Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia italiana è cresciuta nel 2015, dopo tre anni di recessione

L’economia italiana è cresciuta nel 2015, dopo tre anni di recessione

La gente cammina per strada davanti a un negozio durante i saldi invernali nel centro di Roma, il 5 gennaio 2016. afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2016 – 18:07


(AFP)

Il Pil italiano è cresciuto dello 0,8% nel 2015 dopo tre anni di recessione, secondo i dati definitivi dell'Istituto italiano di statistica (Istat).

La stima precedente, al 12 febbraio, riportava una crescita dello 0,7%. Gli anni 2013 e 2014 hanno registrato una contrazione economica rispettivamente dell’1,9% e dello 0,4%. A metà gennaio la Banca d’Italia prevedeva un aumento del PIL dello 0,8% nel 2015 e dell’1,5% nel 2016 e nel 2017.

Da parte sua, il disavanzo generale della terza economia della zona euro è sceso dal 3% nel 2014 al 2,6% del Pil, il livello più basso dal 2007.

La disoccupazione è rimasta stabile a gennaio (11,5%), secondo i dati provvisori diffusi martedì dall'Istat. Tuttavia, il numero dei disoccupati tra i 15 ei 24 anni è tornato a crescere (+0,7 punti aggiuntivi in ​​un mese), raggiungendo il 39,3%, molto più alto della media europea, che si attesta al 22%.

“Sul piano economico la situazione internazionale non è facile, i mercati oscillano a ritmo vertiginoso e la crisi ha lasciato effetti terribili. Sappiamo che c'è molto da fare, a partire dalla disoccupazione giovanile e dalla battaglia per gli investimenti, soprattutto nel Sud”, ha spiegato il presidente del Consiglio Matteo Renzi su Facebook. Sottolinea che “i dati mostrano che l'Italia è in ripresa”.

L’Italia ha adottato a dicembre la legge di bilancio 2016, basata su un deficit pari al 2,4% del Pil, rispetto al 2,2% previsto a novembre. La Commissione europea dovrà pronunciarsi entro circa due mesi su questa legge, una questione che sta generando tensioni perché l'Italia vuole beneficiare delle nuove misure di flessibilità del bilancio europeo a causa degli alti costi che ospitare i migranti comporta per il Paese.

Tuttavia, diversi paesi europei, tra cui la Germania, hanno indicato che Roma ha già beneficiato in modo significativo della flessibilità. Le tensioni tra Renzi e la Commissione europea, in particolare con il presidente Jean-Claude Juncker, si sono allentate dopo la visita di quest'ultimo a Roma venerdì.

Renzi ha sottolineato che se si raggiungesse un deficit del 2,4% sarebbe “il più basso degli ultimi dieci anni”, ribadendo la volontà di ridurre il debito pubblico.

READ  Il Papa chiama gli uomini d'affari della Galizia per un'economia che non generi "la più grande ingiustizia" e combatta la miseria