Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ammorbidisce la sua posizione offrendo porto a tre navi che trasportano più di 500 migranti

Gonzalo Sanchez

Roma, 9 dic. Le autorità italiane hanno dato oggi il permesso a tre navi umanitarie di attraccare nei loro porti con oltre 500 migranti soccorsi nel Mediterraneo. Il mese scorso un giro di vite contro le ONG ha portato a un cambiamento nella politica per costringerle a distribuire i richiedenti asilo. Unione Europea (UE).

“L’Italia non avrà mai una risposta favorevole, ma le regole devono essere rispettate dalle Ong”, ha affermato il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani dal vertice euromediterraneo di Alicante (Spagna).

L’Italia, governata dall’estrema destra Giorgia Meloni dallo scorso ottobre, ha risposto alle richieste di porto sicuro per tre navi umanitarie soccorse nei giorni scorsi nel Mediterraneo centrale con più di 500 migranti a bordo.

Geo Genitori di Medici Senza Frontiere (Msf), 248 migranti dopo l’evacuazione di un ragazzo di 14 anni e di una madre che hanno partorito a bordo (insieme ad altri quattro bambini); Humanity 1 dell’organizzazione tedesca SOS Humanity con 261 persone e Louis Michel 33 salvate.

Quest’ultimo, finanziato dall’artista urbano Banksy, è riuscito ieri mattina a entrare nel porto di confine meridionale italiano di Lampedusa, al largo della costa tunisina.

Nel pomeriggio, MSF ha ricevuto dalle autorità italiane il permesso di portare i propri soccorritori al porto di Salerno, a sud di Napoli. Per fare questo, hanno dovuto resistere per 24 ore con condizioni meteorologiche avverse, ma l’ONG l’ha definita una “buona notizia”.

Humanity 1, che da allora ha chiesto il permesso di attraccare in Italia cinque volte, ha ricevuto l’approvazione per farlo nella città di Bari, in Puglia, sulla scia di un “varo italiano”, secondo quanto riferito dai media locali.

READ  I mercati azionari europei aprono piatto dopo il ritorno della BCE, con volatilità in Italia

La rapida risposta di oggi dall’Italia contrasta con la situazione di un mese fa, quando il governo di Meloni e Matteo Salvini ha ignorato per giorni le richieste delle navi delle Ong.

In un primo momento è stato proibito loro di attraccare, ma poi hanno aperto i loro porti per imporre sbarchi selettivi, cioè accettando solo migranti vulnerabili, anche se avrebbero permesso a tutti di sbarcare.

Il conflitto portò in crisi con Parigi poiché una delle navi respinte all’epoca, la Ocean Viking dell’organizzazione SOS Méditerranée, dovette lasciare le coste italiane per dirigersi verso il porto francese di Tolone (sud) con 230 migranti. .

La strategia aveva lo scopo di innescare un dibattito sulla distribuzione europea dei richiedenti asilo, poiché Roma ritiene che i migranti dal Mediterraneo centrale debbano essere gestiti attraverso la coesione sociale.

Due settimane dopo, la Commissione europea ha presentato un piano d’azione volto a rafforzare il meccanismo di solidarietà concordato per aiutare i paesi dell’UE che accolgono un gran numero di migranti irregolari.

Proprio poco dopo che l’Italia ha aperto i suoi porti alle suddette tre navi, l’ambasciatore tedesco a Roma, Victor Elbling, ha annunciato che il suo Paese aveva preso in carico i primi 164 richiedenti asilo giunti in Italia.

“La solidarietà sta funzionando. La Germania ha accolto un gran numero di migranti dall’Italia attraverso il meccanismo di solidarietà concordato. Sono vite, non numeri. Stiamo lavorando a stretto contatto con l’Italia”, ha twittato.

Questa settimana la Meloni ha preso parte a Tirana a un vertice tra Ue e Balcani occidentali e ha celebrato “per la prima volta” il tema delle migrazioni come una “priorità” per Bruxelles.

READ  Google Pay: salva, paga, gestisci

Ma ha sottolineato un fattore importante: l’Italia, per la sua posizione geografica, si trova in una “pinza” tra i flussi migratori dal Mediterraneo centrale al sud, dalla pericolosa costa africana, attraverso l’Europa orientale e che la raggiungono. Confine settentrionale.

L’arrivo di migranti su quest’ultima rotta è recentemente aumentato e dal 1° gennaio al 25 ottobre di quest’anno sono stati rilevati 4.101 migranti irregolari, rispetto ai 1.350 dello stesso periodo dell’anno scorso.

Per questo i rappresentanti di governo delle province settentrionali di Gorizia, Trieste, Udine e Bolzano hanno disposto il rafforzamento dei controlli alle frontiere.

Per questo Tajani ha chiesto ad Alicante partner europei per “contribuire a ridurre i conflitti” nei Balcani. EFE

gsm/vh

(Foto)(Video)