Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia diventa il nuovo uomo economico malato d’Europa  internazionale

L’Italia diventa il nuovo uomo economico malato d’Europa internazionale

L’Italia è al centro della maggior parte dei dubbi sulla ripresa europea, ed è diventata un centro di ansia e allarme, perché una battuta d’arresto nel Paese potrebbe portare a conseguenze fatali per l’intera Unione. È il terzo paese più importante della zona euro, ma la sua economia è stagnante dopo mesi di leggero miglioramento e i dati pubblicati da Eurostat sono peggiori del previsto. Il Paese transalpino si trova ad affrontare gravi problemi legati al debito pubblico e…

Registrati gratuitamente per continuare a leggere

Se hai un account EL PAÍS, puoi usarlo per identificarti

L’Italia è al centro della maggior parte dei dubbi sulla ripresa europea, ed è diventata un centro di ansia e allarme, perché una battuta d’arresto nel Paese potrebbe portare a conseguenze fatali per l’intera Unione. È il terzo paese più importante della zona euro, ma la sua economia è stagnante dopo mesi di leggero miglioramento e i dati pubblicati da Eurostat sono peggiori del previsto. Il Paese transalpino si trova ad affrontare gravi problemi di debito pubblico e default bancari, oltre alla possibilità di una nuova crisi politica in autunno, quando si terrà un referendum che potrebbe concludersi con le dimissioni del Primo Ministro Matteo Renzi, che ha promesso che si dimetterà se la sua riforma della Costituzione non riceverà sostegno.Urne elettorali.

maggiori informazioni

“I rischi maggiori sono nel breve termine [para la zona euro] Sono in Italia. La combinazione di crisi bancaria e politica potrebbe rappresentare una seria minaccia per la debole ripresa europea.

Tra aprile e giugno, l’economia italiana ha registrato una crescita zero, superiore anche alle peggiori previsioni, che indicavano un progresso minimo dello 0,15% (rispetto allo 0,3% previsto dal governo). Il motivo principale della recessione è stato il settore, che a giugno è sceso dello 0,4% rispetto a maggio e dell'1% rispetto all'anno precedente.

READ  Il governo ha chiesto al Congresso di approvare il progetto delle entrate straordinarie: 'Ci sono più questioni prioritarie all'ordine del giorno del PASO'

La crescita è stata di un modesto 0,7% rispetto allo scorso anno, un dato che contrasta con il 3,2% della Spagna. In Italia è preoccupante vedere come la domanda nazionale si stia contraendo, e sono solo le esportazioni la ragione principale per cui i numeri non sono peggiori. Con questo quadro panoramico, il governo sta già valutando la possibilità di abbassare le previsioni di crescita sia per quest'anno che per il 2017, secondo i media locali. Giornale economico El Sol 24 Crudo Egli riferisce che la crescita del paese raggiungerà lo 0,6% entro la fine dell'anno, la metà di quanto previsto dal governo l'anno precedente.

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

Partecipare

Il vice ministro dell’Economia, Enrico Morando, lo ha riconosciuto: “Non c’è dubbio che, sulla base di questi dati, appare difficile raggiungere l’obiettivo di crescita dell’1,2% che ci eravamo prefissati per il 2016”. Morando giustifica però che la situazione dell’economia italiana dipende in larga misura “dal contesto internazionale, che è sempre più incerto”.

Alla mancata crescita si aggiungono i problemi del sistema bancario, che potrebbero provocare una tempesta perfetta in Italia. Il mese scorso, il Fondo monetario internazionale ha puntato i riflettori sulle banche italiane perché le entità transalpine immagazzinano 360 miliardi di dollari in crediti in sofferenza (il 22% del PIL del paese), che rappresentano un terzo di tutti i prestiti in sofferenza nell'euro. zona. Il FMI ha avvertito che “il contagio regionale e globale potrebbe essere significativo dato il peso sistemico dell’Italia”.

Il debito pubblico è il terzo aspetto che preoccupa Bruxelles riguardo all'Italia, il Paese più indebitato d'Europa dopo la Grecia (oltre il 132% del Pil). Questo numero tende a peggiorare se non si raggiunge la crescita.

READ  Yellen afferma che il default degli Stati Uniti minaccerebbe l'economia globale e minerebbe la leadership del paese Da Reuters

La stagnazione dell'economia italiana ha significato “spruzzare acqua fredda sul governo Renzi, che sperava di trovare nuove risorse da destinare a pensioni e investimenti, e che si aspettava che buoni numeri riuscissero a convincere l'Ue a concedere maggiore flessibilità al settore pubblico”. Conti”, dice il giornale Repubblica.

La deriva del Paese dipenderà in gran parte dal suo Primo Ministro, Matteo Renzi. Gli esperti già presumono che saranno necessarie nuove riforme strutturali. “In un contesto economico internazionale divenuto complesso, l'Italia sottolinea le difficoltà che dovrà affrontare nel lungo termine. Non esiste alternativa a una politica economica che includa riforme strutturali e il recupero della competitività, danneggiata dopo anni di esitazione”, spiega Andrea Goldstein, direttore generale dell'Agenzia. Società di consulenza Nomisma.

“È chiaro che sarà necessaria un'iniziativa comune”, ritiene l'analista Nicola Saldutti, avvertendo che con questo scenario si pone una questione politica, perché i partiti di opposizione accusano Renzi di non riuscire a realizzare la ripresa del Paese. Tutto potrebbe esplodere se Renzi si dimettesse in autunno e scoppiasse una crisi politica, ponendo fine allo straordinario periodo di stabilità che il Paese vive da più di due anni.