Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’intelligence russa pubblica il video del presunto assassino della figlia del “mentore di Putin”

Roma- I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno pubblicato un video che mostra i movimenti di Natalia VovkLa donna ucraina che il Cremlino ha definito un’assassina Daria Dogina.

Come si può vedere nel video – scrive l’agenzia di stampa TASS – la donna e la figlia sono entrate in Russia il 23 luglio dopo un esame doganale.“.

Il video mostra anche il filmato di lei che entra nel condominio Dogina e lascia la Russia per l’Estonia. È stata fotografata con sua figlia al confine alle 12:02 del 21 agosto.

E i media russi affermano che “la sua auto, come mostrano le foto trasmesse, è stata perquisita a fondo”, ma Vovk è riuscito ad attraversare il confine. L’Ucraina nega qualsiasi coinvolgimento L’accusa dell’FSB non è stata ancora verificata da terzi.

L’intelligence russa pubblica il video del presunto assassino

Oggi l’FSB ha accusato i servizi segreti ucraini di aver ucciso Dugina.

Dugina, il cui padre era l’eminente teorico Alexander Dugin, è morto sabato sera quando Un sospetto ordigno esplosivo è esploso Gli investigatori russi hanno detto che era guidato da un Toyota Land Cruiser. L’Ucraina ha negato qualsiasi ruolo.

Il Servizio di sicurezza federale ha affermato che l’attacco è stato effettuato prima Vovk è una donna ucraina, nata nel 1979.

Daria Dugina e Alexander Dugin

Ha detto che la donna e sua figlia adolescente sono arrivate in Russia a luglio e hanno trascorso un mese a prepararsi per l’attacco affittando un appartamento nello stesso condominio e facendo ricerche sullo stile di vita di Dugina, secondo una dichiarazione dell’FSB raccolta dalle agenzie di stampa.

READ  Numero record di domande di residenza in Uruguay grazie all'aumento degli argentini che cercano di emigrare

L’aggressore ha partecipato sabato sera a un evento fuori Mosca in cui erano presenti anche Dugina e suo padre, prima di effettuare una “esplosione controllata” dell’auto di Dugina, in fuga dalla Russia verso l’Estonia, riferisce l’FSB.

“Vovk avrebbe potuto usare sua figlia per nascondere il crimine. Una teoria è che avrebbe potuto mettere l’ordigno esplosivo nell’auto di Dogina con l’aiuto del bambino”.

Non c’è stata una risposta immediata da Kiev alla dichiarazione dell’FSB.

Alexander Dugin, il padre di Daria, è un teorico ultranazionalista che ha sostenuto la violenza per realizzare l’unificazione delle regioni di lingua russa e di altre terre in un vasto nuovo impero russo.

Daria Dogina
Daria DoginaTwitter

Daria, che è apparsa regolarmente alla televisione di stato russa, era un’ampia sostenitrice delle opinioni di suo padre e una sostenitrice di quella che la Russia chiama la sua “operazione militare speciale” in Ucraina, che Kiev e l’Occidente descrivono come una guerra di conquista in stile imperiale.

Nel suo primo post su Telegram dopo l’attacco, Dugin ha affermato che “i nemici della Russia l’hanno vigliaccamente uccisa e che Daria non ha mai invocato violenza e guerra”.come riportato dall’agenzia di stampa russa RIA Novosti.

“Come tutti sanno – dice il messaggio di Dugin su Telegram – dopo un attentato terroristico da me compiuto regime nazista ucrainoIl 20 agosto, al ritorno dal Festival delle Tradizioni vicino a Mosca, mia figlia Daria Dugina è stata brutalmente uccisa da Esplosione davanti ai miei occhi“.

Era una bella ragazza ortodossa, una patriota, una corrispondente militare, un’esperta di questioni centrali, una filosofa. I suoi discorsi e le sue storie sono sempre stati profondi, radicati e miti.

Alessandro Dugin
Alessandro DuginFrancesca Ebel – AFP

Non ha mai invocato la violenza e la guerra. Era una stella nascente all’inizio del suo viaggio. È stata segretamente uccisa dai nemici della Russia … “, ha ampliato.

READ  'Decollo con turbolenza': le battute d'arresto, gli errori e i problemi interni che hanno complicato Gabriel Borich nelle sue prime settimane in Cile

“Ma noi, il nostro popolo – continuava il filosofo – non possiamo essere sconfitti nemmeno da colpi così insopportabili”.

L’influenza di Dugin in Russia e la sua vicinanza al presidente Vladimir Putin è stata oggetto di speculazioni.

Alcuni osservatori russi gli attribuiscono un’influenza significativa sulla politica estera di Mosca, dicendo che ha contribuito a gettare le basi ideologiche affinché Putin adottasse una politica estera più aggressiva ed espansionistica. Altri dicono che ha scarso effetto ed effetto. Questo uomo di 60 anni non ha mai ricoperto alcun incarico ufficiale al Cremlino.

Dugin non ha risposto alle domande inviate domenica via e-mail a un indirizzo sul sito web del Movimento Internazionale Eurasiatico, da lui fondato.

Putin, invece, oggi ha espresso le sue condoglianze a Dugin. “Cari Alexander Gelevich e Natalia Viktorovna, per favore accettate le mie sincere condoglianze e le mie parole di sostegno in relazione all’enorme e irreparabile perdita subita da voi”, si legge in una nota compilata dalle agenzie di stampa ufficiali russe.

Con questo testo, Putin ha lamentato che “un crimine spregevole e brutale ha spezzato la vita di Daria Dugina”, una donna che il presidente ricorda come “brillante” e “con un vero cuore russo” nei suoi vari lavori di giornalista. scienziato o filosofo. “Ha mostrato cosa significa essere patriottici”, ha aggiunto.

ANSA e agenzie Reuters