Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo contraccolpo per ChatGPT in Italia

Nuovo contraccolpo per ChatGPT in Italia

ChatGPT potrebbe essere nuovamente bloccato in Italia. Lui Garante Italiano per la Protezione dei Dati Personali (GPDP) Contattato OpenAI Coloro che scoprono le prove contro l'imputato Violazioni lGli occhi della protezione dei dati come il GDPR dell'Unione EuropeaLo ha affermato l'autorità italiana in un comunicato attraverso il loro sito web.

Alla fine di marzo dello scorso anno l’azienda bloccò «con effetto immediato“Accesso alla fama Strumento di intelligenza artificiale (AI).. Adesso, dopo quasi un anno di indagini, il Garante della Privacy lo ha confermato Open AI non rispetta diversi punti della normativaTuttavia, per ora ChatGPT non ha specificato quali fossero le violazioni. «L'Autorità ha ritenuto che i beni acquisiti In relazione alle disposizioni normative comunitarie possono configurarsi uno o più reati“, Egli ha detto.

L'autorità italiana ha provveduto Periodo di 30 giorni per OpenAI difendersi dai reati di cui è accusato Regolamento generale sulla protezione dei dati. «Nel definire la procedura, il Garante terrà conto del lavoro svolto nell'ambito del gruppo di lavoro specializzato creato dal Consiglio che riunisce le autorità europee per la protezione dei dati (CEPD).“, hanno sottolineato.

OpenAI afferma di essere conforme al GDPR

Da parte sua, nelle dichiarazioni TechCrunch, OpenAI ha confermato il suo impegno per la conformità al GDPR: «Riteniamo che le nostre pratiche siano conformi al GDPR e ad altre leggi sulla privacy e adottiamo misure aggiuntive per proteggere i dati e la privacy delle persone.«. L'azienda, guidata da Sam Altman, ha confermato gli sforzi per ridurre la pratica di ChatGPT utilizzando quanti più dati personali possibile.

READ  L'Italia stima il potenziale per gli stadi di aumentare del 75% all'estero e del 50% al chiuso

«La nostra intelligenza artificiale vuole conoscere il mondo, non le singole persone. Lavoriamo attivamente per ridurre al minimo i dati personali nella formazione dei nostri sistemi, come ChatGPT, che rifiuta anche le richieste di informazioni personali o sensibili sugli individui.“, hanno detto ai suddetti media, “Continuare a lavorare in modo costruttivo con il garante«.

Se tale non conformità viene confermata, OpenAI rischia una multa fino a 20 milioni di euro o il 4% delle sue entrate globali.