Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia tasserà il 26% sui ricavi delle criptovalute a partire dal 2023 da BeInCrypto

© Reuters L’Italia tasserà le entrate crittografiche al 26% dal 2023

BeInCrypto – L’Italia imporrà una tassa sulle plusvalenze del 26% sulle criptovalute dal 2023. La nuova legge richiede ai possessori di criptovalute di rivelare il loro saldo attuale e pagare il 14%.

Secondo Bloomberg, l’Italia inizierà a tassare le plusvalenze delle criptovalute al 26% a partire dal 2023. I legislatori del paese stanno proponendo la tassa nelle loro proposte di bilancio 2023. L’imposta si applica solo ai profitti superiori a € 2.000.

I contribuenti avranno anche la possibilità di dichiarare il valore dei propri beni dal 1° gennaio 2023. Pagheranno il 14% di tasse su queste dichiarazioni. Questo Questo è simile alle nuove leggi fiscali imposte in India all’inizio di quest’anno. Il governo indiano ha consentito ai cittadini di dichiarare i propri beni prima che entrasse in vigore il prelievo fiscale più elevato.

Fino ad ora, le criptovalute sono state soggette a leggi fiscali sulla valuta notevolmente inferiori. L’aumento delle tasse sconvolgerà sicuramente gli investitori della nazione. Circa 1,3 milioni di persone in Italia, pari al 2,3% della popolazione, Possiedono criptovalute.

Quel numero non è così alto come in altri paesi europei, ma il governo vuole chiaramente attuare rapidamente le leggi. Il Portogallo è un paese molto popolare per le criptovalute Recentemente ha imposto un tasso del 28% sulle criptovalute.

Esistono diversi exchange di criptovalute registrati in Italia

Il crescente controllo del mercato delle criptovalute in Italia è stato accompagnato dal desiderio che le società di criptovalute acquisissero licenze.

Sia Gemini che Nexo hanno registrato e ottenuto licenze come operatori di valuta virtuale nel paese. Anche Binance, Coinbase (NASDAQ: ) e Crypto.com sono stati approvati per operare in Italia all’inizio dell’anno.

READ  Inaspettata notizia bomba!: Tevis Vazquez lascia Guarani per firmare per il Milan in Italia - Guarani

Gli scambi di registri e altri fornitori di criptovalute devono rispettare le leggi antiterrorismo e antiriciclaggio. Questi atti e documenti Arrivano mentre l’Unione Europea (UE) si prepara a stabilire le sue leggi MiCA.

Le società cripto sono sottoposte a un processo di registrazione leggero in Italia

Sebbene in Italia siano stati approvati diversi scambi, ci sono dubbi sul processo di convalida di queste piattaforme, che è diventato più importante dopo il crollo di FTX, che ha suscitato un maggiore desiderio di stabilire controlli.

Per registrarsi come fornitore di servizi di asset virtuali, le società di criptovaluta devono solo inviare dieci informazioni. Ci sono alcuni altri passaggi nel processo, ma in generale il processo di registrazione è relativamente semplice.

Pertanto, molti scambi di criptovalute, compresi quelli piccoli, sono stati approvati per operare nel paese. però, Le misure normative potrebbero presto aumentare con l’entrata in vigore del disegno di legge MiCA nel 2024.

Il post Italia per imporre una tassa del 26% sui guadagni di criptovalute dal 2023 è apparso per primo su BeInCrypto.

Continua a leggere su BeInCrypto