Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia è indietro di anni sui rientri della cittadinanza e già ci sono proteste al consolato di Rosario

Gli argentini che chiedono la cittadinanza italiana denunciano gli eccessivi ritardi nella risposta alla risoluzione di queste procedure presso la Missione Rosario dell’Ambasciata. Stanno chiamando i turni del 2014 e quelli in funzione stanno impiegando più tempo del consentito. Questo lunedì mattina, i membri del Movimento degli italiani in attesa del riconoscimento del Rosario (Miero) hanno manifestato a Montevideo 2182, davanti alla porta del palazzo dell’ambasciata, chiedendo velocità per risolverli.

Secondo gli organizzatori della protesta, che ha riunito persone provenienti da tutta la costa (la giurisdizione dell’ambasciata del Rosario comprende Santa Fe, Entre Rios, Corrientes, Missions, Formosa, Chaco e le regioni settentrionali di Buenos Aires), il gruppo era creato per monitorare gli interessi di coloro che hanno depositato documenti, in particolare la cittadinanza. Tenendo conto di tutto ciò, Secondo un decreto presidenziale italiano del 2014, le procedure di cittadinanza presso i rappresentanti della rete diplomatica all’estero richiedono al massimo 730 giorni per essere risolte.

Per questo motivo, richiedono scarsa attenzione diplomatica in relazione ai ritardi in questi processi amministrativi. All’interno del gruppo ci sono più di 150 fascicoli presentati per periodi che superano tale limite, e addirittura 40 fascicoli che hanno già più di tre anni.. In media, si stima che ogni file riguardi molte persone, di cui circa 700 persone interessate.

“Al di là del gran numero di città e province nella circolare dell’ambasciata, è quello che sta accadendo a Rosario. Se le cartelle fornite non sono esposte, non è possibile richiamarne di nuove continuativamente oltre i turni forniti.Oggi sono stati assegnati turni fino a 21.700, ma alla fine ne sono stati chiamati 18.750.

READ  C'è un pre-accordo con il Napoli

Regressione storica

Pertanto, le nuove procedure sono temporaneamente sospese fino alla convocazione dell’ultimo turno previsto. I chiamanti per presentare i documenti lo hanno richiesto nel 2014. Una volta fornito tutto, aspettano in media 3 o 4 anni per la cittadinanza. L’intero iter, poi, dura circa 12 anni dal momento della richiesta del metodo.

In questo senso, dal sistema Capiscono che il dipartimento per la cittadinanza dell’ambasciata deve essere più efficiente nel suo lavoro, una sezione che analizza le pratiche dello Jus Sanguinis sotto il sistema della Riforma. Per questo è necessaria una gara per il personale interinale, oppure vengono inviate da Roma più risorse per assumere risorse umane che possano svolgere il lavoro sul territorio. Altrimenti la situazione di Rosario proseguirà con ritardo.

Il gruppo ha avuto la partecipazione ai social network, la prima mossa faccia a faccia. Al momento dell’apertura della Sezione Diplomatica, Hanno marciato attraverso la porta con slogan e sono stati sgomberati dalla sicurezza dell’edificio a mezzogiorno. Tuttavia, non vi è stata risposta da parte delle autorità, che le hanno accusate di “cercare di essere invisibili e di insabbiare”.

La mozione è stata ereditata dal precedente ambasciatore, Martin Brooke, andato in pensione nel 2021. Nel 2022 Marco Bocci ha assunto il suo incarico e deve ancora conoscerlo. Allo stesso tempo, Sono in colloquio con i rappresentanti consolari degli italiani all’estero in regione (comitati), che hanno detto loro di gestire queste risorse, ma non hanno ancora una voce specifica per la città.