Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Medicina fetale: la salute di un bambino inizia nove mesi prima della nascita

Medicina fetale “È una specialità essenziale che consente la prevenzione, l’azione precoce per migliorare la prognosi e la diagnosi precoce per migliorare la consulenza”, ha detto a prima edizione Genetista medica e presidente del comitato scientifico della II Conferenza Regionale di Medicina Fetale, Maria Eugenia Hess.

Il feto è malato

“Si ritiene che la salute di un bambino inizi alla nascita, ma la verità è che inizia prima dei nove mesi”.Hess ha notato.

In questo senso, ha osservato che mentre “prima si faceva solo un’ecografia per conoscere la taglia e il sesso del bambino, oggi il feto viene preso come paziente”. In questo momento, “L’ecografia ha smesso di essere uno studio, per diventare un esame fisico del feto”.

progresso

Negli ultimi anni, la medicina fetale ha fatto molta strada. Dalla tecnologia di come vengono osservate le immagini, agli studi genetici che vengono fatti come il DNA fetale nel sangue della madre che vengono fatti dalla decima settimana di gravidanza per scoprire se il bambino nascerà con qualche malattia o no”, Ha spiegato Hess.

Per quanto riguarda le principali malattie, il genetista ha affermato che “Tra le anomalie congenite più comuni ci sono le malformazioni del sistema nervoso centrale, seguite dalle malattie cardiache”..

servizio multidisciplinare

Medicina fetale Si tratta di un servizio multidisciplinare perché richiede il lavoro congiunto di molti specialisti e ognuno contribuisce dal proprio territorio. Lavoriamo con neurochirurghi, neonatologi, ostetrici, specialisti di imaging, genetisti e psicologi, tra gli altri”..

Quest’ultimo “svolge una funzione essenziale perché non dobbiamo dimenticare che diamo una diagnosi a un bambino desiderato e con tutte le illusioni che la sua salute stia bene. Ha sottolineato che la diagnosi di questo tipo è triste perché coinvolge il benessere del bambino .

READ  Benessere: qual è la causa dell'invidia e come gestirla?

2° Convegno Regionale

La seconda conferenza regionale di medicina fetale si terrà venerdì e sabato prossimi.

Hess ha affermato che i primi incontri si sono tenuti nel 2019 e lì “abbiamo pubblicamente promesso che i prossimi incontri sarebbero stati nel 2021”.

Quest’anno, a causa del contesto speciale dell’epidemia, sarà condotto per impostazione predefinita, quindi potranno partecipare specialisti di tutto il paese. A tal proposito, il genetista ha spiegato che più di 350 specialisti si sono registrati per partecipare alla conferenza.

Revisori nazionali del feto come il dott. Miguel Angel Aguirre, il dott. Adolfo Echigaray e il dott. Lucas Otineau sono alcuni degli ospiti che parleranno dell’aggiornamento sugli studi di medicina fetale. Saranno inoltre esposte cartelle cliniche e articoli scientifici.

Va notato che la conferenza si terrà in questa occasione in onore del dottor Jose Guchion, morto quest’anno a causa del COVID-19. L’evento scientifico è organizzato dall’Ospedale Maternità e dall’Istituto Gemma.

La perdita di peso influisce sull’età adulta

Uno studio, pubblicato sulla rivista JAMA Cardiology, ha concluso che le persone nate con basso peso alla nascita hanno tanti problemi cardiovascolari quanti gli adulti. Secondo i risultati di questa ricerca, le persone nate con basso peso alla nascita hanno differenze nella struttura e nella funzione del cuore e hanno una minore capacità di essere fisicamente attivi in ​​età adulta. Per condurre lo studio, hanno scelto 158 adulti sui 40 anni, di cui 81 nati con un basso peso alla nascita e 77 con un peso normale. Sono stati tutti sottoposti a stress test e risonanza magnetica cardiaca e si è scoperto che le persone nate con un basso peso alla nascita hanno mantenuto cambiamenti nella struttura del cuore fino all’età adulta. Nel cuore di queste persone, il ventricolo destro ha una forma “diversa” e ha una base più ampia.

READ  Ecco come si fermano i ciclisti italiani di estrema destra