casi e della sierologia dei primi casi potenziali nel 2019. L’accesso ai dati è di fondamentale importanza. Per migliorare la nostra comprensione della scienza e non dovrebbe essere politicizzata in alcun modo.

L’OMS sta lavorando con diversi paesi che hanno segnalato il rilevamento di SARS-CoV-2 in campioni di campioni biologici conservati a partire dal 2019. Ad esempio, in Italia, l’OMS ha facilitato una valutazione indipendente da parte di laboratori internazionali dei risultati di uno di questi studi, che includeva un nuovo test alla cieca di campioni di sangue pre-pandemia. La condivisione dei dati grezzi e l’autorizzazione a riesaminare i campioni in laboratori al di fuori dell’Italia riflette al meglio la solidarietà scientifica e non è diverso da ciò che incoraggiamo tutti i paesi, inclusa la Cina, a sostenere in modo da poter sviluppare rapidamente ed efficacemente studi dalle origini .

processare
Per affrontare l'”ipotesi di laboratorio” è importante avere accesso a tutti i dati (Immagine: Reuters)

il Gruppo consultivo scientifico internazionale sull’origine di nuovi agenti patogeniHey sagoe È un nuovo gruppo consultivo per l’Organizzazione mondiale della sanità Sarà responsabile della consulenza all’Organizzazione Mondiale della Sanità sullo sviluppo di un quadro globale per lo studio sistematico della futura emergenza di patogeni emergenti con potenziale pandemico. Per SARS-CoV-2, supporterà il rapido completamento degli studi raccomandati descritti nel rapporto di marzo 2021.

READ  Lunedì, gli Stati Uniti e la Corea del Sud inizieranno le loro più grandi esercitazioni militari degli ultimi cinque anni

Con l’emissione di un invito a presentare candidature per SAGO, l’OMS fornisce una base trasparente per il nuovo gruppo consultivo scientifico su cui Si aspettano che tutti gli Stati membri si conformino. anche organismo vivente Guarda alla continuazione delle precedenti missioni in Cina per SARS-CoV-2, nonché ad altre missioni che studiano le origini, ad esempio, di SARS-CoV, MERS-CoV, influenza aviaria, Lhasa ed Ebola.

Questo invito aperto mira a garantire che venga identificata un’ampia gamma di conoscenze e competenze scientifiche per consigliare l’OMS sugli studi necessari Determinare le origini di eventuali futuri agenti patogeni emergenti o riemergenti con potenziale per una pandemia.

“Analizzare e migliorare la sicurezza e i protocolli di laboratorio in tutti i laboratori di tutto il mondo, inclusa la Cina, è fondamentale per la nostra biosicurezza e sicurezza collettiva” (Immagine: Reuters)

La Cina e diversi altri Stati membri hanno scritto all’Organizzazione mondiale della sanità sulla base di ulteriori studi sull'”ipotesi di laboratorio” della SARS-CoV-2. Hanno anche notato che lo studio delle origini era diventato politicizzato o che l’Organizzazione mondiale della sanità aveva agito sotto pressione politica.

Rivedendo il rapporto della prima fase dello studio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che Decise che non c’erano prove scientifiche sufficienti per escludere nessuna delle ipotesi. Nello specifico, per affrontare l'”ipotesi di laboratorio”, è importante accedere a tutti i dati, considerare le migliori pratiche scientifiche e osservare i meccanismi che l’OMS ha già in atto..

“Analizzare e migliorare la sicurezza dei laboratori e dei protocolli in tutto il mondo, inclusa la Cina, è importante per la nostra biosicurezza e sicurezza collettiva”, più chiaro.

Trovare l’origine di un nuovo virus è un compito scientifico molto difficile e che richiede tempo. Pertanto, la dichiarazione dell’OMS termina dicendo che si impegna a seguire la scienza e Invitano tutti i governi a mettere da parte le differenze e a lavorare insieme per fornire tutti i dati e l’accesso necessari in modo che il prossimo ciclo di studi possa iniziare il prima possibile.

READ  Teflon e le "sostanze chimiche eterne": tossine nascoste nel tuo corpo | Scienza ed ecologia | DW

Continuare a leggere:

Cina sotto pressione: l’OMS rilancia la teoria della fuoriuscita del virus dal laboratorio di Wuhan
La Cina ha rifiutato di collaborare con l’Organizzazione mondiale della sanità per una nuova indagine sull’origine del coronavirus