Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia manda armi all’Ucraina, ma non alla Spagna | Diciotto dei 27 paesi dell’UE invieranno armi

Da Roma

Primo Ministro d’Italia, Mario Draghi ha annunciato martedì in parlamento che l’Italia invierà armi all’Ucraina. Questa è una decisione presa finora da molti paesi europei Altri si sono opposti, come nel caso della Spagna. Capo del governo spagnolo, Pedro SanchezInfatti Ha annunciato alla televisione spagnola che non avrebbe inviato armi mortali direttamente in Ucraina Ma sì assistenza umanitaria e difensiva (caschi, giubbotti antiproiettile, ecc.). Tuttavia, secondo il ministero della Difesa spagnolo, la Spagna parteciperà all’attuazione del programma europeo di aiuti all’Ucraina.

Il piano dell’UE stanzia 500 milioni di euro all’Ucraina dal Fondo europeo di sostegno alla pace. Di questi 50 per l’assistenza umanitaria (soccorso, caschi, biancheria intima antiproiettile, ecc.) e 450 milioni per l’equipaggiamento militare. Joseph Borrell, l’alto rappresentante dell’UE per la politica estera, ha spiegato che questo include armi, munizioni e aerei da guerra. Ogni paese deciderà cosa contribuire da queste cose.

Ma Jens Stoltenberg, della NATO (Organizzazione del Nord Atlantico dell’Unione Europea, Stati Uniti e Canada), ha chiarito che “la NATO non invierà truppe o spazio aereo in Ucraina”.

Approvare la spedizione di armi in un paese in guerra non è un compito facile e può avere gravi conseguenze.S, secondo alcuni analisti. Alcune persone si chiedono se significhi davvero entrare in guerra, almeno per quanto gli occhi del nemico possono vedere.

“L’Italia non ha intenzione di guardare dall’altra parte. L’Italia è solidale con il presidente ucraino Zhelensky e con il popolo ucraino. Il decreto è stato emanato con la legge che, tra l’altro, prevede l’abrogazione di alcune leggi che vietano l’invio di militari rifornimenti a un paese in guerra. Il primo ministro martedì ha dovuto difendere la sua posizione in parlamento. “Allora ci è semplicemente venuto a conoscenza. Per cercare la pace, devi amare la pace. “Chiunque abbia più di 60 km di blindati alle porte della capitale ucraina in questo momento non vuole la pace”, ha detto, aggiungendo che “cercherà la pace con la sua volontà e senza interruzioni”.

READ  Grande battaglia in Italia per salvare l'ulivo millenario "Patriot"

L’Italia non è l’unico Paese che invia armi all’Ucraina. Apparentemente Dei 27 paesi dell’Unione Europea (UE), 18 si sono già organizzatiDi loro Germania, Francia, Portogallo, Olanda, Repubblica Ceca, GreciaFatta eccezione per Stati Uniti, Canada e Regno Unito. Almeno tre europei hanno espressamente rifiutato: Austria, Irlanda e Malta.

Le sanzioni imposte alla Russia includono le misure adottate dall’Unione Europea Chiusura dello spazio aereo per gli aerei russi ed esclusione del sistema finanziario Swift (Un sistema che facilita i trasferimenti in tutte le parti del mondo), tra gli altri.

In questo caso, l’Italia sta valutando cosa accadrà se fornirà gas dalla Russia. L’Italia importa il 95% del gas che utilizza e il 40% proviene dalla Russia. Secondo Drake, è improbabile che la fornitura di gas venga interrotta, ma se dovesse accadere potrebbe causare seri problemi al Paese. Ecco perché il governo sta valutando la possibilità di importare più gas dai due paesi che già vendono nella penisola, Algeria e Azerbaigian.

Rifugiati dall’Ucraina

Un altro passo importante compiuto dall’UE è stata la fuga degli ucraini dalla guerra, l’Ucraina non faceva parte dell’UE. Le previsioni delle Nazioni Unite al riguardo sono allarmanti: Circa 18 milioni di ucraini saranno direttamente colpiti dal conflitto, 7 milioni saranno sfollati interni e 4 milioni cercheranno di raggiungere i paesi dell’UE.

I paesi europei sono apertamente pronti ad accogliere i profughi ucraini, per i quali l’Unione Europea si è organizzata. 90 milioni di euro per l’assistenza umanitaria Sono previste misure immediate e simili per finanziare l’accoglienza. “Tutti i Paesi europei, come l’Italia, si sono preparati ad accogliere gli immigrati ucraini. Questo è ciò che vogliamo in Europa”, ha dichiarato il ministro dell’Interno italiano Louisiana Lamorgis inviato all’Associazione, che comprende circa 4 tonnellate di forniture mediche e circa 200 tende e 1.000 letti pieghevoli, ma è in procinto di esportare nuovi medicinali e forniture mediche.

READ  Annunciata l'offerta di Bettis a Rugani dall'Italia

Gli immigrati possono rimanere nell’UE per 90 giorni senza la necessità di richiedere un visto. Puoi vedere come è organizzato tutto. Ma è già noto che una buona parte degli ucraini che vogliono raggiungere l’Europa lo fanno perché una parte dei loro parenti vive in quei paesi.

Questo è stimato fino ad ora Circa 400.000 ucraini sono già fuggiti dal Paese. Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), quel numero continuerà ad aumentare. Un gran numero di rifugiati è arrivato nei paesi confinanti con l’Ucraina. Ma alcuni autobus e auto con immigrati hanno già iniziato ad arrivare in Italia. In effetti, una delle più grandi comunità ucraine d’Europa ha una popolazione di circa 236.000 abitanti nella penisola. E i sindaci delle città in cui risiedono stanno aprendo le loro porte e facendo in modo che organizzazioni di solidarietà e commercianti li ricevano e li assistano. Ad esempio, un uomo d’affari di Treviso (nord Italia) possiede una fabbrica di bevande che offre alloggio e lavoro agli ucraini.

L’Ucraina nell’Unione Europea?

Da tutta l’assistenza fornita a livello umanitario e militare, è chiaro quanto l’Europa sia contro l’Ucraina (o contro Putin?). Oggi si è aperta un’altra opportunità: L’Ucraina entrerà a far parte dell’Unione Europea. Questo desiderio è stato apertamente espresso dal presidente dell’Ucraina Volodymyr Zhelensky in una videoconferenza al Parlamento europeo. “Vogliamo essere membri dell’UE con tutti i diritti. Mostriamo a tutti quello che siamo”, ha affermato, chiedendo una procedura speciale di approvazione, che sarebbe “molto difficile” perché l’inserimento di nuovi membri dell’UE richiederebbe mesi o anni per essere valutati da esperti È risaputo che la maggioranza dei parlamentari sarà d’accordo.

READ  L'Italia è a un punto dalla conquista della Romania